La privacy è un punto di riferimento in questi giorni, dal momento che i governi sembrano determinati a minare i loro cittadini per questo motivo per numerose ragioni.

Per il pubblico, le storie che rivelano relazioni speciali che Google, Microsoft e Yahoo hanno con la NSA e altri servizi di sicurezza, alimentano solo le loro preoccupazioni che tutto ciò che fanno online viene letto da altri per fini nefandi.

ProtonMail è il presunto antidoto ai sistemi di posta elettronica compromessi. Un servizio di posta elettronica in cui tutte le comunicazioni possono essere crittografate e i messaggi possono persino autodistruggersi.

La tua missione, se scegli di accettarla, è quella di leggere questa recensione e determinare se ProtonMail è la risposta alle tue preoccupazioni sulla privacy o solo una extra.

  • Vuoi provare ProtonMail? Controlla qui il sito web

Quando si tratta di prezzi, ProtonMail ha tre livelli a pagamento e uno gratuito (Image Credit: Proton Technologies)

(Immagine: © Image Credit: Proton Technologies)

Prezzi

ProtonMail ha un account gratuito con una ‘funzionalità limitata’ che include 150 messaggi al giorno, 500 MB di spazio di archiviazione e supporto limitato.

Il primo livello a pagamento è l’account Plus che costa $ 4,00 al mese che consente di inviare fino a 1.000 email al giorno, conservare fino a 5 GB di email in archivio, avere cinque alias email e utilizzare il proprio nome di dominio, se necessario.

C’è anche un livello utente aziendale in cui ogni dipendente fatturati a $ 6,25 al mese per utilizzare il servizio.

Questa è l’interfaccia di ProtonMail che è abbastanza familiare agli altri client di posta elettronica che potresti aver usato (Image Credit: Proton Technologies)

Caratteristiche

Se hai utilizzato Google Mail, Outlook.com o qualcosa di simile, non troverai molto su ProtonMail jarring, poiché segue un modello molto simile.

C’è una casella di posta riconoscibile, è possibile creare cartelle per le conversazioni e-mail specifiche da vivere, e ci sono filtri da utilizzare sulle e-mail in arrivo e così via.

E, per la maggior parte degli utenti, inizialmente potrebbe sembrare che ci sia poca differenza tra questa e-mail e qualsiasi altra soluzione basata sul web.

Con ProtonMail puoi impostare un tempo di scadenza per ogni e-mail che invii (Image Credit: Proton Technologies)

(Immagine: © Image Credit: Proton Technologies)

Un’altra caratteristica utile del sistema è la possibilità di fare in modo che le e-mail si autodistruggano in un momento specifico dopo che sono state inviate.

Citiamo questa capacità perché questa è la caratteristica esatta che la famigerata Cambridge Analytica usava su ProtonMail per offuscare la sua famigerata attività rispetto ai dati raccolti su Facebook e venderla.

Tuttavia, solo una delle parti in questi scambi non deve essere un utente di ProtonMail o inoltrare un’e-mail, e il gioco è scaduto, qualora si verifichino delle indagini.

Dato l’esempio di Cambridge Analytics, che stai usando ProtonMail ti suggerirà di avere qualcosa da nascondere anche se non hai fatto nulla di sbagliato, e avere il sistema configurato per inviare e-mail a tempo limitato potrebbe servire solo a migliorare quella impressione eventuali forze dell’ordine, dovrebbero indagare su di te.

Potrebbe sembrare selvaggiamente ingiusto, ma questo è il mondo in cui viviamo.

ProtonMail offre anche app mobili per Android e iOS (Image Credit: Proton Technologies)

(Immagine: © Image Credit: Proton Technologies)

Esistono app mobili per iOS e Android che forniscono funzionalità quasi identiche alla versione web. Non ci sono app installabili sul desktop.

Tuttavia, se si sceglie di utilizzarlo, è possibile allegare file di dimensioni fino a 25 MB o includere collegamenti a file di dimensioni maggiori memorizzati altrove nell’archivio Cloud.

Dove è diverso è che quando si compone un’e-mail, si ha la possibilità di crittografare l’e-mail con una password richiesta dal destinatario dall’altra parte per accedere al messaggio.

Puoi fornire loro un “suggerimento” su quale potrebbe essere la password o inviare la password con altri mezzi. Ma con qualunque mezzo tu voglia ottenere quel pezzo di informazione, per farlo funzionare devono saperlo.

E, devono ricordare quella specifica password se mai vogliono leggere di nuovo quella email.

Sulla versione a pagamento del servizio, è possibile associare password con i contatti che consentono loro di essere automaticamente riutilizzati con ogni posta che vengono inviati da quel punto in poi.

Questa situazione, come ci si potrebbe aspettare, è più semplice se entrambe le parti utilizzano ProtonMail o se si utilizza una chiave di crittografia pubblica, ma ciò presuppone un livello di coordinamento che non è pratico o realizzabile per alcuni.

Ci si potrebbe chiedere cosa succede se si dimentica la password di ProtonMail e si è costretti a ripristinarla?

Questa non è una grande situazione. Perché come ProtonMail non conserva una copia della tua password (secondo loro). E, mentre può rendere nuovamente attivo il tuo account, e puoi vedere le e-mail nelle tue cartelle, non sarai in grado di vedere i contenuti senza quella password.

Tutto da prima che la modifica della password ti venga negata, per sempre.

E la crittografia di tutta la posta ha anche un altro aspetto negativo importante che abbiamo notato.

