Il concetto di Workstation si è evoluto negli anni ’80 con i sistemi basati su Unix di HP, Silicon Graphics, NEC e Sun, tra gli altri.

Al giorno d’oggi l’architettura PC può offrire le prestazioni necessarie se correttamente specificata e la popolarità di questi sistemi per CAD, editing video, sviluppo software ed elaborazione dati non è mai stata maggiore.

Oggi vedremo la Workstation HP Z1 Tower G5, un design che prende il meglio da ciò che Intel ha nell’hardware desktop e lo combina con una soluzione GPU Nvidia molto potente.

Viene a un prezzo competitivo e una specifica impressionante, ma è abbastanza nel mercato molto volatile per le apparecchiature di punta?

Prezzo e disponibilità

HP ha fornito alla HP Z1 Tower G5 Workstation un display HP Z38c ultra-wide che potresti vedere in alcune delle nostre immagini, ma questa recensione riguarda esclusivamente la workstation e non il monitor.

E ci è stato anche detto che il monitor Z38c non è più disponibile negli Stati Uniti.

Diretta dal negozio online HP nel Regno Unito, la recensione della stazione di lavoro Z1 costa £ 2.062,80 IVA inclusa e può essere trovata altrove per un prezzo simile.

Negli Stati Uniti il ​​processore Core-i9 non è un’opzione standard, ma una macchina quasi identica all’hardware di recensione con una CPU Core-i7 9700 costa $ 1,949 da Newegg.

Design

Le workstation aziendali sono macchine ideali per i progettisti, in quanto offrono un livello molto più elevato di prestazioni a un desktop tipico e possono avere un impatto diretto sulla produttività.

Con questo obiettivo in mente, HP ha basato il chipset Z1 Intel Q370 e può fornirgli una vasta gamma di processori che vanno dal modesto Intel Pentium Gold G5620, passando attraverso le montagne più soleggiate di Intel Core i3, i5 e i7 di ottava generazione, fino al picchi alpini delle CPU Intel di nona generazione.

Tuttavia, contesteremmo che una Z1 con un Pentium non è veramente una ‘workstation’ per la nostra mente, anche se sembra la parte dall’esterno.

Le opzioni della GPU includono le opzioni deludenti Intel UHD integrate, varie vecchie schede NVIDIA Quadro, i modelli AMD Radeon RX e R7 e le ultime opzioni NVIDIA RTX.

La macchina di revisione è stata fornita con una scheda video Nvidia RTX 2080 preinstallata. Questa non è la GPU più veloce di Nvidia, ma è una soluzione di fascia alta e velocissima.

Il layout del case è tipico di HP ed è ampiamente accessibile senza la necessità di strumenti tramite clip caricate a molla e cerniere nascoste.

(Credito immagine: Mark Pickavance)

Una volta dentro puoi aggiungere facilmente più spazio di archiviazione e più memoria, con un vano aperto a mezza altezza per un’unità ottica o un sistema a nastro, due slot M.2, doppio da 3,5 pollici e un singolo vano da 2,5 pollici. Il sistema viene fornito con un sottile lettore DVD per laptop, per quelli che hanno ancora bisogno di dischi.

La memoria DDR4 massima supportata dal sistema è di 64 GB in quattro slot e il sistema di revisione aveva due slot occupati con 16 GB di RAM installati.

Come le stazioni di lavoro, questo è un contenitore molto piccolo con opzioni di espansione limitate. Pertanto raccomandiamo a chiunque stia considerando che Z1 è stato completamente specificato fin dall’inizio, dato che assumere l’aggiunta di alcune funzionalità in modo retrospettivo potrebbe essere un errore.

