Home recensioni vita Recensione LG G1 (OLED65G1): “OLED evo” è arrivato ed è incredibile

Recensione LG G1 (OLED65G1): “OLED evo” è arrivato ed è incredibile

0
Recensione LG G1 (OLED65G1): “OLED evo” è arrivato ed è incredibile

L’LG G1 è davvero un grosso problema. Qualsiasi nuovo TV LG OLED è importante per i fan AV, ovviamente, poiché sono alcuni dei migliori televisori al mondo. Ma il G1 alza la posta essendo il primo LG OLED in un’epoca che rivendica un sostanziale progresso hardware rispetto ai suoi predecessori, piuttosto che fare affidamento su nuovo software e piccoli “ritocchi” del pannello.

Inoltre, il principale beneficiario del nuovo design del pannello è l’unica area delle prestazioni delle immagini che è probabilmente il principale tallone d’Achille di OLED: la luminosità. Anche i migliori televisori OLED faticano a superare la stessa luminosità dei televisori LED di fascia media, affidandosi invece ai loro livelli di nero di gran lunga superiori per creare un grande contrasto HDR. E ha funzionato!

Ma significava che corrono il rischio di apparire sbiaditi in stanze luminose e lasciava sempre la possibilità allettante che potessero offrire una gamma dinamica ancora maggiore se la luminosità fosse stata aumentata. E ora eccoci qui.

Oggi stiamo testando l’LG OLED65G1, la versione da 65 pollici del set, in lizza per un posto nella nostra lista dei migliori televisori da 65 pollici.

(Credito immagine: LG)

Recensione LG G1: prezzo e caratteristiche

L’LG G1 è disponibile in tre dimensioni: LG OLED55G1 da 55 pollici per £ 1.999 / $ 2.199, LG OLED65G1 da 65 pollici per £ 2.999 / $ 2.999 o LG OLED77G1 da 77 pollici per £ 4.799 / $ 4.499.

A prima vista, il prezzo dell’LG OLED65G1 che stiamo testando sembra piuttosto alto. Dopotutto, costa £ 500 in più rispetto all’OLED65C1 step-down di LG.

La gamma C1, tuttavia, non ha il nuovo pannello ad alta luminosità. E quando inizi a guardare i prezzi di altri televisori OLED che utilizzano hardware ad alta luminosità, il prezzo del G1 inizia a sembrare più che giusto. L’imminente A90J da 65 pollici di Sony, ad esempio, è impostato a £ 3.500 / $ 3.999, mentre l’HZ2000 di Panasonic del 2020 è stato lanciato a una cifra decisamente allettante di £ 4.300 a 65 pollici (nessuna versione statunitense era disponibile).

Dal momento che è al centro del fascino dell’LG G1, entriamo direttamente nel nocciolo duro di ciò che apparentemente rende il suo nuovo pannello “evo” così speciale.

Ci sono due corde principali per il suo arco high-tech. Innanzitutto, incorpora uno strato ad alta efficienza dal suono misterioso (LG non desidera fornire molti dettagli tecnici al riguardo) che è la causa principale della luminosità extra promessa.

Tuttavia, utilizza anche nuovi materiali blu e rosso per ridurre sostanzialmente le lunghezze d’onda dell’output rosso e blu di G1, con conseguente maggiore precisione del colore e migliori picchi di colore blu e rosso. C’è anche, per la prima volta in un TV OLED LG, un nuovo livello espressamente dedicato al miglioramento del verde.

Come abbiamo imparato nel corso degli anni, la tecnologia del pannello di una TV è solo una parte della sua più ampia storia di qualità delle immagini. Quindi non è una sorpresa scoprire che LG collabora con il G1 con un nuovo sistema di elaborazione progettato per ottenere il massimo dalla nuova tecnologia del pannello. Non che questo processore Alpha 9 Generation 4 si fermi a ottimizzare le immagini per le capacità del pannello evo, però.

Gestisce anche una nuova versione del sistema di elaborazione automatica delle immagini AI Picture Pro di LG. Ciò include nuovi elementi AI (sviluppati eseguendo una vasta gamma di immagini attraverso una rete neurale) progettati per regolare le immagini in base al tipo di contenuto che contengono.

