Revisione di due minuti

Xiaomi Mi Note 10 non è un telefono che ti aspetteresti di essere particolarmente rivoluzionario, essendo un dispositivo di fascia media del marchio tecnologico cinese Xiaomi, ma potrebbe essere il dispositivo che fa sedere il mondo degli smartphone e prenderne atto chiamati marchi cinesi “budget”.

Questo perché Mi Note 10 porta tutti i simboli di un telefono di fascia alta, ma senza il prezzo più alto: ha un bellissimo schermo con bordi curvi, un’enorme batteria, un sensore di impronte digitali sullo schermo, cinque telecamere posteriori e, la maggior parte in particolare, è stato il primo smartphone dotato di un sensore della fotocamera principale da 108 MP.

Quella macchina fotografica sminuisce il iPhone 1112MP e persino il Huawei P30 Prosnapper da 40 MP. È un’affascinante interpretazione dell’enigma della fotocamera dello smartphone: come può uno snapper di telefono competere con una DSLR? A differenza di Apple, Huawei e Samsung, Xiaomi si affida all’hardware a forza bruta piuttosto che al software di post-elaborazione, e il Mi Note 10 riesce a scattare foto fantastiche senza AI che modifica l’immagine all’oblio.

Dire che scatta foto fantastiche è davvero un eufemismo, in quanto lo Xiaomi Mi Note 10 è uno dei migliori telefoni cellulari con fotocamera in giro, soprattutto se hai un budget limitato. Questo nonostante alcuni dei suoi cinque dentici posteriori si sentano un po ‘incoerenti e forse ridondanti.

Oltre alla fotocamera, il Mi Note 10 è un dispositivo impressionante in altri modi, con la sua struttura resistente, lo schermo bello e la ricarica incredibilmente scattante, ma ha anche un tallone d’Achille sotto forma del suo chipset di fascia media: il processore fa chiaramente fatica a gestire immagini da 108 MP e ha anche problemi con alcune altre attività, quindi lo spettro di questo chipset mediocre è sempre presente quando si utilizza il telefono.

Tuttavia, un concorrente telefonico premium che vende al dettaglio a un prezzo (relativamente) basso avrà inevitabilmente alcuni punti deboli – e più usi questo telefono, più scoprirai che sarai in grado di ignorare la maggior parte di queste carenze.

(Credito immagine: futuro)

Prezzi e disponibilità di Xiaomi Mi Note 10

Non c’è ancora alcuna parola sul prezzo o sulla data di rilascio dello Xiaomi Mi Note 10 negli Stati Uniti o in Australia, nonostante sia stato lanciato a novembre 2019, ma in Europa costa € 549 (circa $ 610 o AU $ 880).

Nel Regno Unito, lo Xiaomi Mi Note 10 è elencato su Amazon ma, stranamente, non attraverso il sito Web stesso di Xiaomi. Il dispositivo costa £ 400 ma alcuni venditori di terze parti lo elencano per £ 11 in meno.

Quando Xiaomi ha lanciato il Mi 9 ci sono voluti diversi mesi per rendere disponibile il dispositivo nel Regno Unito (e non è mai arrivato negli Stati Uniti), quindi potremmo aspettare un po ‘che lo smartphone sia sugli scaffali.

Ci aspettiamo di vedere Xiaomi Mi 10 all’inizio di marzo 2020, quindi ci aspettiamo di vederlo Mi Note 10 in più regioni prima.

Design

Xiaomi Mi Note 10 segue l’aspetto Android ‘standard’ e lo migliora in alcuni modi; non è distinto come il Oppo Reno o Huawei Mate 30 Pro, ma non è identico alle legioni di smartphone Android simili.

Il telefono misura 157,8 x 74,2 x 9,7 mm, quindi è uno degli smartphone più spessi che abbiamo testato: probabilmente lo noterai quando utilizzi il dispositivo, anche se ci siamo abituati abbastanza facilmente. Questo spessore si riflette nel peso di 208 g, che di nuovo è relativamente pesante per un portatile, sebbene abbiamo usato dispositivi più pesanti.

La parte anteriore e posteriore dello Xiaomi Mi Note 10 sono realizzate in Gorilla Glass 5, inserendo un telaio in alluminio, quindi il telefono si sente rassicurantemente robusto.

