Iscriviti con la maggior parte delle aziende VPN e non hai idea di quanto possano essere occupati i loro server. C’è abbastanza larghezza di banda per tutti per ottenere velocità decenti, o le prestazioni scenderanno a passo d’uomo nelle ore di punta? Non c’è modo di raccontare la mazza.

Il piano VPN dedicato di VPNBook basato su Swiss offre un server VPN dedicato con tempo di CPU, memoria e 500 GB + di larghezza di banda mensile allocata per l’utilizzo. L’idea è di evitare i colli di bottiglia della concorrenza di fascia bassa e ottenere velocità più costanti ogni volta che sei online.

  • Vuoi provare VPNBook? Controlla qui il sito web

VPNBook non ha app, quindi aspettati di dedicare un po ‘di tempo alla configurazione manuale dei tuoi dispositivi. Esistono tuttavia guide di installazione di base per Windows, Mac, iOS e Android e puoi connettere contemporaneamente fino a cinque dispositivi.

VPNBook offre solo server in quattro sedi: Canada, Stati Uniti orientali, Stati Uniti occidentali e Paesi Bassi. Se hai bisogno di P2P, l’elenco si accorcia, poiché è supportato solo sui server canadesi. E ricorda che una volta scelto un luogo, il gioco è fatto, non è possibile passare in seguito, il che potrebbe essere un problema se la VPN non ti consente di accedere a un sito bloccato.

Mentre è probabile che una VPN dedicata sia costosa, l’offerta di VPNBook è in realtà più economica di alcuni piani standard a soli $ 7,95 al mese. Non sono previsti costi di installazione o impegni a lungo termine e l’azienda offre una garanzia di rimborso di 30 giorni se le cose non funzionano.

vita privata

VPNBook non sembra avere una politica sulla privacy solo per il suo servizio commerciale, ma c’è una pagina semplice che copre i suoi account gratuiti, e sebbene sia molto semplice, fornisce alcune informazioni utili.

Questo inizia con una dichiarazione che: “Non raccogliamo alcuna informazione personale o memorizziamo dati Internet di alcun utente”; la compagnia non sta registrando le tue attività su Internet.

Continua: “L’unica cosa che registriamo è l’indirizzo IP e l’ora in cui è stata effettuata la connessione”; c’è qualche registrazione di sessione. Poiché si tratta di un prodotto VPN dedicato, VPNBook conoscerà sempre il server a cui si sta accedendo e ciò significa che è probabile che disponga delle informazioni necessarie per collegare un’azione Internet al proprio account.

La politica spiega: “Registriamo le informazioni di connessione al fine di ridurre le attività abusive e mantenere questo servizio VPN gratuito online per tutti gli utenti legittimi.” Ciò conferma che lo scopo del disboscamento è quello di rilevare e gestire le “attività abusive”; se qualcuno registra il tuo indirizzo IP e si lamenta con VPNBook di qualcosa che hai fatto, la società sarà in grado di identificare e trattare con te.

Come sarai trattato? “Se abusi il sistema, il tuo IP verrà bannato”, afferma la policy. Questo è solo per il servizio gratuito, ma supponiamo che se si abusa il sistema con un account VPN dedicato, VPNBook probabilmente lo chiuderà.

  • Abbiamo raccolto i migliori servizi VPN gratuiti

L’installazione non è adatta ai principianti (Image credit: VPNBook)

(Credito immagine: VPNBook)

Impostare

Iniziare con VPNBook è molto semplice, almeno inizialmente. Scegli un luogo, premi Iscriviti, scegli un metodo di pagamento (carta o PayPal) e completa la transazione. Abbiamo finito in circa 30 secondi.

Il processo si interrompe immediatamente, tuttavia, come spiega il sito Web: “Configureremo il tuo server VPN dedicato e ti invieremo via email le informazioni di accesso entro 1 giorno lavorativo”.

