Impossibile raggiungere. Reso possibile È così che Nikon emette la sua ultima fotocamera superzoom Coolpix P1000, e allunga ciò che ci si aspetta da una fotocamera superzoom che abbia un po ‘più lontano.

Il motivo è il suo obiettivo: con una gamma di zoom ottico 125x equivalente a 24-3000 mm in termini di 35 mm, ha il potenziale per adattarsi ai soggetti più distanti che avresti desiderato realisticamente catturare, che si tratti di animali selvatici o della Luna.

In effetti, una macchina fotografica come questa sarà senza dubbio più interessante per i fan della fauna selvatica e gli astrofotografi, coloro che non possono giustificare la spesa di una somma di quattro cifre su un super teleobiettivo – non che un obiettivo da 3000mm sia comunque disponibile per i sistemi mainstream .

Caratteristiche

  • Obiettivo 24-3000mm (equiv.) F / 2,8-8
  • Registrazione video UHD 4K (30 fps o 25 fps)
  • 2,39 milioni di punti EVF

Ovviamente, per trarre vantaggio da una gamma focale così ampia, è necessario fare alcune concessioni.

La fotocamera ha un sensore molto più piccolo rispetto alla media della fotocamera con obiettivo intercambiabile, ad esempio, le sue dimensioni di 1 / 2.3in sono le più piccole che troviamo tra le fotocamere con obiettivi fissi come questo, sebbene questo sia almeno retroilluminato per migliori capacità di raccolta della luce.

L’altro compromesso è la dimensione; la P1000 è notevolmente più grande e più pesante rispetto ad altre fotocamere superzoom, che saranno discusse di più nella prossima pagina.

Il sensore emette le immagini a 16.1MP nella scelta di sapori raw (NRW) o JPEG (o entrambi contemporaneamente). Dato che il primo scatto è stato assente dal precedente Coolpix P900, è bello vedere che è arrivato qui.

NIKON COOLPIX P1000

Sensore: CMOS da 16 MP, 1 / 2,3 pollici

Obiettivo: 24-3000mm (equiv.) F / 2,8-8

Schermo: Vari-angle da 3,2 pollici, 921.000 punti

Scatto a raffica: 7 fps

Messa a fuoco automatica: AF a rilevazione di contrasto

Video: 4K (30 / 25p)

Connettività: Bluetooth e Wi-Fi

Durata della batteria: 250 colpi

Peso: 1,415g (batteria e scheda incluse)

Quella bestia di 12 elementi, 12 gruppi di un ottica, comprensibilmente, non ha un’apertura massima costante che attraversa l’intera gamma focale. Invece, va da f / 2.8-8, che sarebbe deludente vedere altrove, ma qui è piuttosto rispettabile se si considera quanto ambizioso sia questo obiettivo.

E, se in qualsiasi momento ritieni che 3000mm non sia abbastanza lungo per tutto ciò che vuoi sparare, puoi incrementarlo digitalmente fino a un’impostazione equivalente a 6000mm usando l’impostazione Dynamic Fine Zoom.

Non sorprende che Nikon si sia concentrata sull’assicurare che è ancora possibile ottenere immagini nitide quando si viaggia in queste impostazioni a quattro cifre, che avviene tramite un sistema di riduzione delle vibrazioni ottiche Dual Detect (VR). Ciò promette un risarcimento del livello di cinque arresti otturatore aggiuntivi più lenti di quanto sarebbe altrimenti possibile. Esiste anche una modalità VR Active che si dice possa fornire una maggiore stabilità nel mirino e sul display posteriore quando si scatta da un veicolo in movimento o simili.

Altri aspetti interessanti dell’ottica sono che consente una messa a fuoco ravvicinata di 1 cm nella sua gamma focale più ampia nella sua impostazione macro, altrimenti è fissata a 30 cm. Alla fine del teleobiettivo, tuttavia, è necessario essere a 7 metri dal soggetto per poter mettere a fuoco il soggetto.