(Credito immagine: futuro)

Lo schermo Mi Note 10 è curvo – più sul display a breve – e anche la parte posteriore dello smartphone è curva, più che sulla maggior parte degli altri dispositivi. Ciò rende i bordi del telefono sensibilmente arrotondati nella mano e il dispositivo è quindi abbastanza comodo da tenere in mano.

Intorno ai bordi del telefono c’è una porta USB-C standard e un jack per cuffie da 3,5 mm sotto, quindi gli utenti di cuffie cablate troveranno questo uno dei pochi dispositivi che possono ancora utilizzare senza dover schizzare su una coppia Bluetooth. Sul bordo destro del telefono ci sono un pulsante di accensione e un bilanciere del volume, entrambi abbastanza bassi da essere facili da colpire con un dito per tutti tranne le mani più piccole.

Una lamentela che abbiamo con il design del Mi Note 10 è il dosso della fotocamera posteriore, che è pronunciato e sporge molto rispetto ai dossi della maggior parte dei telefoni. Di conseguenza, i bordi del dosso sul nostro portatile di recensione si sono rapidamente sfregiati, il che (letteralmente) ha tolto il bagliore dall’aspetto altrimenti elegante.

È anche curioso che non tutte le telecamere si trovino all’interno della protuberanza, poiché due sono effettivamente sotto di essa. Questo non cambia il modo in cui usi il telefono, ma conferisce un aspetto più strano e meno esteticamente gradevole rispetto a se tutti gli obiettivi fossero inclusi nel bump.

Schermo

Xiaomi Mi Note 10 ha un display da 6,47 pollici, quindi a seconda delle dimensioni della tua mano è abbastanza piccolo da essere facilmente utilizzabile con una mano, anche se per alcuni utenti potrebbe semplicemente cadere nel campo dell’uso a due mani.

Lo schermo è un pannello AMOLED con risoluzione 1080 x 2340 e, sebbene gli schermi AMOLED tendano ad avere un bell’aspetto, normalmente non sembrano così buoni su un telefono di fascia media. I colori sono davvero pop, la luminosità massima è piuttosto alta, le immagini sembrano strutturate e il contrasto è buono. La maggior parte degli smartphone con schermi così buoni sono dispositivi premium ed è piuttosto raro vedere telefoni di fascia media con la tecnologia.

(Credito immagine: futuro)

Una cosa degna di nota è che, a differenza di molti altri telefoni, non è possibile toccare due volte per riattivare l’opzione di visualizzazione, il che potrebbe essere un po ‘stonante per le persone abituate a quel metodo di svegliare il telefono. Invece, devi premere il pulsante di accensione o, se hai abilitato lo sblocco delle impronte digitali, puoi tenere il pollice sul sensore sullo schermo per riattivare il dispositivo.

Come accennato, i bordi dello schermo sono curvi, come sul Samsung Galaxy S10 o Huawei P30 Pro, tuttavia sul Mi Note 10 la curva è leggermente più pronunciata, il che rende il telefono più facile e comodo da tenere; tuttavia, occasionalmente, abbiamo premuto inavvertitamente il bordo curvo quando tenevamo il telefono, il che potrebbe avere conseguenze fastidiose come cambiare le pagine di un e-book che stavamo leggendo.

Nella parte superiore dello schermo c’è una piccola tacca a goccia al centro, che ospita la fotocamera frontale. Non è particolarmente invadente, ma altri telefoni hanno alternative come ritagli di perforazione e telecamere pop-up, quindi è una questione di gusti personali indipendentemente dal fatto che tu sia un fan del notch.

telecamera

La caratteristica principale dello Xiaomi Note 10 è la sua fotocamera: il sensore principale da 108 MP è il primo del suo genere su uno smartphone al mondo, ed è una parte così importante dell’identità del telefono, e il tono di vendita di Xiaomi, che ‘108MP’ è impresso sul retro del telefono.

Questa fotocamera posteriore principale è affiancata da tutta una serie di vicini: c’è un sensore da 12 MP con un teleobiettivo 2x per la modalità ritratto; un secondo teleobiettivo, questo con zoom 5x e sensore da 5 MP, per scatti ingranditi; una fotocamera ultra-wide da 20 MP; e infine uno snapper macro da 2 MP.

