L’incursione di Panasonic nel territorio full frame è stata accolta con un’accoglienza tiepida. Nonostante una fantastica gamma di specifiche video, quelli della gamma S1 sono stati criticati per la maneggevolezza e l’autofocus lento.

In quanto tale, il gigante della tecnologia ha fatto del suo meglio per affrontare questi problemi con il suo ultimo modello full frame. La Panasonic S5 si trova sotto le fotocamere S1/R/H, con l’obiettivo di essere un full-framer entry-level che sia attraente anche per chi ha requisiti video. La cosa davvero impressionante qui è che l’S5 riesce ad essere più piccolo e leggero della Panasonic GH5, la fotocamera ibrida mega-popolare dell’azienda che racchiude un sensore Quattro Terzi molto più piccolo.

Ci sono state anche altre critiche indirizzate, in particolare per il sistema di messa a fuoco automatica che secondo Panasonic è stato revisionato per l’S5. Ora c’è anche uno schermo sensibile al tocco completamente articolato di cui i vlogger saranno probabilmente grati.

Tuttavia, è anche vero che il mercato delle mirrorless full frame è un campo più competitivo che mai. Sebbene ci sia molto da apprezzare sulla Panasonic S5, si trova di fronte a un’enorme serie di modelli concorrenti, ma scopriamo se è troppo poco e troppo tardi.

(Credito immagine: Panasonic)

Recensione Panasonic S5: design e gestione

Un vantaggio chiave delle mirrorless dovrebbe essere che possono essere più piccole e leggere rispetto ai loro equivalenti DSLR. Con la serie S1/R/H originale, Panasonic ha prodotto una mega bestia di fotocamera che era in effetti più grande di alcune reflex digitali. Per la Panasonic S5, il design prende una direzione molto migliore, riuscendo a inserire tutto in un corpo che è in realtà più piccolo del Panasonic GH5, un modello molto più piccolo con un sensore molto più piccolo. Degno di nota.

Di serie, l’S5 viene fornito con un obiettivo “kit” da 20-60 mm, che è pieghevole e si adatta bene alle dimensioni ridotte della fotocamera. Se si desidera sostituire gli obiettivi, è disponibile un numero decente per l’innesto L, soprattutto perché Panasonic è un’alleanza con Sigma e Leica. Tuttavia, gli obiettivi L Mount sono piuttosto grandi e non sono altrettanto ben bilanciati sul piccolo corpo dell’S5.

Per il resto, l’S5 aveva un design molto funzionale o ergonomico. C’è una presa spessa e robusta e una buona gamma di quadranti e pulsanti sul corpo della fotocamera. C’è un quadrante della modalità di esposizione di grandi dimensioni per passare rapidamente da una modalità di scatto all’altra, nonché un altro per impostare la modalità di guida. Le impostazioni chiave come l’apertura e la velocità dell’otturatore possono essere regolate tramite le doppie ghiere di controllo nella parte anteriore e posteriore dell’impugnatura.

Sul retro della fotocamera c’è un buon set di pulsanti, che sono abbastanza autoesplicativi. È possibile premere un pulsante “Q” per accedere rapidamente a una serie di impostazioni utilizzate di frequente, mentre è presente anche un joystick che è utile per spostare il punto di messa a fuoco, nonché per navigare nei menu e così via.

(Credito immagine: Panasonic)

Recensione Panasonic S5: caratteristiche

Il cuore dell’S5 è un sensore da 24,2 megapixel, lo stesso che si trova nel fratello, l’S1. Posizionare un sensore già collaudato all’interno di questo corpo più piccolo ed economico è una decisione saggia che rende la fotocamera più facile da valutare in anticipo.

Desideroso di affrontare le critiche alle prestazioni dell’autofocus imposte alla serie S1, Panasonic ha dichiarato al momento dell’annuncio dell’S5 di aver “riscritto l’algoritmo”. Utilizza ancora un sistema basato sul rilevamento del contrasto, nonché la tecnologia DFD (profondità da sfocatura) piuttosto che il tipo ibrido di sistemi che di solito vediamo altrove.

Lo schermo dell’S5 è completamente articolato e sensibile al tocco. La prima caratteristica lo rende più attraente per gli utenti di video ed è stata un’altra critica chiave della serie S1. A questo si aggiunge un mirino OLED da 0,74x da 2360k punti, che ha una risoluzione inferiore rispetto ai mirini che troverai nella serie S1, ma c’è da aspettarselo da un modello più economico. È comunque un ottimo esecutore che ti consente di osservare accuratamente la scena – infatti, se non hai mai usato uno dei migliori mirini, è improbabile che rimarrai troppo deluso.

