Le stampanti 3D economiche sono comuni e disponibili in tutte le forme e dimensioni. Alcuni sono buoni e alcuni sono tutt’altro, quindi ero interessato a vedere come andrebbe il Tronxy X1.

La stampante arriva nella scatola più piccola che abbia mai visto per una stampante 3D e il contenuto era relativamente leggero. L’apertura della scatola ha mostrato tutti i componenti disposti con cura all’interno, pronti per il montaggio.

Dove comprare?

Gearbest ci ha inviato il campione Tronxy X1 e lo vende per $ 99,99 al momento della scrittura quando si utilizza il codice coupon V3C5D1885661D000 al momento del pagamento. Si noti che, sebbene questo prezzo includa la consegna, è al netto di qualsiasi imposta che può essere riscossa da HMRC o dalle società di corriere per conto del venditore. Vuoi acquistare tecnologia dai rivenditori cinesi online? Leggi prima questo.

Il primo problema è che non ci sono istruzioni visibili, un percorso rapido attraverso le sezioni delle caselle e trovi una piccola chiave USB contenente il software, il manuale e le istruzioni di costruzione.

Nel corso degli anni ho costruito parecchie stampanti 3D e, mentre disponevo le parti, ho potuto vedere che il design complessivo era ben pensato e sembrava relativamente semplice da montare.

È difficile credere che una stampante 3D possa essere acquistata a questo prezzo, anche quando è necessario montarla da soli. Solo una build e un test mostreranno se il compatto Tronxy X1 vale i soldi come una stampante 3D o è semplicemente un modo economico per acquistare alcune parti.

(Credito immagine: Ali Jennings)

Design

Dalle immagini online, è immediatamente evidente che Tronxy X1 ha adottato un approccio leggermente diverso rispetto al design standard della stampante 3D. Come l’attesissimo Original Prusa Mini, Tronxy ha creato una stampante con un braccio dell’asse X che è supportato solo a un’estremità.

Questo braccio dell’asse X sostiene la testina di stampa ed è dove la maggior parte dell’azione di stampa 3D è centrata.

Sappiamo che l’abilità e la competenza di Prusa nella costruzione di stampanti 3D garantiranno che la Prusa Mini originale sarà di prim’ordine quando si tratta di costruire qualità, anche se assemblata da soli, ma per quanto riguarda Tronxy X1.

La costruzione principale della stampante stessa è un tubo di alluminio estruso, solido. La base e le altre parti strutturali sono realizzate in acrilico o metallo spesso che promette rigidità e resistenza eccellenti.

(Credito immagine: Ali Jennings)

Il design del braccio, in questo caso, sembra una buona opzione. Mantiene le cose compatte e con tutte le parentesi graffe e i supporti inclusi una volta costruiti, si è rivelato solido come la roccia.

(Credito immagine: Ali Jennings)

La testina di stampa è un’estrusione singola standard con solo hotend e ventola montati sull’asse X. Il filamento viene alimentato attraverso l’estrusore che è anche montato sull’asse X ma in linea con la colonna Z, presumibilmente per fornire un supporto migliore e ridurre le vibrazioni degli stepper sulla testina di stampa.

L’Hotend è molto semplice con una sola ventola che raffredda il dissipatore di calore attorno all’interruzione di calore, e il gioco è fatto. Nessuna ventola verso la piattaforma di stampa per raffreddare il filamento una volta estruso che potrebbe causare un problema con la tesatura.

(Credito immagine: Ali Jennings)

L’estrusore è altrettanto semplice e il filamento deve essere caricato nella stampante per iniziare, non è possibile alimentare automaticamente alcun tipo.

(Credito immagine: Ali Jennings)

Su una stampante di queste dimensioni ha una piattaforma di stampa piccola ma rispettabile sebbene sia acrilica, quindi più adatta al PLA.

I tre assi, X, Y e Z utilizzano tutti grandi ruote che si fissano al telaio in alluminio estruso per muoversi. Questo offre di nuovo una soluzione decente ed economica.

Controllare il design e la riduzione dei costi per ottenere una stampante a questo prezzo è facile da vedere. Innanzitutto non esiste un portarocchetto, quindi sarà uno dei primi lavori di stampa 3D una volta terminata la compilazione.

Successivamente, l’alimentatore e la scheda di controllo che sono alloggiati in un alloggiamento acrilico sono separati dalla stampante, quindi, sebbene piccoli, trasportarli può essere complicato.

Come progetto, Tronxy X1 ha un bell’aspetto e sembra avere tutto ciò che una stampante 3D di base dovrebbe avere.

