Come probabilmente indovinerai dal nome, MacSentry è una VPN indirizzata molto agli utenti Mac, iPhone e iPad. Ma non è così restrittivo come sembra, perché il servizio ha un’app per Windows e ci sono istruzioni manuali per Linux, Android, Fire TV Stick e altro.

La rete di MacSentry è relativamente piccola, ma capire quanto piccola sia stata una sfida. La prima pagina del sito web ci dice che ha 20 sedi in 16 paesi; l’elenco dei server ufficiali ha 16 sedi in 15 paesi; la pagina di stato del server ha solo 14 posizioni, ma queste non corrispondono completamente agli altri elenchi.

Passando al client Windows, abbiamo trovato il nome di 14 sedi in 13 paesi (7 in Europa, 2 negli Stati Uniti, oltre ad Australia, Costa Rica, Singapore e Giappone), quindi questa è la cifra che useremo.

  • Vuoi provare MacSentry? Controlla qui il sito web

Il servizio principale di MacSentry include la maggior parte delle funzionalità che ti aspetteresti. È disponibile il supporto per un massimo di cinque connessioni simultanee, il P2P è consentito su tutti i server, un blocco di rete e un interruttore di uccisione solo per Mac mirano a fermare le perdite di dati e l’azienda offre supporto via email 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in caso di problemi.

Gli utenti Mac ricevono anche un piccolo bonus sotto forma di tre strumenti di sistema gratuiti: un monitor di connessione di rete, lo strumento di pulizia dell’unità e l’app di stato della batteria.

I prezzi sono un po ‘al di sotto della media. La fatturazione mensile può essere tua a $ 9,99, questo scende a $ 4,99 per sei mesi e un minimo di $ 3,58 per un anno. PayPal, carte di credito e Bitcoin sono supportati per il pagamento.

Purtroppo, sul sito Web non sono disponibili prodotti o prove gratuite, ma MacSentry offre una garanzia di rimborso di 7 giorni senza domande, senza trucchi, senza stampa fine, e questo è più che sufficiente per scoprire se il servizio sarà disponibile. Lavoro per te.

vita privata

Il sito Web di MacSentry ha una chiara affermazione “no logging” nella sua prima pagina, ma l’esperienza ci ha insegnato che non si può sempre prendere questo valore. Abbiamo deciso di scavare più a fondo.

Le FAQ su una singola pagina sono enfatiche, ma altrettanto carenti nei dettagli: “non memorizziamo nessun registro”.

Siamo partiti per la breve informativa sulla privacy, che ha spiegato che alcuni dati vengono registrati quando ci si connette: “nome utente, IP interno, durata della sessione e quantità di dati trasferiti”, ma aggiunge che “questi dati non vengono conservati e cancellati dopo che l’utente si disconnette poiché non è più rilevante. “

MacSentry sembra escludere sia la registrazione di attività che quella di sessione, il che funziona per noi. Ma saremmo anche più felici se la compagnia seguisse provider come TunnelBear, VyprVPN e NordVPN, e avessimo un audit pubblico per confermare che è all’altezza delle promesse sulla privacy.

Impostare

Il processo di registrazione di MacSentry è molto simile a molti altri: scegli un piano, seleziona il tuo metodo di pagamento (carta, PayPal o Bitcoin) e inserisci i tuoi dati come al solito.

L’azienda è andata un po ‘oltre la maggior parte chiedendo il nostro paese d’origine, ma se ritieni che sia troppo invadente, non c’è nulla che ti impedisca di scegliere il luogo che preferisci.

Un clic dopo, siamo arrivati ​​nell’area clienti di MacSentry. È una pagina iniziale semplice e diretta che elenca i dettagli principali dell’account, ha collegamenti ai download di software e alle guide di installazione e ti indirizza a una knowledgebase di supporto se hai bisogno di aiuto.

Non sorprende che MacSentry sia più semplice da configurare su Mac e dispositivi iOS. C’è anche un client Windows, e l’abbiamo scaricato e installato senza problemi.

Ci sono tutorial per altre piattaforme, ma queste sono, beh, di base. La guida di Android, ad esempio, è composta da più di 100 parole distribuite su un elenco puntato di otto punti. Continuerai a capire cosa fare, ma potrebbe richiedere più tempo rispetto ad alcuni concorrenti.

Il client Windows di MacSentry semplifica le cose con un’interfaccia facile da usare (Image credit: MacSentry)

(Credito immagine: MacSentry)

applicazioni

Il client Windows di MacSentry ha un’interfaccia semplice ma di facile utilizzo che troverai in pochi minuti.

