Questa recensione di Panasonic JZ2000 esamina l’ultimo aggiornamento del modello di TV OLED 4K senza compromessi che pensa sia un cinema. Il JZ2000 si distingue soprattutto per il suo display Master HDR OLED Professional Edition personalizzato, che utilizza un design personalizzato per diventare più luminoso di qualsiasi altro schermo OLED.

Il Panasonic JZ2000 batte persino il nuovo LG G1 per la luminosità e scambia colpi con il Sony A90J – ed essere più luminoso è una parte enorme della spinta per entrambi questi schermi e li rende alcuni dei migliori televisori OLED sul mercato. E poi aggiunge un sistema audio Dolby Atmos completamente integrato in cima come fioritura finale.

Il risultato è che le prestazioni HDR sono migliori di qualsiasi altro OLED sul mercato, anche la sua precisione del colore è impareggiabile, mentre la sua elaborazione 4K racchiude enormi quantità di dettagli e realismo.

Ha anche un nuovo fantastico sistema Smart TV, che il sistema audio Dolby Atmos è buono come qualsiasi soundbar one-box, ed è stato aggiornato con funzionalità di gioco HDMI 2.1 per console di nuova generazione… è il pacchetto completo, davvero, ed è assolutamente uno dei migliori televisori del pianeta.

È disponibile nelle dimensioni da 55 pollici e 65 pollici ed è il modello più piccolo che abbiamo testato per questa recensione. Quindi è questa la TV OLED definitiva? Sai una cosa, è un po’…

Recensione Panasonic JZ2000: prezzo e data di rilascio

Il JZ2000 è disponibile con schermi da 55 e 65 pollici (TX-55JZ2000 e TX-65JZ2000), al prezzo ufficiale rispettivamente di £ 2.699 e £ 3.499).

Purtroppo Panasonic non vende i suoi schermi in Nord America e il modello non è attualmente disponibile nemmeno in Australia.

L’LG G1 è disponibile per £ 1,999 in 55 pollici e £ 2,999 a 65, quindi è molto più economico – abbastanza per comprarti una delle migliori soundbar per compensare i suoi altoparlanti relativamente semplici rispetto al Panasonic.

La Sony A90J ha lo stesso prezzo della Panasonic a quelle dimensioni (almeno ai prezzi ufficiali) – dato che l’A90J ha anche un sistema audio più elaborato, forse non è una sorpresa.

Inoltre, non vale nulla che Sony e LG abbiano entrambe opzioni più grandi di 65 pollici, cosa che la Panasonic non ha.

Quindi il prezzo del JZ2000 non è in linea con altri televisori OLED 4K al top della gamma, ma è premium come i televisori 4K, fondamentalmente.

(Credito immagine: Panasonic)

Recensione Panasonic JZ2000: caratteristiche e novità

Per la maggior parte, il JZ2000 è simile al suo predecessore, l’HZ2000. Quella tecnologia del pannello OLED personalizzata, ad esempio, è più o meno la stessa e il modello precedente offriva anche la tecnologia degli altoparlanti Dolby Atmos. Ma quello che puoi fare con tutto questo è stato sviluppato in modi importanti.

Ciò include driver audio a fuoco laterale accurati per abbinare l’altoparlante di altezza a fuoco alto, calibrazione automatica Space Tune per il suono e un livello completamente nuovo di elaborazione AI automatica fornita da un nuovo processore. Ora può identificare il tipo di contenuto che stai guardando, in modo da poter ottimizzare il suono e la visione di conseguenza, in modo simile a quello che fanno ora la maggior parte dei processori “AI”, ma comunque molto graditi.

La connettività è un grande passo avanti rispetto ai precedenti OLED Panasonic. Il quartetto HDMI su questo schermo include per la prima volta la funzionalità HDMI 2.1. C’è il supporto eARC per le soundbar sull’ingresso 2 (anche se data la raffinatezza del sistema audio a bordo, non riesco a immaginare che qualcuno abbia intenzione di indirizzare l’audio a una soundbar), oltre a VRR (Variable Refresh Rate) e HFR (High Frame Rate ) Conformità 4K 120Hz sugli ingressi 1 e 2; quindi è lì che vorrai collegare le tue console di gioco di nuova generazione. Tutti e quattro gli HDMI supportano la modalità di gioco ALLM (Auto Low Latency Mode).