Fortunatamente, dato il peso delle aspettative che ci cadono sopra, la fotocamera principale da 108 MP scatta foto assolutamente incredibili. Dimentica l’iPhone 11 Pro, Huawei P30 o persino Realme X2 Pro: questo telefono scatta alcune delle immagini più belle che otterrai da uno smartphone.

Tutto qui è perfetto: i colori sono ricchi, il contrasto è adeguatamente netto o sottile per adattarsi alla foto e le immagini sono luminose. Le immagini vengono automaticamente convertite in pixel 4 in 1 per creare scatti da 27 MP, ma se vuoi (e non sei preoccupato di rimanere senza spazio di archiviazione) puoi scattare in pieno 108MP.

(Credito immagine: futuro)

Tutto qui è perfetto: i colori sono ricchi, il contrasto è adeguatamente netto o sottile per adattarsi alla foto e le immagini sono luminose. Le immagini vengono automaticamente convertite in pixel 4 in 1 per creare scatti da 27 MP, ma se vuoi (e non sei preoccupato di rimanere senza spazio di archiviazione) puoi scattare in pieno 108MP.

Se scatti foto da 108 MP, puoi ingrandirle dopo e scoprirai che i dettagli e la qualità generale reggono: questo è ottimo per le persone che modificano le loro immagini, in quanto significa che puoi ritagliare le immagini senza preoccuparti che diventino troppo bassa risoluzione. Ovviamente non tutti dovranno scattare scatti da 108 MP, ad esempio è un grave sovraccarico per Instagram, ma è un’opzione fantastica avere.

Scattare 108 MP ha un altro aspetto negativo, oltre a riempire la memoria, poiché Mi Note 10 impiega un po ‘di tempo per elaborarli – mentre ciò accade, non è possibile scattare altre foto, visualizzare lo snap o uscire dall’app. Ciò può richiedere da alcuni secondi a quasi un minuto in alcuni casi e, sebbene occasionalmente si verifichi anche con scatti in verticale, ultra-ampi e normali, è stato molto più un problema con le foto da 108 MP.

È un problema che deriva dal principale punto debole del dispositivo: il suo processore, che vedremo nella sezione “Specifiche e prestazioni” di questa recensione. Basti dire che sminuisce in qualche modo l’esperienza fotografica, ma la qualità dell’immagine non è influenzata – ed è improbabile che sparerai immagini da 108 MP tutto il giorno.

(Credito immagine: futuro)

La prossima fotocamera di cui parleremo è la fotocamera da 12 MP per il ritratto, e di nuovo è un piacere da usare. Le foto scattate con esso hanno rilevato in modo affidabile il soggetto e applicato una sfocatura dello sfondo appropriata, con poca o nessuna sfocatura del soggetto, o uno qualsiasi degli altri problemi che a volte si presentano con le modalità ritratto con la corda.

L’unico problema qui è che il sensore è accoppiato con un teleobiettivo 2x, quindi quando si attiva la modalità ritratto questo livello di zoom viene applicato automaticamente e non è possibile ridurre. Questo spesso significava che dovevamo fare qualche passo indietro prima di scattare un ritratto, ma spesso scopriamo che dobbiamo essere un po ‘più vicini di quanto sia l’ideale per il soggetto per catturare un ritratto decente su altri telefoni, quindi non lo era la fine del mondo.

Sotto quel teleobiettivo c’è il secondo, che viene utilizzato per scatti con zoom a lungo raggio e che offre uno zoom ottico 5x. Questo dentice è stato un po ‘deludente, in quanto il sensore ha solo 5 MP, quindi anche se poteva chiudere molto bene le distanze, le immagini risultanti erano un po’ sgranate e opache. In effetti, spesso abbiamo trovato più facile fare uno scatto da 108 MP e ritagliarlo nella sezione che volevamo (nonostante i problemi con questa fotocamera di cui sopra). Questo sensore ha davvero bisogno di una risoluzione più elevata per gli scatti ingranditi per essere buono.

