Le vere cuffie wireless sono una delle più grandi tendenze nell’audio in questo momento, con le principali marche di cuffie che tentano di rivendicare un pezzo dell’azione dopo l’introduzione e il successivo successo di Apple AirPods.

E mentre il Samsung Galaxy Buds è il prossimo grande gioco della compagnia sudcoreana nei veri mercati delle cuffie wireless, non sono il primo tentativo di Samsung per il vero wireless: l’azienda ha prodotto due generazioni di Gear IconX.

Ciò che separa i Galaxy Buds da IconX, tuttavia, è che quest’ultimo elimina il marchio Gear e rende questi auricolari parte della famiglia Galaxy accanto al nuovo Galaxy S10, Galaxy S10 Plus e Galaxy S10e: tre telefoni che offrono un trucco perfetto con i Buds, ma ne parleremo più avanti.

Prezzo e disponibilità

I Samsung Galaxy Buds sono disponibili per preordinare $ 149 (£ 139 / AU $ 249 / AED 479), rendendoli leggermente più economici rispetto agli AirPod di Apple.

La data di uscita di Samsung Galaxy Buds è fissata per l’8 marzo negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Medio Oriente.

Se avessi preordinato un Samsung Galaxy S10, Galaxy S10 Plus o Galaxy S10e, potresti aver ottenuto anche un paio di Galaxy Buds gratuiti. Questa offerta è terminata il 7 marzo o fino a esaurimento delle scorte.

Questo sembra essere l’unico modo per preordinare i boccioli in Australia in questo momento, con al momento nessuna possibilità di riservare un paio di Galaxy Buds da soli.

Credito immagine: TechRadar

Design

Complessivamente, i Samsung Galaxy Bud sembrano molto attraenti, con un elegante design interamente in bianco composto da due auricolari e una custodia di ricarica.

Gli auricolari si presentano eleganti e compatti, con sottili estremità alari in gomma per una vestibilità sicura. Nella confezione si ottengono piccoli e medi avancorpi e auricolari, quindi dovresti riuscire a trovare una combinazione che si adatti perfettamente all’orecchio.

Mentre i boccioli si sentono piuttosto delicati quando li metti per la prima volta, e al rischio di cadere, sono sorprendentemente stabili e comodi da usare.

La mancanza di fili che li tirano giù significa che restano nell’orecchio attraverso una quantità sorprendente di capovolgimenti o dondolanti, e abbiamo scoperto che sono sopravvissuti alle sessioni di ginnastica e alle corse, oltre a una buona dose di dondolo.

Credito immagine: TechRadar

Una caratteristica interessante è l’uso di un materiale perlescente sull’alloggiamento esterno delle gemme, che riflette la luce in modo bello e ha un effetto quasi olografico.

Oltre ad avere un bell’aspetto, le custodie fungono da controlli touch, che possono essere utilizzati per riprodurre / mettere in pausa la musica, saltare brani, rispondere e terminare le chiamate e avviare l’assistente vocale Samsung Bixby su dispositivi compatibili.

È possibile personalizzare l’azione a lungo termine per i Galaxy Buds tramite l’app Samsung Galaxy Wearable (solo Android), scegliere dal volume (in alto a destra, in basso a sinistra) o avviare Bixby (premere a lungo su entrambi i boccioli).

I controlli tattili sono convenienti, ma devi essere estremamente preciso con i tuoi tocchi, applicando una pressione sufficiente sulla parte piatta delle gemme affinché possano registrare la tua azione. In più occasioni abbiamo mancato il marchio, o non abbiamo applicato abbastanza pressione, il che ci ha portato a dover riprovare (a volte più volte).

Mentre questo è un semplice inconveniente quando sei seduto ad una scrivania diventa più un problema quando sei in movimento e la mano è meno stabile – come, ad esempio, quando sei in palestra o fuori di corsa . La buona notizia è che diventerai più in sintonia con il sistema nel tempo attraverso l’uso e alla fine migliorerai, anche se non abbiamo ancora un tasso di successo del 100%.

Credito immagine: TechRadar

Custodia di ricarica per Samsung Galaxy Buds

Ora sulla custodia di ricarica; è estremamente compatto e può essere facilmente inserito in tasca quando ascolti.

