Il settore delle scatole NAS è molto dinamico oggi, con molte aziende che offrono soluzioni innovative per ogni livello di utenti domestici o aziendali.

Morro DATA è un’azienda che promette un approccio completamente diverso al NAS.

Morro Data ha l’obiettivo dichiarato di rovesciare il NAS tradizionale sottosopra con la sua serie CloudNAS radicale e un approccio radicale alla gestione dei dati archiviati nel cloud.

Fuori dalla scatola il CacheDrive G80 sembra un pezzo standard di hardware Intel, ma ciò che Morro Data ha fatto è tutt’altro che convenzionale.

Design

Alla prima apertura della confezione, sarebbe facile concludere che questo è l’articolo sbagliato inviato per errore.

Il NUC6i3SYK è un micro PC per uso generico costruito attorno a un processore Core i3-6100U della serie Skylake.

Con l’aggiunta di un adesivo del logo Morro Data, che applichi te stesso e alcuni documenti, questo è il G80.

Ovviamente, c’è molto di più in questa soluzione rispetto a ciò che viene fuori dalla scatola e ciò che rappresenta il G80 è un gateway dedicato a un servizio Cloud.

Ma per capire questo, dobbiamo prima considerare i tradizionali servizi Cloud, come Google Drive e Microsoft One Drive, e i problemi che le aziende hanno quando cercano di utilizzarli in un contesto commerciale.

Per spiegare meglio questo problema, ora ci dirigiamo verso l’antica Grecia.

La battaglia delle Termopili

Se non hai mai visto il film “300” o non hai letto nulla sulle guerre greco-persiane nel 480 aC, la parte cruciale di questa storia è che un piccolo numero di guerrieri ben addestrati trattiene una forza travolgente di invasori.

Lo fecero sfruttando il terreno a loro vantaggio, incanalando i persiani attaccanti in uno stretto spazio tra la costa e le colline, dove le differenze numeriche furono annullate.

Cosa c’entra questo con i dati aziendali sul Cloud, potresti ragionevolmente chiedertelo?

Ogni transazione con un file deve essere gestita e confermata dai computer o dai dispositivi client, e più utenti hai, meno larghezza di banda dovrà completare le attività di lettura o scrittura.

Come gli spartani delle Termopili, il collegamento a banda larga trattiene il flusso di dati e l’unica risposta convenzionale è comprare più linee o installare collegamenti backbone dedicati.

L’approccio adottato da Morro Data è quello di posizionare un dispositivo tra gli utenti e il servizio, un Cloud Cache, in grado di appianare gli urti e rilasciare il client alla fine della catena prima che i dati siano passati al Cloud.

Dal client alla fine, lavorare con il Cloud equivale a lavorare con un file server sulla rete interna, e il collegamento a banda larga non si inceppa con decine di transazioni cloud tentate di usarlo.

Una risoluzione è particolarmente importante se si dispone di più siti e i dipendenti stanno lavorando a progetti collaborativi su tutti utilizzando i servizi Cloud e questa soluzione è progettata anche per tale scenario.

Bene, questa è la teoria, quindi com’è la realtà?

Cloud cache e sincronizzazione

La configurazione del G80 è relativamente indolore.

La registrazione implica la fornitura di una fonte di pagamento con carta di credito / debito per un servizio di abbonamento Cloud che è un prerequisito per l’utilizzo del G80.

Una volta completata la registrazione, è possibile accedere al G80 dagli utenti della rete locale come un file system condiviso e qualsiasi elemento inserito verrà automaticamente inviato al Cloud.

Quindi trattano questa struttura di cartelle come se venissero da qualsiasi altro server locale senza doversi preoccupare di cosa succede ai loro file quando sono sul disco interno del G80 da 1TB.

È interessante notare che l’unità collegata alla rete a cui accedono sembrerà la dimensione dello spazio di archiviazione che hanno pagato per l’uso.

Il 1TB interno del G80 contiene i file più rilevanti basati sul modello di utilizzo, che sono gestiti dal codice in esecuzione sulla cache e nel cloud.

Il servizio CloudNAS funziona su un modello binario in cui vengono utilizzati un file e un’intestazione di file “stub” per separare i dati effettivi dalle versioni virtuali.

Quando un utente copia un file su CacheDrive, passa quindi all’archivio Cloud.

Se un utente in uno di questi siti remoti vuole quel file, fa semplicemente clic su di esso nella condivisione di rete e immediatamente il file viene copiato dal Cloud nella sua casella CacheDrive per sedersi nella loro cache locale.

Con questo approccio, i file devono solo rendere ogni viaggio una volta, e non tutti i file viaggiano in tutte le località.

Una volta esaurita la cache, vengono registrati i dati relativi all’ultimo accesso ai file e la frequenza con cui vengono utilizzati per determinarli, mentre l’intestazione del file stub viene lasciata nella cache in modo che gli utenti possano accedervi e quindi averne bisogno.

Morro Data includeva una struttura completa per utente / gruppo / dominio che consente di segmentare le condivisioni per dipartimento o per anzianità.

Inoltre, forniscono supporto per l’applicazione per il collegamento a Dropbox e OneDrive utilizzando uno strumento chiamato ECHO. A parte questo punto, il pensiero alla base del G80 è valido e l’implementazione è altrettanto valida.