Immagine 1 di 4

(Credito immagine: futuro)

A livello Ultra

Immagine 2 di 4

(Credito immagine: futuro)

1x zoom

Immagine 3 di 4

(Credito immagine: futuro)

Limite dello zoom ottico

Immagine 4 di 4

(Credito immagine: futuro)

Limite dello zoom digitale

Parlando di obiettivi ridondanti, abbiamo davvero avuto difficoltà a scattare foto decenti da vicino con l’obiettivo macro e il suo sensore da 2 MP. Le riprese macro erano granulose e a bassa risoluzione, e di nuovo usando la fotocamera principale si ottenevano risultati molto migliori. Questo dentice sembra totalmente ridondante e, senza voler sembrare troppo cinico, sembra un po ‘come se fosse stato incluso per arricchire un elenco di specifiche. Avremmo preferito vedere a OnePlus 7T Pro-modalità macro esque con un obiettivo ultra-wide, piuttosto che una fotocamera dedicata debole come questa.

La fotocamera finale, lo snapper ultra-wide da 20 MP, è decisamente “eccellente”. Le foto scattate con esso sembravano buone, senza irragionevoli quantità di distorsione, ma non siamo stati esattamente colpiti dai risultati. Detto questo, questa è la fotocamera che abbiamo usato meno nel nostro tempo con il Mi Note 10 e immaginiamo che sarà la stessa per la maggior parte delle persone.

Uno scatto ultra-wide (Image credit: Future)

Abbiamo anche riscontrato un problema con questo snapper che non ci siamo mai imbattuti in un telefono. È piuttosto in basso sul corpo del dispositivo e spesso quando stavamo cercando di scattare una foto con esso notavamo che le nostre mani che reggevano il telefono sarebbero state nella cornice. A causa del modo in cui teniamo il telefono quando si scattano foto, questo è stato davvero un problema solo quando si è scattato in orientamento verticale, ma spesso abbiamo dovuto riprendere le immagini quando abbiamo notato che le nostre dita si insinuavano nella cornice.

Sul fronte, lo Xiaomi Mi Note 10 ha una fotocamera da 32 MP alloggiata in quella tacca di cui sopra, e ci siamo divertiti molto a giocare con i suoi vari filtri e caratteristiche. I selfie sembravano piuttosto vibranti e di alta qualità, e il software del dispositivo era in grado di identificare e sfocare gli sfondi ma non i soggetti.

Immagine 1 di 2

(Credito immagine: futuro)

Un selfie senza bokeh

Immagine 2 di 2

(Credito immagine: futuro)

Un selfie con bokeh

Quindi sono gli obiettivi coperti, ma per molte persone quanto è buono un telefono con fotocamera dipende dalla facilità d’uso e dalle caratteristiche, così come lo è dalla qualità dell’immagine. Come accennato in precedenza, il Mi Note 10 a volte era un po ‘lento nell’uso, impiegando un po’ di tempo per elaborare le immagini. Si è anche schiantato di tanto in tanto e abbiamo perso alcune immagini in questo modo se non avessero terminato l’elaborazione. Ancora una volta, tutto dipende dal chipset, che vedremo tra poco.

In termini di qualità video, è possibile registrare fino a 4K. Questo nonostante la registrazione video 6K sia una delle caratteristiche propagandate del sensore da 108 MP, quindi l’assenza è curiosa e quando abbiamo chiesto a Xiaomi di questo durante un briefing sul prodotto, non sembravano avere molta risposta. Detto questo, relativamente poche persone sarebbero effettivamente in grado di sfruttare al meglio i contenuti 6K, quindi non è un grosso problema in questo momento.

Ci sono alcune modalità di immagine o video che alcuni utenti potranno sfruttare al meglio, ma ognuna ha uno svantaggio. Il video al rallentatore è sempre una caratteristica interessante, tuttavia sullo Xiaomi Mi Note 10 viene catturato lo snapper ultra-largo, ma ritagliato per adattarsi allo stesso campo visivo dell’immagine principale, con conseguente perdita di qualità dell’immagine. La modalità Vlog è ideale per creare facilmente video in formato corto, ma funziona solo con le telecamere posteriori, quindi non puoi filmare te stesso.

La modalità notturna per le foto qui non è incredibile, poiché le foto scattate in questa modalità sembravano indistinguibili dagli scatti senza la modalità abilitata. In effetti, tutte le immagini in condizioni di scarsa luminosità dalla fotocamera del telefono sembravano un po ‘rumorose, indipendentemente da quale snapper fosse usato, anche se la fotocamera principale ha tirato abbastanza luce per compensare a volte.

