Ci si potrebbe chiedere perché Nikon sia andata avanti con il rilascio della Nikon D780 in questo giorno e clima. Anche al di là della pandemia, le fotocamere mirrorless dominano il mercato da un po ‘di tempo. E i loro rivali più pesanti, ingombranti e forse meno flessibili sono diventati meno convincenti per i fotografi, professionisti e non.

Bene, con la Nikon D780, Nikon ha forse trovato un modo per riportare le reflex digitali nelle grazie della comunità fotografica. Il seguito della tanto venerata Nikon D750, questa DSLR eredita il sensore, il sistema AF a 51 punti e il corpo del suo predecessore adattando alcune delle funzionalità più avanzate della Z6, una delle versioni mirrorless di Nikon.

Con aggiornamenti come velocità di lettura più rapida, velocità di scatto e raffica più elevate, misurazione aggiornata, migliori capacità video e due slot per schede SD UHS-II, la Nikon D780 è una fotocamera molto più capace. Ma è una proposta abbastanza irresistibile con rivali più leggeri e compatti con sistemi AF ibridi e velocità di raffica estremamente elevate che monopolizzano i riflettori?

(Credito immagine: Nikon)

Recensione Nikon D780: design e maneggevolezza

La Nikon D780 potrebbe avere alcuni aggiornamenti di livello Z6 all’interno, ma esternamente assomiglia molto al suo predecessore DSLR, ridisegnato solo con una presa migliore e più profonda.

Non puoi certo scambiarlo per mirrorless. A 29,7 once (solo corpo), è 9 once più pesante dello Z6, il che potrebbe non sembrare molto, ma considerando che è quasi l’equivalente di due iPhone 12 mini, questa è una differenza considerevole e certamente notevole. Tuttavia, è sorprendentemente facile da maneggiare e non si sente faticoso da portare in giro. Ciò è in parte dovuto al fatto che ha una presa più ampia e profonda, quindi non solo puoi ottenere una presa piacevole e sicura, ma ti sentirai anche a tuo agio nella tua mano. Proveniente da qualcuno che è abituato a corpi senza specchio e ha mani piccole, questo sta dicendo qualcosa.

(Credito immagine: Nikon)

A suo merito, la Nikon D780 vanta un layout e controlli sorprendentemente facili da familiarizzare e intuitivi da usare. Non ci è voluto molto tempo per sapere quali pulsanti e ghiere utilizzare, oltre a memorizzare dove si trovano, semplificando il funzionamento della fotocamera e le riprese in esterni senza esercitazioni.

Ci sono pulsanti dedicati per ISO e compensazione dell’esposizione, nonché pulsanti separati per la registrazione di filmati e per scattare foto, il che è estremamente comodo. C’è anche un interruttore rapido vicino al mirino per alternare tra foto e video, oltre a un pulsante per passare dal mirino alla visualizzazione live.

(Credito immagine: Nikon)

Abbiamo sentimenti contrastanti sulla modalità di rilascio e sui selettori di modalità sul lato sinistro del pannello. Rendono incredibilmente facile cambiare le modalità di scatto e di rilascio in modo da poter passare rapidamente da manuale a diaframma, da scatto singolo a continuo a timer senza pensarci. Allo stesso tempo, entrambi i quadranti hanno lucchetti che dovresti premere per ruotarli. Da un lato, queste serrature prevengono efficacemente le svolte accidentali. Dall’altro, in un certo senso toglie la fluidità dell’esperienza.

Poiché la fotocamera stessa è grande, non tutti i pulsanti e le ghiere saranno facilmente estendibili dalle tue mani e dita a meno che tu non abbia mani enormi. Tuttavia, non è una lotta controllare quei pulsanti.

(Credito immagine: Nikon)

Il display LCD da 3,2 pollici è un touchscreen articolato. È molto nitido con una funzionalità touchscreen che funziona in modo accurato. Nel frattempo, le sue capacità di inclinazione rendono le riprese ad angoli incredibilmente facili, ma possono inclinarsi solo verticalmente, non orizzontalmente, il che sarebbe stato utile quando si scatta in modalità ritratto.

