Le pentole Robert Welch hanno sempre avuto un’ottima reputazione, in particolare quando si tratta di design elegante. L’omonimo fondatore dell’azienda era un celebre argentiere e designer britannico – non meno premiato con un MBE nel 1979 – e sebbene sia morto nel 2000, l’azienda rimane nelle mani della famiglia e conserva la stessa reputazione di qualità.

Come ci si aspetterebbe da Robert Welch, la padella antiaderente Campden è un oggetto di bellezza. La domanda è, però, resisterà ai rigori dell’uso intenso della cucina? Le padelle antiaderenti hanno sempre avuto la reputazione di essere piuttosto fragili, un’eco dei fragili rivestimenti in teflon che utilizzavano. Detto questo, i moderni rivestimenti antiaderenti sono molto più resistenti di quelli vecchi. Molti di questi rivestimenti moderni usano ancora Teflon (vedrai che il termine PTFE è usato molto – questo è politetrafluoroetilene, il polimero sintetico che è registrato come Teflon) ma incorporano anche altri materiali in più strati per aumentare la durata.

Il Campden utilizza un nuovo rivestimento antiaderente in PTFE di alta qualità che afferma di essere estremamente resistente. Quindi, questa padella è solo per spettacolo o fa anche il lavoro? Come probabilmente puoi vedere dalle 5 stelle e dal Platinum Award sopra, questa è una delle migliori padelle antiaderenti che puoi acquistare. Scopriamo perché …

(Credito immagine: futuro)

Padella antiaderente Robert Welch Campden: Build

A 1,6 chilogrammi, il Campden è davvero pesante per una padella da 24 cm. Questa è una buona cosa: la maggior parte di quel peso è concentrata nella base della padella, il che significa che conduce e trattiene il calore in modo molto più uniforme. Avrai senza dubbio sentito gli chef parlare di pentole che necessitano di “fondi pesanti”, spesso con un sorrisetto obbligatorio. Una padella dal fondo sottile si riscalda molto rapidamente ma non distribuisce il calore in modo efficace e ciò si traduce in punti caldi e cibo bruciato. Un fondo pesante (risatina) immagazzina e diffonde il calore in modo molto più efficace, il che ti consente di utilizzare l’intera superficie della padella in modo uniforme e con maggiore controllo.

La base stessa è a 3 strati con due strati di acciaio inossidabile 18/10 che racchiudono uno strato di rame. 18/10 è lo standard per l’acciaio inossidabile di buona qualità: i numeri si riferiscono ai livelli di cromo e nichel nell’acciaio inossidabile, che aggiungono lucentezza e resistenza alla corrosione.

Se guardi da vicino puoi vedere un po ‘dello strato di rame nella parte inferiore della padella: un altro bel tocco di design. Il rame rimane il metallo preferito per le pentole: a parte il bel colore e la lucentezza, è un conduttore di calore molto migliore dell’acciaio inossidabile e del ferro. L’alluminio è un ottimo conduttore di calore ma impallidisce in confronto al rame, essendo solo il 60% più conduttivo del suo metallo rivale di alto livello. Il rame può essere costoso, ma un po ‘di più in una padella. In questo caso lo strato di rame conduce e distribuisce il calore tra i due strati di acciaio inossidabile.

Il gradino nel manico è un tocco di design davvero pulito che separa il Campden da padelle simili. La maniglia stessa è saldata a punti alla padella, il che presenta vantaggi e svantaggi. Da un lato non ci sono rivetti all’interno della padella, il che rende la padella più facile da usare e più facile da pulire. D’altra parte, è molto più difficile valutare l’integrità di una maniglia saldata. Le padelle si usurano e invecchiano nel tempo, naturalmente: con un manico rivettato puoi vedere che il rivetto si sta allentando, mentre un manico saldato è più incline a guastarsi senza preavviso. Inoltre, dovrai trovare qualcuno su cui saldare nuovamente la tua maniglia. A meno che tu non sia un saldatore.

Una breve nota sulla garanzia. Robert Welch copre tutte le sue pentole con una garanzia minima di 25 anni, ma questa garanzia è concepita per coprire i difetti di fabbricazione e non copre l’usura standard. Esattamente come appare l’usura standard con una padella antiaderente è un argomento oscuro, quindi tienilo a mente. Per quello che vale, Robert Welch afferma che l’antiaderente potrebbe durare 5-10 anni con ragionevole cura.