Guardare oltre nel foglio delle specifiche e si può vedere che, nonostante le apparenze, la P1000 non riguarda solo la sua lente gigantesca

Guardare oltre nel foglio delle specifiche e si può vedere che, nonostante le apparenze, la P1000 non riguarda solo la sua lente gigantesca. La registrazione video 4K UHD è a bordo, con registrazione a 30fps o 25fps, quindi se pensi a cosa è possibile catturare a questa risoluzione con il teleobiettivo estremo, fa sì che una fotocamera già speciale inizi a sembrare ancora più unica. Ancora meglio, questo beneficia anche della stabilizzazione, sia dal sistema VR basato su obiettivi che da un’opzione VR elettronica.

Le opzioni video Full HD consentono di scattare fino a 60 fps, e puoi potenziarlo ulteriormente con una gamma di opzioni a bassa risoluzione e rallentatore. Puoi anche sfruttare l’uscita HDMI pulita, ed è persino possibile collegare un microfono esterno al corpo attraverso una porta sul lato della fotocamera: una caratteristica molto gradita se consideri che non è qualcosa che tendiamo a trovare su tali modelli.

Il quartetto di esposizione PASM standard è accessibile tramite il selettore di modalità, mentre le modalità Auto e Scene si uniscono a questi. Ci sono opzioni dedicate sul quadrante del modello per la fotografia di Luna e della fauna selvatica, e puoi passare da una matrice all’altra e le opzioni di misurazione ponderata centrale e spot per aiutare con l’esposizione delle unghie. Azione di tiro? C’è anche una modalità burst 7fps a portata di mano.

Immagine 1 di 6

Immagine 2 di 6

Immagine 3 di 6

Immagine 4 di 6

Immagine 5 di 6

Immagine 6 di 6

La partnership di uno schermo LCD da 3,2 pollici con una risoluzione di 921.000 punti e un EVF da 2,36 milioni di punti è praticamente ciò che ci aspettiamo da una fotocamera di questo tipo, quest’ultima è piuttosto un potenziamento rispetto alla risoluzione di 922.000 punti del precedente P900. Il display LCD ha un design ad angolazione variabile che consente di inclinarlo verso l’alto o verso il basso, o addirittura di ruotare completamente allo stesso modo dell’obiettivo, anche se, purtroppo, manca della funzionalità del touchscreen.

Una slitta sulla piastra superiore accetta unità flash e microfoni flash Speedlight esterni, anche se è possibile trovare il flash integrato che si attiva su richiesta per illuminare sufficientemente i soggetti scelti. La fotocamera accetta anche le solite schede SDHC e SDXC e anche i tipi di SD più vecchi, se dovessi avere uno o due colpi in giro.

La funzione SnapBridge di Nikon consente alla fotocamera di essere costantemente collegata a un dispositivo intelligente, dovrebbe voler inviare le immagini in tempo reale tramite Bluetooth Low Energy e lavorare con l’app ha l’ulteriore vantaggio di consentire l’integrazione dei dati GPS nelle tue creazioni ( al posto di un sistema GPS di bordo). Non sei un fan di SnapBridge o vuoi trasferire video? Puoi invece utilizzare semplicemente il Wi-Fi.

Forse la durata della batteria a 250-shot della fotocamera è probabilmente da aspettarsi per una fotocamera del genere, ma il fatto che possa essere caricata tramite la sua porta USB è una comodità in più.

Costruisci qualità e maneggevolezza

  • Corpo in policarbonato con impugnatura profonda e gommata
  • Peso 1,415 g (con batteria e scheda)
  • 146,3 x 118,8 x 181,3 mm

È piuttosto difficile apprezzare quanto sia grande la P1000 e come ci si sente nelle mani, senza vederla nella vita reale, quindi forse è più utile confrontarla con alcuni prodotti più familiari.