La console di apertura chiede di accedere e invita a scegliere la posizione preferita da un elenco di testo semplice.

Il cliente ha anche una mappa, ma questa sembra essere peggio che inutile. Non solo non è possibile selezionare una posizione dalla mappa, ma visualizza anche più posizioni che MacSentry non sembra supportare. (La mappa ha marcatori per New York e Montreal, ad esempio, ma non sono inclusi nell’elenco di testo.)

Non ci sono altri extra avanzati – nessun tempo di ping del server, nessun dato di caricamento, nessun sistema di preferiti – ma non c’è nient’altro da imparare. Basta puntare, fare clic e connettersi.

MacSentry aggiorna la propria interfaccia per dirti quando sei protetto, e quando non lo sei, ma non usa alcuna forma di notifica desktop. Se sei occupato altrove, magari eseguendo un’applicazione a schermo intero, non saprai necessariamente cosa sta succedendo.

Il pannello delle impostazioni di MacSentry lascia molto a desiderare con solo tre opzioni disponibili (Image credit: MacSentry)

(Credito immagine: MacSentry)

Il pannello Impostazioni è anche molto semplice, con solo tre opzioni: avviare il client insieme a Windows, scegliere il protocollo (OpenVPN TCP o UDP) oppure nascondere il pulsante di MacSentry nella barra delle applicazioni di Windows.

Non c’è nemmeno una grande complessità sotto il cofano. Il client Windows di MacSentry è una semplice shell basata su Chromium, poco più di un front end di base che consente di scegliere una posizione, quindi utilizza l’applicazione OpenVPN open-source per creare e gestire la connessione.

Il problema con questo approccio è che, sebbene sia sufficiente per connetterti, le abilità del cliente si fermano qui. Altre VPN in genere dispongono di servizi Windows per monitorare la connessione e garantire che tutto funzioni senza intoppi, ad esempio: MacSentry incrocia semplicemente le dita e spera che tutto vada per il verso giusto. (Continua a leggere per un esempio di cosa succede, in caso contrario.)

Usiamo OpenSpeedTest per testare le prestazioni di ogni VPN che esaminiamo (Image credit: OpenSpeedTest)

(Credito immagine: OpenSpeedTest)

Prestazione

MacSentry dice che il suo kill switch è disponibile solo su Mac, ma abbiamo comunque controllato il client Windows, solo per vedere cosa sarebbe successo.

La compagnia si è rivelata giusta. Quando abbiamo interrotto la nostra connessione OpenVPN locale, non solo il client non è riuscito a bloccare il nostro accesso a Internet, non ha nemmeno notato che la VPN non funzionava. Invece, l’interfaccia continuava a sostenere che eravamo connessi.

(Il nostro test era pertinente solo per il client Windows. L’app Mac di MacSentry include un kill switch capace e le app Android possono essere configurate manualmente per proteggerti in caso di calo di VPN.)

C’erano notizie migliori con i nostri test di tenuta. MacSentry imposta correttamente OpenVPN per bloccare le perdite DNS e più siti Web di test hanno dimostrato che siamo protetti adeguatamente.

MacSentry ci ha dato l’accesso a BBC iPlayer ma non è riuscito a sbloccare Netflix negli Stati Uniti nei nostri test (Image credit: Netflix)

(Credito immagine: Netflix)

I risultati di sblocco del sito Web sono stati misti, con MacSentry che ci ha inserito in BBC iPlayer, ma non con Netflix negli Stati Uniti.

Le velocità erano quasi le stesse che potevamo aspettarci dai nostri server locali nel Regno Unito, con una media costante di 65 Mbps su una linea di test a 75 Mbps. Le velocità negli Stati Uniti sono state più lente e più variabili, con un picco a 40 Mbps, ma in genere hanno raggiunto i 15-20 Mbps. I risultati sono stati simili con l’Australia a 12-25 Mbps, ma il Giappone ha perso un po ‘a 14-18 Mbps, e non siamo riusciti a connetterci in Australia.

Verdetto finale

La messa a fuoco Mac di MacSentry è insolita, ma non è sufficiente per compensare la mancanza di posizioni, le prestazioni sotto la pari, il sito Web di supporto debole e molti altri problemi di servizio. Anche se sei rigorosamente solo Apple, ci sono molte migliori scelte VPN in giro.

  • Abbiamo anche evidenziato il migliori servizi VPN del 2019