(Credito immagine: futuro)

Padella antiaderente Robert Welch Campden: antiaderente

Il Campden utilizza un nuovo rivestimento in PTFE di livello professionale chiamato Durit Professional S sviluppato dalla società svizzera ILAG. Puoi visitare il sito web di ILAG e ottenere ogni sorta di informazioni interessanti sui loro diversi rivestimenti antiaderenti, ma basti dire che Durit Professional S ha superato tutti i test di abrasione e antiaderenza – puoi persino guardare i video dei test se ti piace quel genere di cose.

Durit Professional S applica più strati di polimero per creare una superficie antiaderente molto più durevole. In primo luogo la padella viene trattata prima che venga aggiunto il primo strato di PTFE, che presumibilmente crea un’adesione molto migliore tra la padella e il polimero. Lo strato inferiore di antiaderente è rinforzato con ceramica per una maggiore tenacità, poi c’è uno strato intermedio rinforzato che conferisce resistenza all’usura e uno strato superiore che sigilla la superficie. Il risultato è che questo rivestimento in PTFE dovrebbe essere in grado di resistere a un buon utilizzo.

Questa padella è lavabile in lavastoviglie, ma ILAG consiglia di non metterla in lavastoviglie poiché può indebolire la durata della padella e rimuovere gli oli incorporati. In definitiva, meglio ti prendi cura delle tue padelle, più a lungo le avrai. La natura del rivestimento antiaderente è ancora che è una cosa temporanea, ma questo antiaderente dovrebbe durare un certo numero di anni se lo tratti bene.

(Credito immagine: futuro)

Padella antiaderente Robert Welch Campden: Performance

L’eccellente qualità costruttiva si riflette sicuramente quando inizi a utilizzare la padella. Il peso extra è davvero evidente nella mano: di solito non ho problemi a lanciare una frittella in una padella, ma ci vuole un po ‘di sforzo nel Campden. Personalmente penso che sia fantastico: sembra una padella solida e ben costruita che durerà per tutto il corso. La padella ha raggiunto la temperatura in poco meno di 3 minuti a fuoco medio a gas e ho scoperto che ha trattenuto il calore molto bene durante la cottura di una varietà di cose.

Il sistema a 3 strati significa anche che il Campden funziona bene con ogni metodo di cottura, compresi i piani cottura elettrici ea induzione. Non sono stato in grado di testare la padella su alogena o ceramica, ma Robert Welch garantisce che le sue padelle a 3 strati funzionano su qualsiasi di questi piani cottura.

ILAG consiglia di non utilizzare strumenti di metallo sulla loro antiaderenza, ma l’ho fatto lo stesso perché è quello che fanno le persone. Dopo alcuni giorni di raschiatura e mescolamento (e più passaggi nella lavastoviglie) ci sono alcuni piccoli graffi e graffi superficiali ma sono appena percettibili a meno che non li cerchi. Non è niente che non mi sarei aspettato e non influisce affatto sulle prestazioni della padella.

Forse perché il manico è in metallo e anche il collegamento tra il manico e la base è in metallo, ho scoperto che la base del manico potrebbe diventare piuttosto calda quando si cucina a fuoco vivo. In genere è meglio evitare la cottura a temperature elevate con padelle antiaderenti: il PTFE è stabile fino a una temperatura di 260 ° C, ma dopo può iniziare a degradarsi. Il manico è notevolmente lungo, quindi non rappresenta un grosso problema.

(Credito immagine: futuro)

Padella antiaderente Robert Welch Campden: verdetto

Robert Welch Campden offre una qualità costruttiva davvero eccellente e funziona davvero bene su qualsiasi tipo di piano cottura.

La grande domanda è: quanto bene resisterà il rivestimento antiaderente nel tempo? Penso che con molta cura, non c’è motivo per cui non potresti ottenere un minimo di 5 anni da questa padella, forse anche un decennio. Il prezzo è un po ‘alto per una padella antiaderente, ma se usi molto antiaderente e vuoi qualcosa che possa sopportare un uso intenso, penso che il Campden sia un’ottima opzione.