Per essere più precisi, AI Picture Pro ora è in grado di riconoscere se un’immagine in arrivo contiene uno scenario, un paesaggio urbano o un filmato notturno e parti locali dell’immagine “massaggia” per migliorare l’impatto e il realismo di questo tipo di contenuti. Inoltre, il nuovo processore può cercare i toni della pelle e i singoli oggetti nell’immagine e perfezionarli ed enfatizzarli in modo sottile senza influire su altre aree dell’immagine. Il tutto con l’obiettivo di creare un’immagine che rifletta meglio il modo in cui i tuoi occhi vedono il mondo reale.

Il nuovo processore dell’LG G1 gestisce anche un paio di nuove opzioni di elaborazione del movimento e una nuova funzione AI Sound Pro che può trasformare qualsiasi formato audio in ingresso in un mix 5.1.2 (dove la parte .2 si riferisce a una coppia di canali di altezza).

(Credito immagine: LG)

Questa configurazione audio ci ricorda anche che l’LG G1 segue tutti i recenti OLED di LG portando un sistema audio Dolby Atmos integrato. Non è nemmeno l’unica connessione Dolby, poiché il set supporta inoltre il formato Dolby Vision HDR. Ciò aggiunge ulteriori informazioni sull’immagine scena per scena che i televisori compatibili possono utilizzare per fornire risultati di qualità dell’immagine più dinamici.

Il supporto Dolby Vision si affianca al normale supporto per i formati HDR10 e HLG HDR, anche se come sempre con i televisori LG, non c’è supporto per il sistema HDR10 + (che funziona in modo simile a Dolby Vision, ma viene utilizzato su un minor numero di servizi).

Dolby Vision arriverà anche nei videogiochi Xbox Series X e S entro la fine dell’anno, rafforzando la già leggendaria reputazione di LG OLED tra i giocatori di fascia alta.

Quella reputazione è stata costruita sulla fornitura di una connettività eccezionale per il gioco, quindi non è una sorpresa scoprire che questo continua con il G1. Tutte e quattro le sue prese HDMI supportano le principali funzionalità di gioco all’avanguardia come frequenza di aggiornamento variabile, commutazione automatica della modalità a bassa latenza e riproduzione 4K a 120 Hz.

LG ha anche migliorato il suo già forte appello al ritardo di input per i giocatori riducendo il ritardo di input a 12,4 e 9,4 ms, a seconda che tu stia utilizzando le opzioni di riduzione del ritardo di input Standard o Boost nuove (l’ultima delle quali apparentemente allinea la riduzione del lag modalità con la frequenza di aggiornamento di un gioco).

Il supporto VRR copre gli standard Nvidia, AMD Freesync (Premium) e HDMI 2.1, mentre una nuova flessibilità di gioco molto gradita viene offerta da un nuovo sistema di ottimizzazione del gioco.

I nuovi strumenti di regolazione dell’immagine qui includono una serie davvero utile di preimpostazioni di immagini e audio basate sul genere e strumenti per regolare i livelli di nero e le alte luci di picco separatamente, senza influire sul resto dell’immagine.

Esiste anche una funzione di regolazione delle aree scure piuttosto prosaicamente denominata che puoi utilizzare per ridurre l’impatto di un problema noto di spostamento della gamma che può causare la perdita di profondità del livello di nero dei televisori OLED quando si passa alla modalità VRR.

Concludere lo status di G1 come il più grande salto nella tecnologia OLED che LG ha realizzato per anni è un rinnovamento della sua interfaccia intelligente webOS. La nuova home page ora occupa l’intero schermo, per cominciare, piuttosto che apparire come una fila di icone di app sovrapposte alla parte inferiore dell’immagine.

L’enfasi della nuova schermata Home si sposta, sensibilmente, nel tentativo di offrirti link diretti a contenuti di tendenza o programmi / film che la TV giudica ti piaceranno in base alle tue abitudini di visione. La vecchia fila di app, tuttavia, è ancora fornita nella parte inferiore della schermata principale per coloro che preferiscono calciare la vecchia scuola.

