Il lancio di Sonos Beam arriva in un momento in cui le cose stanno cambiando a un ritmo rapido per la società di altoparlanti intelligenti.

[NOTA DELL’EDITORE: questa recensione non include la funzionalità AirPlay 2 di Sonos Beam.

Sonos ha evitato il ciclo di aggiornamento rapido preferito da altre società tecnologiche, preferendo invece perfezionare gli altoparlanti che aveva con numerosi miglioramenti del software.

Ma questo accadeva prima che Amazon, Google e, in misura minore, Apple assegnassero lo spazio dei diffusori alla loro prossima grande acquisizione;

Ciò significava che Sonos doveva interrompere il suo languido programma di rilascio e iniziare a gareggiare.

L’ultima, come hai intuito, è la Sonos Beam, una soundbar relativamente sottile che riempie il gap audio home theater entry-level.

Il Sonos Beam è un dispositivo che è stato abbinato abbastanza per essere accessibile, ma gli angoli non sono stati tagliati, ma semplicemente rifilati e riordinati.

Sonos Beam design

La dimensione di Sonos Beam è la chiave.

Ciò che abbiamo guardato e ascoltato durante la revisione

FILM

DunkirkArrivodotatoWall-E

tv

Spain Vs Morocco (Coppa del Mondo)WestWorldLegioneCose più strane

MUSICA

Man of Oil – Animal CollectiveMy Enemy – ChvrchesMiami – Baxter DuryLUMP – LUMPOpal – Bicep (remix di Four Tet)Emerald Rush – John HopkinsIl cliente preferito di Dio – Padre John Mistyvoi – Kanye West

Misurando 650 x 100 x 685 mm, è molto più piccolo del suo fratello di dimensioni super, la Sonos PlayBar.

È un dispositivo dall’aspetto levigato, che trae ispirazione da Sonos One e Sonos Play: 5.

La configurazione è semplice: un quadrato di quattro punti a sinistra per il volume in basso, lo stesso a destra per l’alto e un pulsante di riproduzione / pausa nel mezzo.

Siamo quasi scivolati lì e l’abbiamo chiamato Alexa, dato che è quello che è attualmente.

Ciò non significa che abbia risparmiato sulla qualità del design.

La soundbar può essere montata o plinata davanti al televisore.

All’interno del Sonos Beam ci sono quattro driver full-range, un tweeter centrale e tre radiatori passivi che sono lì da aggiungere al basso.

Sonos Beam è progettato per tre canali, ma può quasi rendere quei tre canali come veri suoni surround grazie a Trueplay, una funzione software che calibra il suono nella stanza.

La magia si verifica durante l’installazione quando l’altoparlante ti chiede di usare il tuo tablet o smartphone per “scansionare” la stanza (in pratica agita il dispositivo mentre l’altoparlante suona una serie di suoni).

Quando Trueplay è abilitato, la stanza si riempie di suono – sembra che funzioni meglio con qualcosa come una soundbar poiché il raggio è molto più grande.

Capovolgi il dispositivo e le porte sono minime.

Installazione di Sonos Beam

L’installazione di Sonos Beam è duplice.

Quest’ultima parte è piuttosto importante per Sonos Beam in quanto il dispositivo non viene fornito con un telecomando.

Senza HDMI ARC, le cose diventano un po ‘più complicate.

Per farlo funzionare correttamente, tuttavia, è necessario approfondire le impostazioni dell’app Sonos (e anche quelle della TV).

Nei nostri test, abbiamo dovuto riconfigurare il Beam in modo che si accendesse automaticamente all’accensione del televisore.

Non era molto chiaro dove e come farlo, ma dopo alcuni minuti di navigazione di una miriade di menu, abbiamo trovato l’impostazione di riproduzione automatica in Ambiente>TV.

Sebbene non ci sia dispiaciuto passare attraverso l’app, è chiaro che Sonos preferirebbe che tu utilizzassi HDMI Arc.

Per dare un po ‘di credito all’app, oltre ai 60 + servizi audio compatibili con esso, ha un buon numero di opzioni home theater.

Scava nelle impostazioni della stanza e c’è anche un’opzione EQ (con cursori bassi e alti e un pulsante Loudness), e le impostazioni di Dialogo TV che ti permettono di sincronizzare la voce se è un po ‘spenta (qualcosa che non otterrai usando HDMI ARC

Controllo vocale Sonos Beam

C’è, naturalmente, un altro modo per controllare Sonos Beam, e cioè con la tua voce.

C’è una discussione qui: tutti questi prodotti sono basati su Amazon e avrete bisogno di Amazon Fire TV o Fire TV Stick per ottenere il massimo dalla funzionalità vocale di Sonos Beam.

Senza la tecnologia di back-end di Amazon, puoi comunque utilizzare i comandi vocali per cose come il volume (Alexa, alzarlo del 30% ecc.), Per richiedere stazioni radio e mettere in pausa e riprodurre qualsiasi cosa tu stia ascoltando.

È divertente, se un tocco è limitato.

Avere il controllo vocale di Alexa va tutto bene, ma ti blocca in un ecosistema.

Mentre non possiamo esprimere il nostro verdetto in un modo o nell’altro sul successo di AirPlay 2 su Beam, sapere che è lì ci fa apprezzare ciò che Sonos sta cercando di fare: rendere la soundbar più accessibile che sia possibile.