Sfortunatamente, lo schermo è anche difficile da vedere in piena luce del giorno: preparati a strizzare gli occhi e fare buon uso delle mani per l’ombra, soprattutto quando scatti in Live View. Scattare con il mirino ottico è comunque migliore, a patto che non ti dispiaccia l’area limitata della copertura AF.

Per conferirgli quella struttura robusta, è realizzato in lega di magnesio e materiali in fibra di carbonio, quindi ampiamente sigillato per mantenere la polvere e l’umidità fuori. Non abbiamo avuto la possibilità di testarlo contro pioggia, neve o calore eccessivo. Tuttavia, l’abbiamo testato in condizioni meteorologiche inferiori a 20F (inferiore a -6C) e persino posato sulla neve un paio di volte, e ha funzionato magnificamente senza problemi.

Recensione Nikon D780: caratteristiche

La Nikon D780 presenta un sensore simile a quello della Z6, se non lo stesso, che vanta un conteggio dei pixel di 24,5 MP, una lettura più veloce e il rilevamento di fase sul sensore. Questo è il primo degli aggiornamenti dalla D750. Ha anche una maggiore velocità dell’otturatore, velocità di burst meccanico e velocità di burst elettronico, con un minimo di 1/8000 di secondo, 7 fps e fino a 12 fps rispettivamente. Sebbene questi numeri siano salti considerevoli, sono comunque miglioramenti graditi.

Proprio come la Z6, anche la gamma di sensibilità ISO è migliorata da 100 a 51.200, espandibile a 204.800. Non che avresti bisogno di un ISO alto nella maggior parte delle situazioni, ma questo è un miglioramento rispetto ai 100-12.800 della D750 (51.200 espandibili). Anche qui un netto miglioramento è il sensore di misurazione RGB: mentre la D750 ne aveva uno da 91.000 pixel, la D780 lo raddoppia con 180.000 pixel.

Lo scatto dal mirino ti offre gli stessi 51 punti AF, 15 dei quali sono di tipo a croce, ma lo scatto in Live View dovrebbe darti 273 punti AF che coprono il 90% dell’inquadratura. Entrambi hanno ottime capacità di inseguimento del soggetto, ma visto che il mirino ha un’area di copertura AF limitata, probabilmente vorresti passare a Live View quando la situazione lo richiede. Purtroppo, Eye Detection and Tracking è disponibile solo in Live View, ma fa un lavoro decente, anche rilevando gli occhi di alcuni animali.

A differenza delle capacità video 1080p del suo predecessore a 60, 50, 30, 25 e 24p, la Nikon D780 offre anche riprese 4K a 30, 25 e 24p, nonché rallentatore 1080p a 120p e registrazione N-Log e HDR (HLG) formati per i professionisti. È un bel aggiornamento.

Un altro aggiornamento degno di nota qui sono i due slot per schede che supportano le schede SD UHS-II, che sono più veloci fino a 312 MB / s di velocità di trasferimento e sono retrocompatibili.

(Credito immagine: Nikon)

Recensione Nikon D780: prestazioni

Anche se i corpi macchina ingombranti non fanno per te, rimarrai soddisfatto dalle prestazioni della Nikon D780. Questa non è una sorpresa considerando le interiora che è stato adottato dalla mirrorless Z6.

Sebbene ci siano telecamere a risoluzione più elevata, quel sensore cattura e offre immagini bellissime e incredibilmente nitide, con una vasta gamma dinamica che aiuta a ridurre al minimo le alte luci e le ombre molto scure, riducendo al minimo la perdita di dettagli. La resa dei colori è impressionante: ricca, vibrante e accurata, il che si può dire anche per le sue acquisizioni video. Anche le prestazioni ISO sono piuttosto buone, anche se la grana diventa notevolmente distinguibile a 6.400 da 4.000.

I 51 punti AF del suo mirino e la copertura limitata dell’area dell’immagine, devo ammettere, possono essere un po ‘limitanti se in passato ti sei affidato molto alla messa a fuoco automatica. L’inseguimento del soggetto è preciso e veloce, ma se il soggetto si sposta fuori da quell’area AF, dovrai riaggiustare, rendendo la ripresa di soggetti in rapido movimento a volte estremamente scomoda. Se, d’altra parte, il soggetto immobile non è all’interno dell’area AF, è possibile regolare la cornice per bloccare la messa a fuoco sul soggetto premendo a metà l’otturatore o premendo il pulsante AF-ON, quindi regolando nuovamente per ottenere la cornice desiderata.