Possiamo capire perché la configurazione del servizio Dedicato di VPNBook richiede più lavoro di un normale account VPN, e forse deve essere fatto manualmente, ma questo dovrebbe essere spiegato più chiaramente sul sito. Altrimenti, se un cliente acquista un server venerdì sera e riceve un’e-mail che suggerisce che potrebbe non essere pronta per circa tre giorni, sospettiamo che probabilmente rimarranno delusi.

Nel nostro caso, una email è arrivata circa otto ore dopo, con i dettagli di accesso di base: OpenVPN e nomi utente e password PPTP e un paio di profili OpenVPN (TCP che utilizza la porta 443 e UDP che utilizza la porta 53).

Non c’erano altri dettagli, nemmeno la città o il paese in cui si trovava il server. Se hai ordinato server in due o più posizioni, non esiste un modo chiaro per sapere quali credenziali corrispondono a quale Paese.

Potresti aver previsto che l’e-mail includa almeno un link alle pagine di supporto di VPNBook, se non qualche consiglio di impostazione. Ma no, sei lasciato a capirlo da solo, quindi siamo andati sul sito Web di VPNBook per esplorare le sue guide all’installazione.

Questi erano molto limitati, con solo due serie di esercitazioni: una sull’impostazione di connessioni OpenVPN su Windows, Mac, iOS, Android e Ubuntu, e l’altra riguardante la configurazione di PPTP su Windows, Ubuntu e Android.

Anche questa piccola selezione non era stata mantenuta correttamente. I collegamenti PPTP per Windows 10 e Ubuntu sono stati interrotti, fornendo un errore ‘404 non trovato’.

Le altre esercitazioni non hanno la profondità o l’ambito che vedresti con un provider come ExpressVPN. Dimentica i dettagli di fondo, i consigli per la risoluzione dei problemi o qualsiasi informazione utile extra: tutto ciò che ottieni è una sequenza di schermate, con le aree principali dello schermo evidenziate (fai clic su questo, fai clic su di esso).

Se hai già impostato la GUI OpenVPN o qualche altra app compatibile con OpenVPN, niente di questo sarà un grosso problema, ma i neofiti delle VPN potrebbero desiderare che ci fosse un po ‘più di guida. Tieni presente che non esiste una chat dal vivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, se vuoi porre una domanda, aspettati di compilare un modulo web e quindi di attendere una risposta “entro 1 giorno lavorativo”.

Usiamo OpenSpeedTest per testare le prestazioni di ogni VPN che esaminiamo (Image credit: OpenSpeedTest)

(Credito immagine: OpenSpeedTest)

Prestazione

La verifica dei profili OpenVPN di VPNBook ha rivelato che i nostri account erano impostati per utilizzare la crittografia AES-128-CBC, piuttosto che AES-256, ma per il resto non ci sono state sorprese.

Ci siamo registrati per due server, uno in Canada e uno negli Stati Uniti orientali. VPNBook non è più specifico di quello, ma il nostro server canadese sembrava essere a Burnaby (a est di Vancouver, a nord di Seattle), mentre il nostro server statunitense era a New York.

Abbiamo provato entrambi i server con il loro Netflix locale, ma senza successo: il sito ha individuato ciò che stavamo facendo e ha visualizzato lo standard “sembra che tu stia utilizzando un messaggio di sblocco o proxy”. Questa è una brutta notizia, soprattutto quando acquisti l’accesso a un server dedicato, poiché non puoi continuare a cambiare posizione finché non ne trovi uno che funzioni.

Anche le prestazioni erano al di sotto della media, con una velocità media degli Stati Uniti di 18-24 Mb / s, e il Canada leggermente inferiore a 16-20 Mb / s. Ciò è deludente: le richieste di VPNBook che optano per un account dedicato ti offriranno prestazioni migliorate, ma in realtà stai ottenendo forse la metà della velocità che ti aspetteresti da una VPN di qualità.

Verdetto finale

Nessuna app, poco supporto, una manciata di postazioni, velocità lenta – non c’è niente di sbagliato con le VPN dedicate come concetto, ma VPNBook non ha le caratteristiche, le prestazioni o le risorse per farlo funzionare. Otterrai risultati migliori registrandoti per un account normale con una VPN più efficiente.

  • Scopri la migliore VPN