La nostra analisi dell’analisi della fotocamera dello Xiaomi Mi Note 10 potrebbe sembrare come se fossimo abbastanza giù su di loro, e sembra che Xiaomi abbia cercato di riempire un sacco di funzioni qui senza scaricarle correttamente, motivo per cui c’è molto da criticare. Ma i dentici principali e quelli più ritraggono le carenze degli altri, e nel complesso il portatile scatta foto incredibili.

Campioni della fotocamera

Immagine 1 di 9

(Credito immagine: futuro)

Un colpo a macroistruzione, un po ‘sfocato e a bassa risoluzione

Immagine 2 di 9

(Credito immagine: futuro)

Uno scatto in condizioni di scarsa luminosità

Immagine 3 di 9

(Credito immagine: futuro)

Lo scatto da 108 MP precedentemente condiviso

Immagine 4 di 9

(Credito immagine: futuro)

Un altro colpo da 108 MP

Immagine 5 di 9

(Credito immagine: futuro)

Uno scatto da 108 MP in condizioni di scarsa luminosità

Immagine 6 di 9

(Credito immagine: futuro)

Lo scatto grandangolare precedentemente condiviso

Immagine 7 di 9

(Credito immagine: futuro)

Un selfie

Immagine 8 di 9

(Credito immagine: futuro)

Uno scatto da 108 MP al mattino presto

Immagine 9 di 9

(Credito immagine: futuro)

Uno scatto da 108 MP

Specifiche e prestazioni

Abbiamo accennato alla principale debolezza dello Xiaomi Mi Note 10 sopra e ora possiamo discuterne in modo più dettagliato: il chipset del portatile non è abbastanza buono. C’è un chipset Snapdragon 730G qui, che è un discreto processore di fascia media ottimizzato per i giochi, ma in un telefono che aspira allo stato premium non è semplicemente all’altezza del lavoro.

Il principale effetto a catena di ciò sono i suddetti tempi di elaborazione delle immagini lenti e il fatto che l’app della fotocamera (e alcune altre app a volte) hanno la tendenza a bloccarsi, ma sentiamo anche le prestazioni della batteria sorprendentemente mediocre (come noi Prenderò) potrebbe essere un risultato anche di questo.

Se Xiaomi stesse cercando di creare un telefono che potesse davvero competere con il meglio di Apple e Samsung, avrebbe potuto optare per il top-end (almeno quando è stato lanciato Mi Note 10) il chipset Snapdragon 855, che avrebbe comodamente gestito tutto ciò che lo richiedeva.

Tuttavia, se guardi il Mi Note 10 più come un telefono di fascia media, piuttosto che un pretendente al trono premium, il processore sub-par diventa meno un problema e potresti sentire che puoi vivere con l’arresto occasionale e breve ritardo dato il prezzo di questo portatile.

(Credito immagine: futuro)

Quando si tratta di giochi, Xiaomi Mi Note 10 sfrutta al meglio il chipset Snapdragon 730G e raramente abbiamo notato balbuzie giocando a giochi di fascia alta come Call of Duty Mobile. Anche la qualità dello schermo ha reso l’esperienza abbastanza piacevole, quindi se stai cercando un buon smartphone per i giochi, non andrai molto male qui.

Mi Note 10 è disponibile con 6 GB o 8 GB di RAM. Ufficialmente la versione 8G si chiama Note 10 Pro, ma a parte la RAM aggiuntiva l’unica differenza è che il Pro ha 256 GB di spazio di archiviazione, anziché i 128 GB della versione di base, quindi non c’è un’enorme differenza tra i due,

Qualcosa che abbiamo trovato piuttosto impressionante nel Mi Note 10 è l’altoparlante, che offre un audio di buona qualità con un volume sufficiente. È solo un singolo altoparlante mono e quando guardi contenuti o giochi puoi coprirlo accidentalmente con la mano, ma è un altoparlante decente per un telefono.

L’altoparlante è ottimo per l’ascolto di musica, ma forse le tue cuffie wireless non lo saranno: abbiamo avuto alcuni problemi con il Bluetooth, quando collegati sia agli altoparlanti che alle cuffie, in quanto occasionalmente si spegnevano o balbettavano. Ciò non ha reso il telefono inutilizzabile per la riproduzione musicale, ma è stato fastidioso quando si è verificato, il che è qualcosa da tenere a mente. L’inclusione di un jack per cuffie da 3,5 mm significa che le persone che usano le cuffie cablate saranno felici.