Scorrendo verso il basso dalla schermata principale si accede alle righe di contenuto assegnate a diversi servizi di streaming, come Amazon Prime Video e YouTube.

Le nuove funzionalità intelligenti di LG includono un’opzione per condividere lo schermo della TV sul tuo telefono cellulare o per ascoltare l’audio della TV su un massimo di tre dispositivi mobili separati.

(Credito immagine: LG)

Recensione LG G1: qualità dell’immagine

Le immagini sull’OLED65G1, indipendentemente dal fatto che tu stia guardando la TV o giochi, sono sempre spettacolari e sbalorditive. Non da ultimo perché la combinazione del nuovo pannello e dell’elaborazione migliorata ha consentito a LG di migliorare o risolvere completamente tutto ciò che è stato un problema per i precedenti sforzi OLED del marchio.

Come promesso, per cominciare, le immagini sono più luminose. Forse non sempre più luminoso, ma abbastanza per fornire un notevole incremento alle sorgenti ad alta gamma dinamica in due modi chiave.

Innanzitutto, dove un’immagine HDR è per lo più piena di contenuti luminosi, l’LG G1 la presenta con una luminosità a schermo intero molto maggiore di quella che siamo abituati a vedere con i TV OLED “normali”. In secondo luogo, le parti più luminose delle immagini HDR – lampade, lampioni, luce solare che si riflette sul vetro, ecc. – hanno una qualità leggermente più luminosa.

Questi due miglioramenti aiutano immediatamente il G1 a fornire prestazioni HDR più soddisfacenti e “complete” rispetto a qualsiasi LG OLED precedente. Sono supportati anche da un ulteriore lieve ma ancora importante miglioramento dei colori. Con le sorgenti video, questo vede toni relativamente puri del blu e, soprattutto, del rosso e del verde che godono sia di delineazioni tonali più sottili che di una sensazione più naturale. Soprattutto quando si trovano in una situazione brillante.

Quindi, ad esempio, le riprese di boschi frondosi e assolati sembrano avere una definizione fogliare più individuale, e i verdi evitano l’aspetto leggermente radioattivo che a volte possono esibire sugli schermi OLED. Le auto rosso vivo, nel frattempo, hanno maggiori probabilità di mantenere la vivacità dei loro rossi piuttosto che scivolare in un’arancia poco convincente e insoddisfacente.

Questi miglioramenti di luminosità e colore sono particolarmente utili, mi sembra, con la qualità relativamente rigida della grafica dei videogiochi (e il fatto che in modalità di gioco, la TV applica meno elaborazione). I livelli di luce del giorno dei livelli multiplayer di Call Of Duty: Black Ops: Black Ops Cold War sembrano più incisivi e “reali”, mentre l’ambientazione notturna del livello di Miami, con la sua illuminazione al neon contro un cielo scuro , sembra più dinamico e intenso.

È un grande sollievo scoprire che la nuova luminosità dell’LG G1 non danneggia i livelli di nero profondo e naturale che per così tanto tempo sono stati al centro del fascino della tecnologia OLED. Nessun grigio a basso contrasto si insinua nelle aree scure e gli occasionali “salti” del livello del nero visti con le precedenti generazioni di LG OLED non sono stati resi più comuni dalla relativa aggressività del pannello evo. Al contrario, tali incongruenze nel livello del nero sono state quasi rimosse sull’OLED65G1.

Inoltre, il modo in cui il suo leggero miglioramento della luminosità dei punti luce nelle immagini per lo più scure rende in realtà i leggendari punti di forza del livello di nero di OLED ancora più forti.

I dettagli delle ombre in mezzo a tutta l’oscurità sono leggermente migliorati anche dai set LG del 2020, specialmente se si utilizza la funzionalità AI Picture Pro (qualcosa su cui tornerò tra poco). L’unica eccezione a questo, stranamente, si presenta nelle modalità Dolby Vision, dove le aree scure che utilizzano tutto tranne l’opzione Dolby Vision Bright possono sembrare un po ‘vuote e dominanti.