Caratteristiche

Scheda tecnica

Queste sono le specifiche complete per il Tronxy X1:

Volume di costruzione: 150 x 150 mm x 150 mm

Quantità ugello: singolo

Diametro ugello: 0,4 millimetri

Stampa offline memory card: scheda SD

Schermo a cristalli liquidi:

Materiale di supporto: PLA

Diametro del materiale: 1,75 millimetri

Precisione di posizionamento dell’asse XY: 0,012 millimetri

Precisione di posizionamento dell’asse Z: 0,004 millimetri

Tipo di imballaggio: imballaggio non assemblato

Certificato: CE, FCC, RoHS

L’altezza dello strato è sempre il grande battitore quando si tratta di funzionalità, e qui il Tronxy X1 fornisce una risoluzione dello strato di 0,1-0,4 mm.

Sebbene piccola, la stampante ha un volume di costruzione di 150x150x150 mm con un letto acrilico fissato in posizione da clip a bull. Questo è un letto non riscaldato che limita le scelte di materiale per la stampa, anche se durante l’assemblaggio è possibile vedere una porta per un letto riscaldato sulla scheda di controllo principale.

L’hotend presenta un ugello da 0,4 mm ed è compatibile con il popolare filamento da 1,75 mm. Poiché non esiste un letto riscaldato, la stampante è limitata all’uso con PLA anche se il sito Web di Tronxy afferma che può essere utilizzata con ABS e PLA. La stampante è in grado di stampare ABS, ma senza un letto riscaldato, il filamento si deformerà.

Per quanto riguarda il computer, Tronxy X1 è compatibile con i sistemi Windows e Mac OS e viene fornito con il software Repetier, sebbene la stampante possa essere utilizzata con qualsiasi applicazione 3D Slicer desiderata.

Oltre a poter stampare direttamente da un computer, hai anche la possibilità di stampare da una scheda MicroSD, una è fornita nella confezione.

Se si stampa direttamente dalla scheda MicroSD, è possibile navigare verso le stampe utilizzando lo schermo LCD e i controlli integrati.

Alla fine, come già coperto, la stampante arriva in una scatola, in pezzi e pronta per il montaggio.

Panoramica della configurazione

Non è solo un caso di plug and play, poiché prima di poter estrudere la prima stampa è necessario assemblare la stampante.

A differenza di molte altre stampanti autocostruite, la posizione delle istruzioni che mostrano come costruire la stampante non è immediatamente evidente. Le istruzioni si trovano sulla scheda MicroSD, una volta individuate e aperte le istruzioni sembrano ben progettate, ma man mano che il processo di creazione inizia, ti rendi rapidamente conto che sono un po ‘vaghe nelle aree.

Per fortuna la maggior parte della costruzione è relativamente semplice e trovare tutte le parti necessarie nelle due sezioni di schiuma divise è relativamente facile.

Mentre la maggior parte delle parti sono disposte logicamente quando si tratta di dadi, bulloni e fissaggio dei vari elementi sembrano essere distribuiti in modo casuale tra diversi sacchetti. Questo non è un kit Tamiya.

Alla fine, l’idea migliore è quella di inserire ogni borsa in un contenitore più grande in modo da poter vedere facilmente cosa stai facendo.

Si noti inoltre che i dadi di bloccaggio indicati nelle istruzioni non sono disponibili e sono stati forniti solo dadi standard. Una piccola Loctite è un acquisto utile; altrimenti, finirai per stringere continuamente i bulloni sulla costruzione finita.

Un altro piccolo punto di contesa sono i piccoli dadi a T, mentre per la maggior parte bloccano l’estrusione di alluminio insieme solido, portandoli nella giusta posizione può essere difficile.

Tuttavia, dopo circa tre ore, la stampante è stata assemblata e pronta per la calibrazione.

Installazione in dettaglio

Prima di accendere la stampante, è essenziale verificare che tutti i finecorsa siano in posizione e fare clic quando l’asse X, Y o Z raggiunge il limite.

Una volta fatto ciò, è necessario verificare la piattaforma di compilazione. Questo, ovviamente, deve essere a livello, ma controlla anche che le molle sotto la piattaforma siano serrate, quindi c’è un po ‘di flessibilità per alzare o abbassare la piattaforma a livello.

Mentre lo fai, potresti scoprire che devi regolare l’altezza del fine corsa dell’asse Z..

Una volta fatto sollevare manualmente l’ugello e portarlo in linea con la parte superiore della piattaforma di stampa, dovrebbe essere una larghezza della carta sopra la superficie. Quindi spingere attraverso l’asse X nel punto più lontano e regolare la piattaforma per allineare il livello della piattaforma con il primo punto.