Panasonic è ben nota e apprezzata dagli utenti di video, quindi non sorprende vederlo inseguire quel pubblico qui con l’S5. Può scattare in 4K a 60p, anche se con un ritaglio applicato, o a 30p senza. La registrazione a 10 bit è disponibile internamente, ma è necessario riavviare il video dopo 30 minuti. In alternativa puoi girare clip illimitate a 8K.

È disponibile anche la registrazione V-Log, che vanta 14 stop di gamma dinamica. Ci sono anche specifiche come ISO dual-native, 4K anamorfico e registrazione time-lapse. Tutto ciò potrebbe non essere di alcun interesse se sei prevalentemente uno sparatutto di immagini fisse, ma per coloro a cui piace creare vari tipi di contenuti, è l’ideale. Tuttavia, c’è un compromesso di cui essere consapevoli: l’S5 utilizza una porta micro HDMI, piuttosto che una full-size, che può essere problematica per gli utenti professionali.

(Credito immagine: Panasonic)

Recensione Panasonic S5: prestazioni

La buona notizia è che l’autofocus è decisamente migliorato rispetto alla serie S1. È efficace nella maggior parte delle situazioni ed è anche decente nel seguire argomenti che si muovono in modo ragionevolmente prevedibile. Tuttavia, è ancora molto meglio di altre fotocamere sul mercato, in particolare i modelli A7 III di Sony e EOS R6 di Canon, che si trovano nella stessa fascia di prezzo.

È anche un po’ mediocre in termini di riprese a raffica. Offre riprese a 7 fps alla massima risoluzione, il che non è niente di entusiasmante. Puoi utilizzare le opzioni di scatto 4K/6K di Panasonic per acquisire immagini a 30 fps, ma non ottieni i file raw e ci vuole uno sforzo nella fotocamera per esaminare ed estrarre lo scatto che desideri. In breve, se sei una persona che fotografa regolarmente azione, sport e fauna selvatica, questa non è proprio la fotocamera che fa per te.

Poiché l’S5 utilizza lo stesso sensore dell’S1, sapevamo già che la qualità dell’immagine e del video sarebbe stata molto buona. Ancora una volta, ci sono buone notizie qui in quanto risulta essere il caso nella stragrande maggioranza delle situazioni. Le immagini contengono molti dettagli, nonché ottimi colori ed esposizioni bilanciate.

L’obiettivo del kit da 20-60 mm è un’ottima ottica con cui iniziare, con il grandangolo più ampio di quanto normalmente vedremmo dalla maggior parte degli obiettivi del kit. Questa è un’ottima notizia per i paesaggi, ma è anche utile per scattare selfie e video. Anche la qualità video è buona, con filmati molto fluidi e dettagliati.

Recensione Panasonic S5: esempi di immagini

Immagine 1 di 7

(Credito immagine: futuro) Immagine 1 di 7

(Credito immagine: futuro) Immagine 2 di 7

(Credito immagine: futuro) Immagine 3 di 7

(Credito immagine: futuro) Immagine 4 di 7

(Credito immagine: futuro) Immagine 5 di 7

(Credito immagine: futuro) Immagine 6 di 7

(Credito immagine: futuro) Immagine 7 di 7

(Credito immagine: futuro)

Recensione Panasonic S5: verdetto

C’è molto da apprezzare sulla Panasonic S5, ed è una buona piccola fotocamera ibrida disponibile a un prezzo accessibile e ragionevole. In effetti, si potrebbe sostenere che è l’S5 con cui l’azienda avrebbe dovuto lanciare.

La qualità dell’immagine e del video è molto buona, che è probabilmente la cosa più importante. Anche il corpo della fotocamera è ben progettato, con un layout ergonomico e ragionevole, un ottimo mirino elettronico e un touchscreen completamente articolato molto apprezzato.

In sostanza, ciò che ottieni qui sono le prestazioni full frame all’interno del corpo di una fotocamera Micro Quattro Terzi, che la rendono molto attraente come una fotocamera da tutti i giorni o da viaggio, per coloro che desiderano ridurre al minimo le dimensioni e il peso. Gli obiettivi della serie L sono piuttosto grandi, quindi una volta superato l’obiettivo del kit da 20-60 mm, questo può essere un problema, anche se si spera che a tempo debito verranno annunciate alcune ottiche più piccole per abbinare corpi come questo.

Detto questo, ci sono ancora alcuni problemi con la serie S di Panasonic che potrebbero scoraggiarti, in gran parte a causa del tipo di fotografo che sei. Se sei in azione, le velocità di raffica e le prestazioni di messa a fuoco automatica non sono buone come troverai altrove.

Con un mercato mirrorless full-frame estremamente affollato ora in funzione, sarà interessante vedere dove Panasonic andrà con la sua linea S. Tuttavia, l’S5 ci mostra che le cose si stanno muovendo nella giusta direzione.

Ti è piaciuto?