C’è anche un trio di porte USB, un’uscita audio ottica digitale ed Ethernet. Il wireless include Bluetooth e Wi-Fi.

Il set offre anche HDMI Signal Power Link, che è apparentemente progettato per semplificare la vita con dispositivi non supportati da CEC come vecchi televisori e lettori di dischi. Non ho letteralmente nulla da collegare che manchi di CEC (beh forse nel loft, ma non ci andrò), quindi mi limiterò a credere alla parola di Panasonic su quello.

Il JZ2000 annuncia un enorme aggiornamento alla piattaforma intelligente di Panasonic. Se pensavi che avremmo dovuto armeggiare un po’ di più sui bordi, preparati per una sorpresa: la schermata iniziale 6.0 sembra molto, molto diversa, in senso positivo.

Si basa su ciò che abbiamo visto prima: i pulsanti Home personalizzabili sono ancora in primo piano e al centro, ma aggiunge ulteriori livelli di raffinatezza, come My Scenery, che ti consente di personalizzare la tua galleria di immagini o rilassarti con foto e video dal Lumix Club di Panasonic , e cura. Sembra completamente formato, forse per la prima volta.

C’è una vasta gamma di app di streaming: Netflix, Amazon Prime, Rakuten TV e BritBox tra di loro, ma Disney+ rimane evidente per la sua assenza, il che è una delusione. Abbiamo anche Freeview Play, che porta con sé lettori di catch-up integrati per tutti i servizi TV tradizionali (BBC iPlayer, ITV Hub, All 4, My 5, UKTV Play).

Il JZ2000 supporta anche la doppia connessione Bluetooth, il che significa che lo schermo può trasmettere a due dispositivi Bluetooth separati contemporaneamente. Una coppia può guardare un film a tarda notte con le cuffie senza disturbare il resto della casa.

C’è anche il controllo vocale con Google Assistant e Alexa.

(Credito immagine: Panasonic)

Recensione Panasonic JZ2000: qualità dell’immagine

Non battiamoci sulla scatola: il JZ2000 è assolutamente stupendo. Un nuovissimo processore, soprannominato HCX Pro AI, può prendersi gran parte del merito. Il dettaglio finale è stratosfericamente alto, le trame splendidamente realizzate, il rumore basso, le gradazioni di colore morbide e sontuose. Questo è un ottimo champagne sotto forma di schermo.

Il suo grande trucco per le feste è essere in grado di determinare quale tipo di contenuto viene visualizzato, analizzando fotogramma per fotogramma in tempo reale e confrontandolo con una libreria integrata. Non lo fa solo per il video, anche l’audio riceve il trattamento AI.

Il JZ2000 è stato addestrato a riconoscere i generi. I giocatori in uno stadio corrono sull’erba con un colore più autentico, mentre il sistema audio sa aggiungere allo stesso tempo un’atmosfera da stadio al mix di suoni.

Impegnato utilizzando il preset dell’immagine Auto AI, Panasonic afferma che il processore HCX Pro AI è stato addestrato con oltre un milione di contenuti, il che dovrebbe infondere fiducia nelle sue capacità.

Questo pilota automatico intelligente sembra funzionare abbastanza bene per la visione generale, ma sono stato rapidamente convinto a disattivarlo per la serata al cinema. Questo perché per impostazione predefinita attiva la creazione di fotogrammi intelligenti e imposta l’interpolazione al massimo, quindi non ottieni l’accurato movimento cinematografico a 24 fps che dovresti. Per un sistema intelligente, è piuttosto stupido.

Il JZ2000 presenta lo stesso pannello Master HDR OLED Professional Edition gloriosamente sovradimensionato del suo predecessore, ed è comunque sorprendente.