(Credito immagine: Mark Pickavance)

Hardware

Scheda tecnica

Ecco la Workstation HP Z1 Tower G5 che è stata inviata a Ditching Pro per la revisione:

PROCESSORE: Intel Core i9-9900 quad-core 3,1 GHz (frequenza di base 3,1 GHz, fino a 5,0 GHz con tecnologia Intel Turbo Boost, 16 MB di cache, 8 core)

chipset: Intel Q370

Grafica: Grafica Intel UHD 630 / Nvidia GeForce RTX 2080

RAM: 16 GB di RAM DDR4

Uscite video: 3 x DisplayPort (UHD Graphics 630), 3 x DisplayPort, 1 x HDMI e 1x VirtualLink / USB-C (Nvidia GeForce RTX 2080)

Conservazione: SSD NVMe Toshiba XG6 KXG60ZNV512G da 512 GB

porte: 4 x USB 3.2 Gen 2 Type-A, 4 x USB 2.0 Type-A, 2 x USB 3.1 Type-A, 1 x USB 3.1 Type-C, jack audio per cuffie e combo (sia sul fronte che sul retro).

Connettività: GbE Ethernet LAN, lettore di schede SD 5 in 1

Peso: 9,86 kg

Taglia: 15,4 x 37 x 36,5 cm (L x P x A)

Garanzia: 3 anni

Se avessi scelto le parti migliori da Intel e Nvidia insieme a memoria di fascia alta e memoria NVMe eccezionalmente veloce, probabilmente finiresti con la maggior parte delle parti installate nel sistema Z1 di recensione.

L’Intel Core i9-9900 di nona generazione è una parte octa-core che può funzionare a 3,1 GHz, turbo aumenta a 5 GHz e offre l’elaborazione su un massimo di 16 thread simultanei. Fornisce un eccellente equilibrio tra prestazioni single-thread e attività multi-thread, anche se sono disponibili chip più veloci per coloro che vogliono eccellere in un aspetto.

I giocatori spesso preferiscono il chip Core i9-9900K, poiché è sbloccato, ma il chipset su questo sistema non consente di modificare la velocità di clock in quel modo.

La scheda madre HP su cui si trova l’i9-9900 utilizza il chipset Q370, una soluzione di fascia media che supporta 24 corsie PCIe e fino a 14 porte USB.

Sulla carta, questa potrebbe sembrare una buona scelta, ma ci sono dei limiti con il Q370 che non aiutano a trarre il massimo da questa combinazione di CPU e GPU.

Per cominciare, il Q370 non può dividere le 16 corsie PCIe dal Core i9 su più dispositivi, eliminando fin dall’inizio la possibilità di CrossFire o SLI. E non supporta PCIe 4.0, solo il vecchio PCIe 3.0.

Ciò si riflette nella deludente allocazione degli slot PCIe ottenuta dalla Z1, con solo due slot PCIe 3.0 x16 con quattro piastre terminali.

Uno degli slot utilizza le 16 corsie PCIe della CPU e l’altro prende 16 dell’allocazione a 24 corsie del Q370. Rimangono solo 8 corsie e queste sono utilizzate nei due slot M.2 NVMe, 4 per ciascuno.

Tale configurazione non lascia corsie di riserva per slot per schede 1x o 4x, anche se non si utilizzano entrambe le posizioni M.2. Pertanto, non è possibile aggiungere reti 10GbE a meno che non si utilizzi uno slot PCIe disponibile.

Se tali restrizioni non fossero sufficienti per convincere gli acquirenti a non aggiungere un’altra scheda video, il sistema di revisione è arrivato con solo un alimentatore da 500 watt. Una capacità limite per questo sistema con un singolo Nvidia RTX 2080 così com’è, e certamente non abbastanza per aggiungere un’altra scheda video indipendentemente dal tipo.

Un tipico sistema di gioco con questo budget verrebbe con un alimentatore da 850 watt e una scheda madre basata sul chipset Intel Z390, risolvendo molti dei problemi che abbiamo descritto con il chipset Q370. Ma poiché Z1 è stato progettato per gli utenti aziendali, ottiene le parti più economiche che non offrono lo stesso livello di flessibilità del sistema.

(Credito immagine: Mark Pickavance)

Continua a leggere alla pagina successiva