Il suo peso di 1.415 grammi (con batteria e scheda di memoria) è esattamente lo stesso del modello di punta D5 DSLR. La sua profondità di 181,3 mm è solo una frazione più lunga rispetto all’obiettivo AF-S NIKKOR 70-200 mm f / 4G ED VR dell’azienda – e questo prima di iniziare a zoomare su quell’obiettivo. Puoi avvolgere il palmo attorno al barilotto dell’obiettivo esterno e non essere ancora all’altezza dell’anello dello zoom. Questa non è una piccola macchina fotografica che vorresti avere appesa al collo per le riprese di un giorno casuale.

Nonostante le dimensioni e il peso della fotocamera, la gestione e il funzionamento sono, per la maggior parte, positivi. Gran parte del peso della fotocamera è, necessariamente, nell’ottica; la parte posteriore della fotocamera non è abbastanza pesante, il che crea un leggero squilibrio, ma l’impugnatura è bella e profonda e sia questo che il resto del pollice posteriore sono rivestiti in una spessa gomma, il che rende tutto molto più sicuro nelle mani di quanto sarebbe altrimenti il ​​caso.

Il resto della fotocamera, tuttavia, sembra essere costruito in policarbonato, che si sente un po ‘a buon mercato. Inoltre, per una fotocamera che viene quasi sempre utilizzata all’aperto, la mancanza di impermeabilità è un peccato, anche se questo può risultare difficile da raggiungere pienamente se si considerano i movimenti del barilotto dell’obiettivo.

Immagine 1 di 5

Immagine 2 di 5

Immagine 3 di 5

Immagine 4 di 5

Immagine 5 di 5

La ghiera delle modalità della fotocamera ruota senza sforzo e lo schermo LCD si allontana dalla parte posteriore del corpo e si inclina facilmente. Dato che è improbabile che qualcuno utilizzi una tale macchina fotografica per selfie o vlog, la scelta di uno schermo multi-angolo piuttosto che di uno basculante basico è forse un po ‘strana, ma questo almeno ti dà la massima flessibilità per ritratti- tiro di orientamento.

L’EVF è un discreto performer in buona luce, anche se è un po ‘indietro rispetto allo standard di EVF con questa stessa risoluzione. Allo stesso modo, lo schermo LCD non è male durante le riprese diurne, ma può presentare una vista fangosa e desaturata all’interno e quando i livelli di luce non sono brillanti.

Autofocus

  • Sistema AF a rilevamento di contrasto
  • Opzione macro 1 cm
  • Messa a fuoco manuale

In un momento in cui i sistemi AF a rilevamento di fase stanno diventando rapidamente standard per tutte le fotocamere di tutti i tipi, il sistema AF con rilevamento del contrasto della P1000 appare piuttosto semplice. Detto questo, alcuni sistemi di rilevamento del contrasto sono straordinariamente vivaci, quindi la mancanza di AF a rilevamento di fase non dovrebbe essere vista immediatamente come negativa.

Le opzioni di messa a fuoco sono complete. Oltre all’opzione predefinita in grado di rilevare e assegnare la priorità ai volti, è possibile regolare manualmente il punto di messa a fuoco in taglie piatte, normali e larghe. È anche possibile impostare la fotocamera in modo da tenere traccia dei soggetti, oltre a un’opzione di messa a fuoco dell’obiettivo di ricerca che ricerca il soggetto principale. Anche la messa a fuoco manuale è a portata di mano.

La fotocamera generalmente si concentra in tempo utile quando è impostata su lunghezze focali tele grandangolari e moderate, e quando è impostata su lunghezze focali più lunghe riesce a spostarsi tra i suoi estremi di messa a fuoco relativamente rapidamente, ma può faticare a identificare i soggetti – anche in buona luce – e tende anche a mettere fuori fuoco a volte, dando conferme false-positive.

In particolare, lotta con soggetti più distanti quando il loro contrasto è influenzato dalla foschia. Una mano ferma e alcuni tentativi ripetuti con il punto di messa a fuoco predeterminato sembrano la soluzione migliore, ma per le riprese con teleobiettivo è meno affidabile del previsto.

  • Le 10 migliori fotocamere bridge che puoi acquistare adesso