Aggiornamento: F8 2018, la grande conferenza per gli sviluppatori di Facebook, è arrivata agli inizi di maggio senza che il progetto Santa Cruz si diffondesse nell’ambiente naturale, probabilmente con la delusione di molti sperando in dettagli sulle potenti cuffie wireless VR.

Ma le speranze non sono state lasciate a mani vuote quando il CTO di Facebook Mike Schroepfer ha offerto due stimoli sostanziali sull’auricolare.

“Più tardi quest’anno ” si allinea alla conferenza annuale di Oculus Connect, che di solito scende in ottobre.

E ‘allora che la data di rilascio del Progetto Santa Cruz sarà finalmente rivelata?

La recensione hands-on originale continua di seguito:

Project Santa Cruz è una nuova cuffia standalone di Oculus, creatrice delle note cuffie (VR) di realtà virtuale (VR) di Oculus Rift.

Va bene, l’auricolare non è in realtà nuovo.

Alla conferenza Connect di quest’anno, tuttavia, siamo stati trattati per un prototipo molto più raffinato.

Abbiamo dovuto provare l’ultimo prototipo del Progetto Santa Cruz per noi durante il Connect di quest’anno a San Jose, in California.

Design

Project Santa Cruz ha un aspetto e una sensazione simile all’attuale Oculus Rift, con alcune eccezioni chiave.

Santa Cruz ha bordi leggermente più arrotondati attorno alla visiera rispetto a Rift, e ci sono quattro sensori incorporati in ogni angolo per il tracciamento verso l’interno, il che significa che non sono necessarie telecamere o sensori esterni.

Santa Cruz è un po ‘più pesante nella parte anteriore rispetto a Rift, anche se lontano dal disagio da indossare.

La parte dell’auricolare ha una qualità morbida simile a un panno che si sente bene nella mano.

Le cinghie del Project Santa Cruz si allungano per girare la testa prima di accoccolarsi comodamente.

Anche in questo caso, Project Santa Cruz è un prototipo, quindi tutto, dalle sue parti al suo design, è soggetto a modifiche.

Immagine 1 di 6

Progetto Santa Cruz visto in un video di OculusImmagine 2 di 6

Progetto Santa Cruz visto in un video di OculusImmagine 3 di 6

Progetto Santa Cruz visto in un video di OculusImmagine 4 di 6

Progetto Santa Cruz visto in un video di OculusImmagine 5 di 6

Progetto Santa Cruz visto in un video di OculusImmagine 6 di 6

Progetto Santa Cruz visto in un video di Oculus

Una caratteristica benvenuta di Santa Cruz è che non ci sono cuffie per capovolgere le orecchie, come nel caso di Rift.

Il suono ha una qualità onnicomprensiva che emana dall’auricolare, e siamo stati attratti dai mondi VR in un modo che non abbiamo mai avuto abbastanza esperienza con Rift.

Demos

Abbiamo provato due demo con Project Santa Cruz.

Il primo demo si chiamava Boundless.

Boundless era un mondo carino e indistinto, che potevamo esplorare grazie all’assenza di uno spesso cavo che collegava Santa Cruz a un PC.

Questa libertà era ancora più pronunciata nel nostro prossimo demo, chiamato Timestall.

In questa demo, abbiamo davvero volato per la stanza.

Spesso ci siamo presi un po ‘frustrantemente spingendo il cavo collegato a Oculus Rift.

E nel caso ti stavi chiedendo, sì, Santa Cruz ha un sistema di accompagnatori.

Controller di progetto Santa Cruz

Progetto Santa Santa Cruz non viene da solo.

I controller Santa Cruz sono più piccoli di Touch e si adattano più comodamente alla mano.

Il trackpad è visibile in questa diapositiva con i nuovi controller Project Santa Cruz

Mentre Touch ha una levetta analogica e pulsanti grandi ABXY in alto, i controller di Project Santa Cruz eliminano questi e li sostituiscono con un trackpad.

I controller di Santa Cruz erano più reattivi di Touch, e questo è probabilmente grazie al 6 gradi di libertà integrato, di 6DOF, tracking.

Siamo sempre stati un fan di Touch, e i controller di Project Santa Cruz costruiscono e migliorano solo l’esperienza, perfezionandola e facendo un lavoro migliore di stare al passo con te mentre ti muovi.

Verdetto anticipato

Anche se il nostro tempo con Project Santa Cruz era breve e l’auricolare è un prototipo soggetto a modifiche, ciò che abbiamo vissuto è stato impressionante.

Le esperienze, anche se limitate, erano abbastanza buone e sono state migliorate solo perché potevamo muoverci e interagire con l’ambiente.

Potrebbe essere facile dire che Project Santa Cruz è un Rift senza fili, anche se in una certa misura è vero.

Ma anche Santa Cruz sembra occupare uno spazio tutto suo.

Detto questo, la grande domanda per il 2018 è quanto costerà il Progetto Santa Cruz.

Il costo rimane una barriera per entrare in realtà virtuale, e il prezzo troppo alto potrebbe tenere Santa Cruz fuori dalle mani di molti.