Se hai utilizzato Samsung Gear IconX, noterai che l’intero pacchetto qui è molto più piccolo degli auricolari di ultima generazione. In effetti, è il 30% più piccolo e questo farà sicuramente la differenza quando li manterrai in tasca.

Il case in genere si sente abbastanza robusto, con un coperchio a scatto e magneti che tengono gli auricolari in posizione quando non sono in uso.

Sulla parte esterna del case troverete un piccolo LED che indica la quantità di batteria della custodia, mentre un LED all’interno della custodia indica la quantità di carica che i vostri auricolari hanno lasciato.

Sul retro del case c’è una porta per il caricatore USB-C: i Galaxy Buds sono dotati di un cavo USB per caricare la custodia. Le gemme stesse hanno una durata della batteria di sei ore, mentre la custodia di ricarica ne fornisce altre sette, piuttosto buone per i veri boccioli wireless.

Credito immagine: TechRadar

L’app Samsung Galaxy Wearable ti dice quanta batteria i boccioli hanno lasciato quando li estrai dalla custodia, ma non ti dice quanta carica ha la custodia, a differenza degli AirPod di Apple – invece devi fare affidamento sul LED sulla parte esterna del case per dirvi quanta batteria hai lasciato.

Una delle caratteristiche più interessanti qui è il fatto che è possibile caricare in modalità wireless queste cuffie nel loro caso. Ciò significa che se si dispone di un pad di ricarica wireless compatibile con Qi – se ne hai uno per il tuo telefono, probabilmente è esattamente questo – puoi semplicemente posizionarlo e caricarlo.

È particolarmente utile considerando che la nuova gamma Galaxy S10 è dotata di ricarica wireless a due vie.

Ciò significa che è possibile impostare la funzione sul telefono Galaxy S10 e posizionare le cuffie sul retro del dispositivo per farli caricare anche. È intelligente e abbiamo trovato che funziona perfettamente nel nostro breve tempo di test.

Funzionalità e prestazioni

Se possiedi un Samsung Galaxy S10, un Galaxy S10 Plus o un Galaxy S10e, l’abbinamento dei tuoi amici è un’esperienza senza soluzione di continuità, simile a come gli Apple AirPod si connettono all’iPhone all’istante.

La connettività sembra variare tra utenti diversi; più scrittori del team di TechRadar hanno testato i boccioli e, mentre alcuni non hanno riscontrato interruzioni della connessione, altri li hanno sperimentati regolarmente.

La maggior parte dei problemi con la connettività sembra essere stata affrontata da un aggiornamento software inviato da Samsung, ma, come con la maggior parte dei veri e propri boccioli wireless, è possibile che si verifichino interruzioni della connessione se li si utilizza nelle vicinanze di altri dispositivi Bluetooth.

Credito immagine: TechRadar

Nei precedenti veri e propri boccioli wireless di Samsung, Gear IconX, i Galaxy Bud sembrano brillare; con bassi caldi e profondi e una buona separazione, la musica suona alla grande quando viene suonata attraverso questi piccoli boccioli.

Ciò non sorprende, considerando che sono stati messi a punto dagli esperti audio AKG.

Abbiamo iniziato ascoltando “Daydreaming” dei Radiohead e siamo rimasti colpiti dal dettaglio e dalla chiarezza delle parti vocali, che sono state integrate da morbidi arpeggi di pianoforte a cascata e synth sintetizzati lisci.

Voci granulose tagliate e avvitate sovrapposte in modo coerente con il pannello di interferenza digitale da sinistra a destra in modo coerente, mentre violino e violoncelli passano sopra e sotto il mix.

Tuttavia, i Galaxy Buds brillano davvero quando si tratta di frequenze basse, che diventa ancora più evidente quando ascolti brani di basso come Billy Eilish “Bury A Friend”. Sui binari come questo, l’uso di driver dinamici che spostano l’aria significa che puoi quasi sentire i bassi sub che ti pulsano nel petto – insolito per i veri auricolari wireless.