La luminosità di picco dell’HDR e lo zing generale sono ai vertici della categoria. Questo pannello OLED non abbaglia completamente nello stesso modo in cui tende a mini-LED su dispositivi come Samsung QN95A e Samsung QN85A – le sue immagini sono più sottili e sfumate – ma sei comunque attratto.

In modalità di visualizzazione normale, abbiamo misurato la luminosità di picco dell’HDR a più di 900 nits. È abbastanza alto da mostrare fantasiosi effetti di classificazione HDR e punti salienti speculari. Con il preset Dynamic, utilizzando una finestra di misurazione del 5%, raggiunge i 950 nits. Probabilmente non sceglierai di usare molto quella modalità di visualizzazione, ma canta davvero con l’animazione e mostra di cosa è fatto il pannello.

L’ingegneria ispirata dal team di ricerca e sviluppo di Panasonic offre una gamma dinamica migliorata, con prestazioni di livello di nero impareggiabili e dettagli delle ombre eccezionali. Con questo OLED non avrai problemi a vedere qualcosa di minaccioso nell’ombra (se è questo che intendeva il direttore della fotografia).

Anche altri OLED gestiscono questo, ovviamente, ma la luminosità extra significa che il JZ2000 ti offre una gamma totale di HDR più ampia rispetto a qualsiasi altro OLED, il che significa più realismo nelle cose che ne hanno bisogno e un modo ancora migliore per mostrare l’aspetto cool di film e spettacoli più stilizzati.

La raffinata messa a punto del colore è guidata dal colorista di Hollywood Stefan Sonnenfeld, e c’è un’autenticità nelle sue tonalità che è ipnotizzante. I toni della pelle mantengono una tonalità credibile, anche quando il resto dell’inquadratura è ricco di effetti visivi selvaggi.

Il JZ2000 supporta un’ampia gamma di formati e sapori HDR. C’è Dolby Vision IQ, che aggiunge la regolazione dinamica alla luce ambientale, la modalità Filmmaker con il rilevamento intelligente di Panasonic (di nuovo, una modalità di correzione automatica basata su sensore) e HLG Photo.

C’è anche il supporto per HDR10+ Adaptive, che adatta dinamicamente il contenuto HDR alle condizioni di illuminazione della stanza dell’area di visualizzazione. Solo Philips offre un supporto HDR comparabile nei televisori OLED di fascia alta: LG e Sony offrono entrambi solo Dolby Vision.

Il gioco, a lungo un punto debole per Panasonic, non è più un ripensamento. Il JZ2000 offre un grande miglioramento nell’input lag, con una latenza fino a 14,5 ms in modalità Game (1080/60). Questo lo rende una scelta decente per i giocatori, combinato con la frequenza di aggiornamento variabile e il supporto 4K 120Hz.

Recensione Panasonic JZ2000: qualità del suono

Ho ascoltato e apprezzato un buon numero di nuovi miglioramenti progettati per migliorare l’audio della TV. Samsung ha OTS+, con driver discreti disseminati attorno al suo pannello QLED, mentre Sony impiega trasduttori che fanno vibrare il vetro stesso, come parte della sua iniziativa sulla tecnologia Acoustic Surface. Fanno tutti ottimi lavori.

Qui, Panasonic ha adottato un approccio molto più letterale al suono cinematografico, perfezionando il suo sistema audio Dolby Atmos integrato con ulteriori custodie laterali, posizionate accanto all’altoparlante di altezza montato sul retro, e dà a tutti i rivali una corsa per i loro soldi.

Fornire il soundstage anteriore è un array in stile soundbar rivolto in avanti sotto lo schermo. Il set vanta un sistema audio a sette canali, oltre a un subwoofer, con una potenza combinata di 125 W.

L’intero lotto è stato messo a punto dai geni dalle orecchie d’oro di Technics. Panasonic chiama questa configurazione 360° Soundscape Pro, ma è più semplice pensarla come un Dolby Atmos integrato veramente efficace.

Quando installi il JZ2000, sei invitato a ottimizzare le prestazioni audio utilizzando il sistema di calibrazione Space Tune del set. Ciò comporta una routine di pipì e fischi mentre verifica l’acustica della tua stanza.