Come utenti di Gmail, spesso abbiamo bisogno di fare riferimento a una vecchia e-mail, e di solito lo troviamo inserendo una parola che sappiamo essere nei contenuti nella casella di ricerca.

Questo approccio potrebbe funzionare con Gmail e la maggior parte dei sistemi di posta elettronica, ma non con ProtonMail. Non tiene gli indici delle e-mail crittografate per cercare quelle parole, quindi la ricerca per contenuto non è possibile.

Per chiunque utilizzi estesamente questo è uno svantaggio principale ed è solo in grado di trovare un’e-mail dal nome del contatto o con una parola nel titolo è davvero molto limitante.

Tutte le e-mail inviate con ProtonMail sono protette con crittografia a zero accessi e persino l’azienda non ha la capacità di leggere i messaggi (Image Credit: Proton Technologies)

(Immagine: © Image Credit: Proton Technologies)

Sicurezza

L’intero scopo di ProtonMail è di essere sicuro, sebbene ciò comporti alcune restrizioni sul modo in cui tu e coloro che comunichi con esso.

L’invio di e-mail completamente crittografate a coloro che non utilizzano ProtonMail richiede loro di avere la password come precedentemente menzionato, e se si intende inviare e-mail regolari, è probabilmente più facile ottenere loro un account gratuito da utilizzare per lo scopo.

Le e-mail crittografate non viaggiano mai o si fermano in un formato non criptato e se attivi l’autenticazione a due fattori, dovrebbe essere ragionevolmente sicuro da chiunque indovini la tua password.

Gran parte dei complimenti viene data sul sito Web ProtonMail delle ubicazioni dei server fisici in Svizzera e su come questo li incoraggi in qualche modo a resistere alle richieste legali di altri paesi di fornire accesso alle e-mail contenute nel proprio sistema.

I paralleli sono pensati per essere fatti, supponiamo, con il sistema bancario svizzero, infame per tenere i conti bancari dei regimi peggiori e dei loro leader dalle autorità internazionali.

Tuttavia, gli svizzeri hanno anche accordi di scambio di informazioni con artisti del calibro degli Stati Uniti e, in tal senso, sono tenuti a consegnare i dati in determinate circostanze.

Si afferma anche che nemmeno ProtonMail può leggere le e-mail dei propri clienti, ma ciò è credibile?

ProtonMail dichiara di non possedere le chiavi di crittografia che consentirebbero loro di sbloccare le e-mail, consentendo loro di consegnare le e-mail crittografate, ma non i mezzi per accedervi.

Diversi hacker hanno affermato di aver hackerato ProtonMail, anche se fino ad ora non erano disposti a dimostrarlo.

Fino a quando un hacker non produce prove di attacco con successo a ProtonMail, sembra ragionevolmente sicuro presumere che si tratti di un sistema sicuro, per ora.

L’invio di un’e-mail con ProtonMail è un processo sorprendentemente familiare (Image Credit: Proton Technologies)

(Immagine: © Image Credit: Proton Technolgoies)

Prestazione

Le prestazioni di ProtonMail sono generalmente buone e siamo rimasti particolarmente colpiti dalla rapidità con cui accetta gli allegati.

Quello che non possiamo facilmente testare è se la velocità del sistema si riduce quando ci sono migliaia di email su di esso, anche se come potete vedere solo un numero limitato di email in qualsiasi momento, dovrebbe comunque essere veloce.

Il punto in cui rallenta è quando lo si utilizza in modalità pannello di anteprima, poiché ogni e-mail deve essere decodificata mentre la si evidenzia per riempire il pannello con i contenuti.

Essere in grado di spostarsi avanti e indietro tra una vista con il pannello e un altro con solo la lista è importante se si hanno molte e-mail da navigare, e quindi fare clic su quelle che è necessario leggere.

Verdetto finale

Nonostante alcune funzioni utili, ci sono problemi con ProtonMail, e non stiamo parlando solo di bug o altri punti tecnici.

Durante la ricerca di questa recensione, abbiamo trovato un numero significativo di clienti gratuiti e paganti con cose difficili da dire sul lato dei servizi clienti di questa attività.

Una tendenza particolarmente preoccupante sono i clienti che, per ovvi motivi, hanno congelato i loro account. Uno scenario dal quale non hai appello nemmeno se ti ha accusato di frode o di qualche altra illegalità.

Una volta che ciò accade, non potrai mai più accedere a quelle e-mail e da ciò capiamo che ProtonMail le cancella tutte.

E per buona misura, alcuni clienti paganti li hanno anche accusati di irregolarità nella fatturazione.

Qualsiasi azienda considerevole raccoglie reclami. Tuttavia, ProtonMail sembra raccogliere una percentuale molto alta di loro rispetto ai riconoscimenti, e quando più utenti fanno reclami identici o simili, non può essere facilmente respinto.

A causa di questi problemi e di altri problemi relativi alle prestazioni, è difficile raccomandare l’utilizzo di questo strumento per scopi commerciali.

Dovremmo anche ricordare che se si installa PGP sul proprio computer e su quello della persona che si desidera comunicare in modo sicuro, è possibile utilizzare quasi tutti i sistemi di posta elettronica e ottenere risultati simili. E questo non costa nulla.

Scansionando i commenti positivi fatti su questo business, è facile trovare persone che vogliono qualcosa che non è controllato da Google, Microsoft o Yahoo. ProtonMail si adatta certamente a questi criteri, ma a quale costo?

Ma ciò che guadagni in protezione teorica da occhi indiscreti ti abbandona in termini di sicurezza, sviluppo, design e integrazione software più ampi.

  • Controlla anche i migliori client di posta elettronica