(Credito immagine: LG)

Allontanandosi dai vantaggi attribuibili specificamente al nuovo pannello evo, l’LG G1 colpisce anche per la sua chiarezza e dettaglio. Le sorgenti 4K native sono nitide, ricche di texture e prive di qualsiasi rumore non presente nella sorgente. Soprattutto se sei abbastanza fortunato da giocare a un gioco 4K nativo con una frequenza di aggiornamento di 120 Hz da una delle nuove generazioni di console o schede grafiche per PC.

LG ha introdotto una nuova opzione di elaborazione del movimento naturale per il 2021 che fa un buon lavoro nel ridurre sostanzialmente le vibrazioni (una delle cose di cui i consumatori si lamentano maggiormente quando si tratta della tecnologia TV OLED) senza lasciare l’immagine così fluida da iniziare a fare film sembrano soap opera. La modalità Naturale, tuttavia, genera alcuni effetti collaterali digitali indesiderati che personalmente trovo distratti quasi quanto un po ‘di vibrazione.

È qui che entra in gioco anche la nuova opzione Cinematic Movement. Ciò non riduce così tanto il tremolio, ma evita praticamente tutti i “problemi” dell’elaborazione digitale. Quindi per me è l’opzione migliore con sorgenti di film 24p.

Anche l’upscaling delle sorgenti HD viene gestito meglio di prima. Ora vengono aggiunti sacchi di dettagli senza ridurre la nitidezza o esagerare il rumore. Ancora meglio, questo dettaglio e la nitidezza vengono aggiunti in modo più intelligente, in modo che le diverse parti dell’immagine siano influenzate da diverse regole di upscaling. Ciò si traduce in risultati più naturali e realistici.

Questo ci porta all’ultima versione del sistema di ottimizzazione dell’immagine AI Picture Pro di LG. Questo ora si unisce al meglio dei sistemi di ottimizzazione automatica delle immagini in circolazione, migliorando chiaramente praticamente ogni aspetto della qualità dell’immagine da ogni sorgente video senza, soprattutto, generare effetti collaterali indesiderati.

Si può affermare che la modalità AI Picture Pro è più interessata all’ottimizzazione delle fonti per le capacità dello schermo che al marshalling delle impostazioni della TV sulle qualità native di una fonte. Le modalità Cinema e Filmmaker sono a disposizione, tuttavia, per fornire precisione se è quello che vuoi, quindi i miglioramenti alla modalità AI Picture Pro non sono certamente un segno che LG abbia abbandonato il tipo di appassionati di AV che sono stati una parte fondamentale del suo Pubblico OLED per così tanto tempo.

Per molti utenti e molti contenuti, tuttavia, vedo il sistema AI Picture Pro molto migliorato come un modo piuttosto irresistibile per aggiungere più drammaticità, nitidezza e dinamismo all’esperienza visiva.

Vale la pena aggiungere su questo punto che i precisi preset di immagine della modalità Cinema e Filmmaker dell’OLED65G1 sono i singoli maggiori beneficiari del nuovo pannello evo, apparendo molto più luminosi e ricchi di quanto non siano mai stati prima su un TV OLED LG. Questo li fa sentire istantaneamente più piuttosto che meno accurati, specialmente quando si tratta di sorgenti HDR.

Vale la pena ripetere, dato che faccio fatica a trovare cose negative da dire, che il G1 non offre, nel complesso, un tale salto di luminosità come speravo da quando LG ha annunciato per la prima volta il pannello evo. Ci sono anche uno o due altri problemi, come il potenziale di sfarfallio durante il gioco in VRR, l’intrusione di un debole tono magenta durante la visualizzazione da angolazioni davvero estreme e una tendenza occasionale ad esagerare il rumore di compressione con alcune sorgenti di streaming.

Come con qualsiasi TV OLED, inoltre, si consiglia di trattarlo con cura rispetto agli elementi luminosi dell’immagine statica per evitare il burn-in. Tuttavia, per la stragrande maggioranza delle persone, questo non sarà un problema.

La colonna dei negativi sembra davvero minuscola rispetto a tutto ciò che è fantastico delle immagini dell’LG G1.

(Credito immagine: LG)

Recensione LG G1: qualità del suono

Per la maggior parte del tempo, a condizione che tu stia attento a come lo configuri, l’LG G1 suona in modo impressionante.