Una volta fatto, spostare la testina di stampa sull’asse Y e regolare nuovamente la piattaforma, in modo che sia a livello. Quindi di nuovo attraverso l’asse X, livellare e tornare a casa.

(Credito immagine: Ali Jennings)

Un problema che ho scoperto all’inizio era che c’era un bel po ‘di gioco nella piattaforma di costruzione in cui dovrebbe essere solido come una roccia. Togliendolo, stringendo i bulloni sembrava risolvere il problema.

Ora sei pronto per accendere la stampante.

Sono necessari circa 30 secondi per l’avvio della stampante e il piccolo schermo mostra lo stato. È un layout piuttosto generico e abbastanza facile da navigare, sebbene non del tutto intuitivo.

Il primo controllo è eseguire la funzione Auto Home per verificare che tutti i motori funzionino come dovrebbero. Dopo un incidente in cui il finecorsa dell’asse Z non era posizionato abbastanza in alto e scartato la parte superiore della piattaforma di stampa, il movimento libero della testina di stampa è stato finalmente impostato e pronto per il primo modello da caricare.

La stampante viene fornita con Repetier come software consigliato, ma la versione inclusa nella chiave USB non funziona con l’ultima versione di Mac OS. Ho scaricato la versione più recente del software e riprovato, ma dopo un po ‘, senza riuscire a collegarmi, ho provato Cura.

Ancora una volta non ho avuto alcun successo nel collegarmi direttamente, ma impostare un profilo e salvare il modello su MicroSD ha funzionato perfettamente.

Ho quindi inserito la scheda MicroSD nella parte posteriore dell’alimentatore e poi sono passato al file di stampa nel menu.

Era tempo per la prima stampa.

Continua a leggere alla pagina successiva.

Prestazione

Poiché il Tronxy X1 non viene fornito con un supporto per rocchetto, ne ho usato uno da un Original Prusa i3, che come sempre ha fatto il lavoro.

Individuare il file da stampare è stato abbastanza semplice, sebbene il sistema di menu sia relativamente lento a rispondere, tra il clic e il comando in esecuzione può esserci un buon secondo o due.

Una volta selezionato il file per la stampa, la macchina si mette al lavoro, o almeno lo fa una volta elaborato il file, riscaldato e pensato.

Dopo circa 5 minuti, la stampante è diventata operativa e il processo di stampa è iniziato. Lo strato iniziale è stato realizzato con una precisione impressionante e, come strato dopo strato, sono stato piacevolmente sorpreso dalla qualità della stampa che stava lentamente emergendo.

Essendo così economico, mi aspettavo anche una stampante rumorosa e scricchiolante. Tuttavia, i motori passo-passo e i driver sono sorprendentemente silenziosi, così come il movimento dell’asse una volta ingrassato, non troppo lontano dai livelli di rumore degli Original Prusa i3 MK3s.

Una volta terminata la prima stampa, posso solo dire di essere rimasto colpito, stampato con qualità standard e il risultato è stato migliore di molte stampanti molte volte rispetto al prezzo del Tronxy X1 costruito in casa.

Dopo una settimana di stampa, i fori nel Tronxy hanno iniziato a mostrare, Loctite è stato usato per assicurarsi che quei bulloni che avrebbero dovuto essere bulloni di bloccaggio ma non fossero rimasti, e altri bulloni e viti serrati e regolati secondo necessità.

La stampante impiega una buona settimana per sistemarsi, ma una volta individuati i problemi e risolti, il risultato è una buona stampante solida.

(Credito immagine: Ali Jennings)

Qualità di stampa

All’inizio del test di qualità di stampa, era già ovvio dove questa stampante eccellesse e dove non avesse funzionato. È anche possibile vedere come alcuni dei problemi di stampa potrebbero essere risolti rapidamente.

Stampe di base, modelli senza la necessità di dettagli superfini non sono stati un problema per la stampante. Ovunque ci fossero dettagli precisi, l’ugello avrebbe lasciato un’impressionante scia di corde.

Questo problema potrebbe essere risolto posizionando una ventola sul piano di stampa per aiutare a raffreddare il filamento estruso, ma sarebbe un’aggiunta e darebbe alla stampante una mano ingiusta.

(Credito immagine: Ali Jennings)

Il primo test è stato quello di stampare 3DBenchy e i risultati sono stati impressionanti. Il modello di qualità normale sembrava perfetto con una struttura che stampava in modo pulito, poiché la qualità aumentava il piccolo ugello e la mancanza di una ventola di raffreddamento portava ad alcune stringhe e ad alcuni problemi molto piccoli con il flusso di estrusione, ma non così tanto da essere disturbato.