Software

Xiaomi Mi Note 10 esegue Android 9, che era l’ultimo sistema operativo disponibile per i dispositivi Xiaomi quando è stato lanciato, con l’interfaccia MIUI dell’azienda posta sopra le righe. L’estetica di MIUI presenta icone quadrate arrotondate e una combinazione di colori tenui. Quando abbiamo testato il Mi 9 non eravamo fan di come appariva il software, ma da allora molti sono stati migliorati.

Come per tutte le interfacce utente di terze parti, tuttavia, se lo si preferisce alle interfacce utente di altri marchi, dipende in gran parte dal gusto, dal momento che è principalmente una questione di estetica, con forse alcune differenze in termini di funzionalità e navigazione.

Alcune cose non sono governate dai gusti, e MIUI ha un problema con cui altre compagnie telefoniche cinesi hanno lottato con le loro interfacce utente: bloatware. Xiaomi Mi Note 10 include alcune app preinstallate di cui non eravamo fan, come il browser Opera e alcuni giochi leggeri. Inoltre, alcune cartelle di app (solo quelle già presenti sul telefono, nessuna di quelle create) suggeriscono di scaricare app aggiuntive, che ingombrano il telefono. In generale, tuttavia, il problema non è affatto grave qui come abbiamo visto altrove.

(Credito immagine: futuro)

Mi Note 10 non ha un cassetto delle app per impostazione predefinita, quindi le app che scarichi riempiranno invece la schermata principale, ma puoi abilitare il cassetto delle app nel menu delle impostazioni.

In generale, l’interfaccia del telefono sembrava piuttosto scattante da navigare. Raramente abbiamo sperimentato la balbuzie durante la navigazione dei menu e, a parte alcuni giochi di grandi dimensioni, le app si sono aperte prontamente.

Una cosa che abbiamo davvero apprezzato del Mi Note 10 è stato il suo sblocco facciale, che è una delle implementazioni più veloci che abbiamo usato – a volte il telefono è stato così veloce da sbloccare che non siamo nemmeno riusciti a vedere la schermata di blocco a causa del velocità. Questo potrebbe essere indicativo di problemi di sicurezza – potrebbe essere che la tecnologia di riconoscimento facciale non sia abbastanza avanzata per analizzare correttamente un viso.

Durata della batteria

La capacità della batteria dello Xiaomi Mi Note 10 è 5.260 mAh, che è molto più grande di quella che si ottiene nella maggior parte degli smartphone moderni: iPhone 11La batteria è di 3.110 mAh, ad esempio, il che è abbastanza tipico. Ti aspetteresti, quindi, che il Mi Note 10 avrebbe una durata della batteria eccezionale – almeno un giorno e mezzo, o forse anche due giorni – ma non è così.

In effetti, abbiamo riscontrato che il Mi Note 10 è durato circa un giorno tra una ricarica e l’altra, un po ‘deludente, date le enormi dimensioni della batteria. Sì, è all’incirca la durata della maggior parte degli smartphone, ma la maggior parte dei portatili ha batterie più piccole – e poiché il peso e lo spessore del telefono sono probabilmente inferiori alla dimensione della batteria, ciò significa che il peso extra apparentemente non serve a nulla.

Ci aspettiamo che i responsabili della scarica della batteria siano il display di alta qualità, nonché il particolare chipset utilizzato qui. Qualunque sia il motivo, la durata della batteria di un giorno non è esattamente deludente rispetto ad altri telefoni, ma ci aspettavamo prestazioni migliori.

(Credito immagine: futuro)

Tra i lati positivi, quando sottoponiamo il Mi Note 10 al nostro test della batteria, che prevede di caricare completamente il telefono, portare la luminosità dello schermo al massimo, lasciare il Wi-Fi attivo e riprodurre un video di 90 minuti, è sceso di soli 8 %. È un punteggio impressionante, battuto nel 2019 solo dal Huawei P30 che ha perso il 7% e ha battuto praticamente tutti gli altri smartphone.

Ciò suggerisce che la batteria è ottimizzata per la visualizzazione di contenuti se non necessariamente altre funzioni, qualcosa con cui concorderemmo in base al nostro tempo di streaming multimediale.