Credito immagine: TechRadar

Abbiamo anche testato le vere gemme wireless sulla colonna sonora del gioco platform indipendente indie Fez, del compositore Disasterpeace. Durante l’ascolto di “Puzzle”, siamo rimasti colpiti dal vivace trattamento del suono dei Galaxy Buds, con onde sinusoidali distorte che fluivano e fluivano mentre i synth urlanti perforavano il mix con chiarezza. Anche arpeggi decadenti simili a organi e campanelle gorgoglianti si sentivano vibrati all’interno del palcoscenico generalmente caldo.

Come risultato di quel palcoscenico caldo e basso, le frequenze medie possono suonare leggermente incassate; non è il trattamento del suono più naturale, quindi se sei un audiofilo, potresti trovarti a desiderare un po ‘più di attacco nelle frequenze acute per una replica più accurata della tua musica.

Dicendo che, se ti piace il tuo basso di musica, probabilmente ti piacerà il modo in cui suonano i Galaxy Bud. Naturalmente, non offriranno la stessa potenza o isolamento acustico di un paio di cuffie decenti over-ear, ma per veri boccioli wireless, la qualità del suono è davvero impressionante.

Credito immagine: TechRadar

App Samsung Galaxy Buds

Alcune caratteristiche extra possono essere trovate all’interno dell’app Galaxy Wearable, incluso un equalizzatore, che consente di passare da un preset all’altro, incluso “Bass Boost; non pensavamo che i diversi preset avessero un effetto enorme sul palcoscenico di questi boccioli, ma è comunque un bel tocco.

Tramite l’app è anche possibile attivare la funzione “suono ambientale”, che mescola il rumore di sottofondo alla musica utilizzando i microfoni incorporati sul nascere – una funzione utile se si desidera utilizzare Galaxy Buds quando è in esecuzione e deve sentire un po ‘di rumore esterno per motivi di sicurezza.

Può anche bilanciare rumori come il traffico rumoroso, aumentando al contempo le voci vicine, il che ti consente di stare attento ai rumori ambientali senza compromettere la qualità della tua musica.

Mentre questa è una caratteristica utile, abbiamo riscontrato problemi con il suono ambientale in caso di vento. In queste condizioni meteorologiche, il suono del vento è stato amplificato, creando un fischio acuto e fastidioso.

Se collochi i tuoi Galaxy Buds, puoi anche utilizzare la funzione “Trova i miei auricolari” per rintracciarli. Quando attivi questa funzione, i Galaxy Buds riproducono un rumore tweeting costante in modo da poterli trovare rapidamente.

Verdetto finale

Samsung ha finalmente capito bene con i Galaxy Buds e rappresenta una seria competizione per Apple AirPods in termini di design, suono e facilità d’uso. Abbiamo amato l’effetto perlescente sull’alloggiamento esterno dei boccioli e il design elegante della custodia, e abbiamo scoperto che si sentivano a proprio agio e al sicuro.

La qualità del suono offerta da questi veri e propri boccioli wireless è anche molto buona, con bassi profondi e un palcoscenico molto aperto; anche se gli audiofili potrebbero voler cercare altrove un trattamento del suono più naturale, dato che i Galaxy Buds suonano molto caldi.

La durata dichiarata della batteria di sei ore per i boccioli e le sette ore per il caso sembravano giuste per noi, e mentre c’erano problemi di connettività prima dell’ultimo aggiornamento del software Samsung, questi problemi sembrano essere stati ampiamente risolti.

Il rovescio della medaglia è che altre funzionalità disponibili nell’app come il rumore ambientale e i preset dell’equalizzatore sono utili, ma non sempre hanno funzionato in modo così efficace come speravamo. Queste funzionalità sono anche prive di limiti per gli utenti iOS, in quanto è possibile scaricare l’app solo su dispositivi con Android 5.0 o versioni successive.

Detto questo, se si dispone di un telefono Samsung, i Galaxy Bud sono un fantastico paio di auricolari wireless, con alcune caratteristiche di qualità della vita che li fanno alzare fiduciosamente alla concorrenza. In caso contrario, potresti perdere queste caratteristiche aggiuntive, ma l’alta qualità del suono, la vestibilità comoda e il design accattivante fanno sì che questi boccioli possano essere un acquisto intelligente, anche per il pubblico iOS.

Crediti immagine: TechRadar

  • I migliori auricolari wireless: le migliori alternative AirPod wireless in circolazione