Sebbene la TV non abbia davvero la capacità di fornire bassi profondi, fa almeno un buon sforzo sui medi e certamente non elimina le basse frequenze: è solo che un sistema basato su subwoofer ti darebbe di più.

Inoltre, non ricevi l’audio da dietro di te, ma quello che ottieni è una presentazione audio estremamente divertente che va in alto e in largo, abbinandosi facilmente a una soundbar one-box di fascia alta.

(Credito immagine: Panasonic)

Recensione Panasonic JZ2000: design e usabilità

Potresti pensare che con un intero sistema audio Dolby Atmos legato alla schiena, il JZ2000 potrebbe sembrare un po’ ingombrante. Non un po’. Il set è elegantemente sottile, anche con quegli altoparlanti aggiuntivi, estendendo la profondità a soli 69 cm. Più spesso della maggior parte dei televisori OLED, assolutamente, ma… beh, puoi probabilmente vivere con 7 cm, giusto? Te la caverai.

C’è a malapena una cornice di cui parlare, con la barra degli altoparlanti Technics che si fonde perfettamente. È una confezione elegante e minimalista.

Il pannello stesso si trova su un piedistallo circolare, che puoi ruotare per adattarsi a diverse posizioni di visualizzazione.

Il telecomando in dotazione è un affare premium pesante, con finitura spazzolata, che si sente bene in mano. Ci sono pulsanti di scelta rapida dedicati per Netflix, Prime Video, Rakuten TV, YouTube e Freeview Play.

La navigazione e la reattività sono eccellenti. Questa nuova sesta iterazione della piattaforma Home del marchio è la migliore di sempre. Le barre dei menu si aprono e scorrono verso il basso, ma sembrano ben orchestrate piuttosto che goffe. Come sempre, sono disponibili numerose modifiche al menu, ma non è necessario immergersi in profondità. I controlli quotidiani si trovano in una comoda barra grafica.

Recensione Panasonic JZ2000: verdetto

Panasonic ha collaborato con il suo superbo pannello Master HDR OLED Pro con un processore AI altrettanto completo e i risultati rasentano lo sbalorditivo. Il JZ2000 offre un HDR brillante e un aspetto estremamente cinematografico. Il fatto che supporti Dolby Vision e HDR10+ Adaptive probabilmente aiuta.

Anche il sistema audio Atmos aggiornato è un vero spasso: ricco, espansivo e coinvolgente.

Siamo anche fan della nuova e più fluida schermata My Home v6.0. Panasonic ha sperimentato il sistema operativo Android sui suoi modelli a LED più economici: siamo piuttosto contenti che non abbia fatto il taglio qui.

Tutto considerato, questo è uno schermo premium senza pari. L’unico aspetto negativo è che è costoso, ma poi sapevi che sarebbe stato così, giusto?

Recensione Panasonic JZ2000: considera anche

L’LG G1 è un concorrente molto allettante qui se hai già un sistema audio disponibile. È più luminoso dei precedenti modelli LG grazie a un nuovo pannello “OLED evo”, anche se non luminoso come il JZ2000. La qualità dell’immagine è impeccabile, il supporto per i giochi e le funzionalità della smart TV sono fantastici (e ottieni HDMI 2.1 su tutte e quattro le prese), e sembra incredibile con uno spessore di soli 5 mm e desidera un montaggio a parete completamente a filo. Uno svantaggio: viene fornito solo con quel supporto a parete, senza supporto o piedini (ma puoi acquistarne alcuni). Ecco la nostra recensione completa su LG G1.

Il Sony A90J è il più vicino al JZ2000 in generale: è un altro OLED ultra-élite e il suo pannello raggiunge lo stesso tipo di livelli di luminosità. L’elaborazione delle immagini di Sony è ai vertici della categoria, il che rende questo televisore probabilmente il migliore al mondo per l’upscaling da HD a 4K e per rendere i video SDR più vicini all’HDR. Anche la qualità del suono è impressionante, anche se mancano gli altoparlanti upfiring del JZ2000 e non ha ancora la funzionalità VRR. Ecco la nostra recensione completa della Sony A90J.