Non importa se la durata e le prestazioni della batteria dello Xiaomi Mi Note 10 sono abbastanza buone per te, c’è una funzione che potrebbe compensarla, ed è la velocità di ricarica: la ricarica rapida da 30 W qui è impressionante e risparmierà il tuo telefono in nessun tempo.

In effetti la velocità di ricarica era così elevata che ci siamo abituati a caricare Mi Note 10 durante la notte – il dispositivo è stato acceso abbastanza mentre ci preparavamo per andare a letto che non c’era bisogno di lasciarlo collegato per tutta la notte.

Resta da vedere cosa fa questa ricarica superveloce per la batteria a lungo termine: è possibile che possa danneggiarla per anni di utilizzo, quindi consigliamo di non lasciare il telefono collegato per anni inutilmente.

Compralo se…

Vuoi scattare foto di alta qualità

Se vuoi scattare foto dall’aspetto incredibile o fantastici scatti di ritratto, questo è il telefono che fa per te. Certo, ci sono alcuni vantaggi nel possedere una DSLR o una fotocamera mirrorless, ma se vuoi essere in grado di scattare foto di prim’ordine con un telefono, questo è quello.

Vuoi un telefono che si senta bene in mano

Lo schermo curvo e la parte posteriore del Mi Note 10 significano che si sente bene nella mano, indipendentemente da quanto siano grandi o piccole le tue mani.

Vuoi un telefono di classe premium senza spendere troppo

Xiaomi ha valutato il Mi Note 10 in modo super-competitivo e ha la maggior parte degli ornamenti di un telefono di fascia alta senza il prezzo. Quindi, se vuoi una fotocamera all’avanguardia, uno schermo curvo e una ricarica scattante, senza pagare il massimo del dollaro, questo è un ottimo telefono per te.

Non comprarlo se…

Tu odi le tacche

Xiaomi si attacca alla tacca in cui altri lo hanno lasciato cadere, e se non ti piace nemmeno una piccola tacca che invade lo schermo non ti piacerà il Mi Note 10 – probabilmente preferiresti un telefono con un buco o fotocamera selfie pop-up.

Non ti importa della fotocamera

La fotocamera del Mi Note 10 è il suo punto di forza, quindi se non sei il tipo che scatta molte foto con il tuo telefono o non hai bisogno che le tue foto siano di alta qualità, non farai la maggior parte di questo telefono.

Hai bisogno di molta potenza di elaborazione

Il Mi Note 10 è in grado di riprodurre giochi e contenuti multimediali, ma nel complesso il suo processore non è il migliore in termini di prestazioni, quindi se hai bisogno di secchi di potenza di elaborazione per il multitasking dovresti cercare un telefono meglio speculato.

Prima revisione: febbraio 2020

concorrenza

Huawei P30 Pro

(Credito immagine: futuro)

Per molto tempo Huawei P30 Pro è in cima alla nostra lista dei migliori telefoni cellulari con fotocamera. Sebbene non abbia l’incredibile sensore da 108 MP del Mi Note 10, ha una gamma di potenti funzionalità di post-elaborazione, nonché alcuni nuovi hardware come (al momento) il sensore della fotocamera più ad alta risoluzione di sempre, che ti consente di scatta delle foto fantastiche. Da quando ha lanciato il suo prezzo è sceso un po ‘, quindi ora è sicuramente un rivale del Mi Note 10.

Leggi la nostra recensione approfondita Huawei P30 Pro

Realme X2 Pro

(Credito immagine: Ditching)

Il Realme X2 Pro è stato il primo telefono ampiamente disponibile ad avere un sensore da 64 MP, e sebbene sia a risoluzione inferiore rispetto al sensore da 108 MP nel Mi Note 10, ci sono molte altre ragioni per amare questo portatile, tra cui la sua enorme batteria e schermo con frequenza di aggiornamento di 90Hz.

Leggi la nostra recensione approfondita di Realme X2 Pro

Xiaomi Mi 9

(Credito immagine: futuro)

Se ti piacciono i telefoni Xiaomi ma non hai bisogno del dispositivo più recente del marchio, il Mi 9 è stato lanciato all’inizio del 2019 e ha i simboli di un discreto telefono di fascia media, senza aspirazioni allo status premium, a un prezzo decisamente economico. È piuttosto economico, ma le specifiche non sono nulla per cui alzare il naso.

Leggi la nostra recensione approfondita su Xiaomi Mi 9