Se ti sembra troppo scomodo, puoi andare avanti e utilizzare il Live View, che vanta un’area di copertura del 90% e 273 punti AF, oltre a rilevamento e tracciamento degli occhi. Sfortunatamente, è anche più lento a mettere a fuoco rispetto al mirino. Tuttavia, se non stai cercando di catturare soggetti in movimento, questo non dovrebbe essere un problema. L’Eye AF è abbastanza buono, rileva e monitora anche gli occhi dei gatti. Tuttavia, non è efficace come quello degli altri.

Per quanto riguarda la durata della batteria, quasi raddoppia i 1.230 scatti della D750, con una valutazione di 2.260 immagini con una singola carica. A meno che tu non sia un professionista in missione o non avrai accesso a una presa per un paio di giorni, questa fotocamera non richiederà una batteria aggiuntiva. Ti consentirà di girare facilmente tutto il giorno: foto e alcuni video. Anche se non abbiamo girato tutto il giorno, una batteria è durata due giorni e mezzo durante i test. È piuttosto impressionante.

Recensione Nikon D780: campioni di immagini

Abbiamo portato la Nikon D780 a Las Vegas e Bryce Canyon insieme a tre obiettivi: l’obiettivo kit Nikon D780 24-120mm, AF-S NIKKOR 50mm f / 1.4G e AF-S NIKKOR 24mm f / 1.4G ED. Abbiamo girato in entrambi i formati RAW e JPEG Standard, ma per la revisione abbiamo utilizzato le immagini RAW convertite in JPEG.

Immagine 1 di 12

(Credito immagine: futuro) Immagine 2 di 12

(Credito immagine: Futuro) Immagine 3 di 12

(Credito immagine: Futuro) Immagine 4 di 12

(Credito immagine: futuro) Immagine 5 di 12

(Credito immagine: Futuro) Immagine 6 di 12

(Credito immagine: Futuro) Immagine 7 di 12

(Credito immagine: Futuro) Immagine 8 di 12

(Credito immagine: Futuro) Immagine 9 di 12

(Credito immagine: futuro) Immagine 10 di 12

(Credito immagine: Futuro) Immagine 11 di 12

(Credito immagine: Futuro) Immagine 12 di 12

(Credito immagine: futuro)

E altre immagini di esempio:

Immagine 1 di 7

(Credito immagine: Futuro) Immagine 2 di 7

(Credito immagine: Futuro) Immagine 3 di 7

(Credito immagine: Futuro) Immagine 4 di 7

(Credito immagine: Futuro) Immagine 5 di 7

(Credito immagine: Futuro) Immagine 6 di 7

(Credito immagine: Futuro) Immagine 7 di 7

(Credito immagine: futuro)

Recensione Nikon D780: verdetto

La Nikon D780 ha dimostrato di essere una fotocamera piuttosto impressionante a sé stante. Adottando alcuni dei più grandi punti di forza del suo cugino mirrorless rimanendo fedele alla sua natura, ha in effetti contribuito a rendere le reflex digitali di nuovo rilevanti in un mondo mirrorless.

Tuttavia, è sufficiente per costringere i fan mirrorless a cambiare? Sarebbe piuttosto difficile convincere coloro che sono grandi fan del fattore di forma compatto, ma grazie alla gestione sorprendentemente semplice e ai controlli intuitivi della D780, non è nemmeno impossibile. E, sebbene i limiti della messa a fuoco automatica del mirino possano rimandare un po ‘, i tiratori più esperti non lo troveranno abbastanza svantaggiato, soprattutto considerando le sue prestazioni.

Per coloro che preferiscono ancora l’aspetto, la sensazione e le modalità di una DSLR, la Nikon D780 potrebbe essere abbastanza attraente. È solo un peccato che sia più costoso della mirrorless che si è preso la briga di emulare.