Le stampe veloci erano veloci e generalmente senza problemi, e mentre la piattaforma di stampa era piccola, per la maggior parte degli oggetti, era più che adeguata.

Passando al test di qualità di stampa significativo e complicato, questo ha iniziato davvero a mostrare dove la stampante ha dovuto affrontare alcuni aspetti della qualità.

Precisione dimensionale – punteggio di X

  • Obiettivo 25 = X: errore 24,55 mm / 0,45 mm | Y: errore 29,62 mm / 0,38 mm
  • Obiettivo 20 = X: errore 19,58 mm / 0,42 mm | Y: errore 19,62 mm / 0,38 mm
  • Obiettivo 15 = X: errore 14,63 mm / 0,37 mm | Y: errore 14,75 mm / 0,25 mm
  • Obiettivo 10 = X: errore 9,86 mm / 0,14 mm | Y: errore 9,88 mm / 0,12 mm
  • Target 5 = X: errore 5mm / 0mm | Y: errore 4,9 mm / 0,1 mm
  • X Errore media = 0,276
  • Y Errore medio = 0,23
  • X&Y Error Average = 0,253

Punteggio di 3

Controllo del flusso fine – punteggio di 2,5

Belle caratteristiche negative – punteggio di 4

Sbalzi – punteggio di 2

Colmare – punteggio di 2

Risonanza XY – punteggio di 0

Allineamento dell’asse Z – punteggio di 2,5

Sommando i totali si ottiene un punteggio finale di 16 su 30.

Il test di stampa ha mostrato risultati promettenti per questa piccola stampante. 16 su 30 non sono nulla di eccezionale fino a quando non si considera il prezzo e il fatto che si tratta di un autocostruzione.

Non ho dubbi sul fatto che con alcune aggiunte come una ventola per raffreddare il filamento e un po ‘più di regolazione, questa stampante potrebbe salire ai bassi anni ’20.

Sebbene il punteggio mostri una buona precisione dimensionale, uno sguardo ravvicinato alla stampa mostra dove ha lottato con i cilindri lisci che compongono il test.

(Credito immagine: Ali Jennings)

Puoi vedere una leggera quadratura piuttosto che arrotondamenti perfetti e capovolgere il test e guardare le sporgenze; puoi vedere cadere un po ‘di filamento. Ciò è correlato al punteggio del test ponte relativamente basso e ancora una volta può essere attribuito alla mancanza di una ventola che punta in questa direzione.

Durante il test, ho usato un filamento di alta qualità che di solito non soffre di deformazioni, tuttavia qui agli angoli c’era un leggero sollevamento dai bordi.

La chiave della qualità dalla piccola stampante è garantire che tutto sia livellato, serrato e corretto prima di ogni stampa. È un po ‘come tornare indietro di diverse generazioni di stampanti 3D.

Detto questo, questa stampante ti dà un punto di accesso alla tecnologia di stampa 3D e, per il prezzo, ti dà qualcosa che poche altre stampanti a meno di £ 150 possono fornire.

Verdetto finale

A meno di £ 150 il Tronxy X1 sembra molto, e lo è. Arrivando come kit, è divertente da mettere insieme e ti mostrerà il funzionamento interno di una stampante 3D in un modo che l’acquisto di un prefabbricato non lo farà.

Ti darà anche una buona idea di come funziona la stampante e alla fine come risolverlo se tutto va storto.

Il kit stesso è di qualità decente, anche se puoi vedere dove l’azienda ha risparmiato denaro utilizzando bulloni standard anziché di bloccaggio. Altre parti economiche sono state usate anche dove qualcosa di un po ‘più sostanziale avrebbe potuto essere migliore.

Come accennato in precedenza, hai circa una settimana dopo la costruzione in cui scopri che dadi e bulloni si sono allentati e un po ‘di Loctite è necessario per tenere insieme.

Una volta assemblata, la stampante stessa è impressionante e solida. È un peccato che la bobina non sia fornita e che l’alimentatore sia separato dal resto della stampante, ma è per questo che è il prezzo che è.

Quando si tratta di qualità di stampa, i modelli prodotti erano sorprendentemente buoni e il fatto che la stampante fosse silenziosa e veloce è stato un grande positivo.

Quando si trattava del software, non riuscivo a farlo funzionare con la stampante. Tuttavia, quasi tutti gli altri software gratuiti di Slicer disponibili sembrano funzionare bene.

Il Tronxy X1 è una stampante decente; Ho adorato le dimensioni e vedo che questo ha un potenziale reale.

Per accedere alla stampa 3D, Tronxy X1 è un’ottima opzione, soprattutto se si considera il prezzo.

  • Abbiamo anche messo in evidenza le migliori stampanti 3D