La modalità AI Sound Pro segue l’esempio della modalità AI Picture Pro cercando di ottimizzare l’audio in ingresso di tutti i tipi in base alle capacità del sistema di altoparlanti della TV – e per lo più funziona molto bene. Aumenta istantaneamente la gamma dinamica del suono; allontana il progetto sonoro dalla carrozzeria della TV; conferisce al suono una più forte presenza “in avanti” piuttosto che sembrare esistere solo dietro lo schermo; e affronta quei grandi momenti cinematografici con molto coraggio ed entusiasmo.

L’unico problema con la modalità AI Sound Pro è che non accetta i limiti degli altoparlanti integrati dell’OLED65G1 quando si tratta di bassi. Di conseguenza, alcuni suoni molto profondi possono soccombere a distorsioni piuttosto fastidiose.

L’altro problema sorprendente con le impostazioni audio dell’LG G1 è che non dovresti dipendere dalla modalità Dolby Atmos se desideri la migliore esperienza Atmos. Questo perché l’impostazione Atmos vede i momenti della colonna sonora ad alto volume diventare stranamente disattivati ​​invece di “esplodere” come dovrebbero (e come fanno bene in modalità AI Sound Pro).

Il suono è abbastanza buono che gli spettatori più occasionali saranno felici senza aggiungere immediatamente una delle migliori soundbar, ma avrai comunque bisogno di qualcosa se vuoi che la qualità audio corrisponda veramente alla qualità dell’immagine.

(Credito immagine: LG)

Recensione LG G1: design e usabilità

L’OLED65G1 presenta un perfezionamento del design Gallery che LG ha introdotto nel 2020 con l’obiettivo di creare il TV da parete definitivo. Ha un retro sottile e piatto e fornisce un’utile canalizzazione dei cavi per le sue connessioni integrate. I miglioramenti del 2021 includono il rendere la parte posteriore sostanzialmente più sottile rispetto a quella dell’anno scorso e l’aggiunta di una rientranza al pannello posteriore in cui può essere inserito il supporto a parete, consentendo alla TV di stare completamente a filo con la parete.

È tutto molto carino … a patto che tu voglia effettivamente appendere la TV al muro. In caso contrario, dovrai pagare un extra per un paio di piedini per desktop o per la nuova opzione Gallery Floorstand di LG. Esatto: non c’è supporto nella scatola.

Il nuovo sistema smart webOS ha avuto un impatto misto sulla facilità d’uso dell’LG G1. Al rialzo, la precedente lunga barra di app aveva iniziato a diventare ingombrante, quindi ha senso passare al nuovo approccio di raccomandazione dei contenuti. Funziona abbastanza bene una volta che hai fornito un po ‘di dati di visualizzazione con cui lavorare ed è supportato da un eccellente controllo vocale e sistemi di ricerca.

Tuttavia, non essere in grado di regolare l’ordine di esecuzione degli scaffali di contenuti a cui è possibile scorrere verso il basso dalla home page è frustrante. Inoltre, i tentativi di semplificare i menu di configurazione dell’LG G1 possono farti sentire a volte insicuro su dove dovresti andare dopo per trovare una funzione specifica. Anche se per essere onesti, il sistema di riconoscimento vocale spesso ti offre un modo per aggirare questo problema.

(Credito immagine: LG)

Recensione LG G1: verdetto

L’OLED65G1 di LG è un televisore davvero straordinario. Il suo nuovo design offre il concetto di Galleria con ancora più successo rispetto ai modelli del 2020 e, sebbene il nuovo pannello evo non spinga la luminosità così lontano come speravamo, produce comunque risultati costantemente spettacolari. Le nuove funzionalità di gioco del set espandono ulteriormente l’appeal degli LG OLED anche per i giocatori.

In un mondo ideale, il nuovo C1 di LG potrebbe essere emerso per primo, in modo da poter giudicare meglio con quale successo il G1 giustifica un costo significativamente maggiore. Questa recensione verrà aggiornata secondo necessità una volta che il C1 sarà qui, ovviamente, ma sono certo che il livello di miglioramento che vedo in G1 va oltre qualsiasi cosa possibile con i soli miglioramenti del software.