L’artigiano svizzero di pentole Kuhn Rikon opera nel settore delle pentole da quasi 100 anni. Il signor Kuhn ha acquistato la sua prima fabbrica di padelle nel lontano 1926, ci credereste, e nel secolo successivo l’azienda si è costruita una reputazione per pentole e padelle a buon mercato ea regola d’arte.

Quindi, a chi è meglio rivolgersi se stai cercando una padella antiaderente per accompagnarti nei prossimi 5-10 anni? Easy Pro di Kuhn Rikon è leggermente più costoso di alcune delle altre padelle antiaderenti che abbiamo esaminato, ad esempio Tefal Ultimate ON e GreenPan Venice Pro, ma può ancora essere acquistato a un prezzo estremamente ragionevole.

Potresti immaginare che Nigella Lawson userebbe solo la migliore padella antiaderente, e probabilmente la più costosa, ma è anche nota per essere una fan di Kuhn Rikon. Non c’è da stupirsi; questa è una padella di ottima qualità, con una superficie antiaderente che dovrebbe resistere a una buona quantità di usura.

(Credito immagine: futuro)

Padella antiaderente Kuhn Rikon Easy Pro: Build

Come Tefal e GreenPan, Kuhn Rikon utilizza l’alluminio come metallo di base per la sua gamma Easy Pro. Le pentole possono essere realizzate con una vasta gamma di metalli, spesso in diverse configurazioni; rame, acciaio inossidabile, ghisa e alluminio sono tutti comunemente usati e ognuno ha una serie diversa di pro e contro. L’alluminio è un fantastico conduttore di calore – secondo solo al rame in quella lista – ma è anche più leggero, più economico e richiede molta meno manutenzione del rame.

Tutto ciò rende l’alluminio eccellente per cucinare, ma ci sono alcuni avvertimenti. In primo luogo, l’alluminio non è magnetico, quindi se stai cucinando a induzione, le pentole in alluminio non funzioneranno a meno che non siano state aumentate con una piastra di base magnetica (solitamente acciaio inossidabile). In secondo luogo, l’alluminio grezzo è molto reattivo, quindi può filtrare negli alimenti acidi se viene a contatto con essi. L’opinione rimane divisa sul fatto che questo sia necessariamente un problema di salute, ma alcune persone affermano che l’alluminio può influenzare il gusto del cibo, in particolare i cibi acidi, se i due entrano in contatto.

Normalmente le pentole in alluminio sono state rivestite con una superficie antiaderente o anodizzate (un processo chimico in cui l’alluminio sviluppa un esterno di ossido di alluminio estremamente resistente). In genere preferisco le pentole in alluminio anodizzato, in parte perché è molto più resistente dell’alluminio fuso o forgiato, ma anche perché le superfici antiaderenti si legano molto meglio all’ossido di alluminio. L’Easy Pro è realizzato in alluminio forgiato, di conseguenza è molto più resistente di una normale padella in alluminio pressofuso, ma avrei preferito che fosse anodizzato.

Tuttavia, la qualità costruttiva è estremamente solida. La padella ha un buon peso e un fondo spesso e pesante, ma come il GreenPan Venice Pro è ancora abbastanza leggero da essere elegante in mano. L’Easy Pro è compatibile con l’induzione grazie a uno strato magnetico che va dalla base fino ai lati della padella. Sospetto che sia acciaio inossidabile, ma il sito web di Kuhn Rikon non lo chiarisce. L’utilizzo di una piastra di base in acciaio inossidabile per rendere le pentole in alluminio compatibili con l’induzione è una soluzione piuttosto comune. In genere queste soluzioni sono realizzabili se si utilizza l’induzione, ma potrebbero non essere efficaci quanto una buona padella in acciaio inossidabile.

La maniglia è rivettata anziché essere saldata o avvitata, il che è una buona cosa nel mio libro. Non so che le maniglie rivettate siano necessariamente più resistenti, ma sono più facili da riparare e tendono ad allentarsi gradualmente, mentre le saldature possono rompersi rapidamente e all’improvviso. Anche il passante sul manico è un bel tocco.

Tutta la gamma Easy Pro di Kuhn Rikon è coperta da una garanzia di 3 anni. Ciò copre i difetti di fabbricazione e simili, ma non l’usura standard, quindi, come sempre, fai attenzione se stai cercando di sostituire la padella dopo un paio d’anni: le linee tra danni, difetti e usura sono molto sfocate.

(Credito immagine: futuro)

Padella antiaderente Kuhn Rikon Easy Pro: antiaderente

In generale ci sono due diversi tipi di antiaderenti: antiaderente in ceramica, che è fatto di sabbia e utilizzato da marchi come GreenPan; e PTFE antiaderente – un polimero senza attrito che viene applicato alle pentole. Il teflon, ad esempio, è un PTFE.

Il rivestimento in PTFE utilizzato da Kuhn Rikon si chiama QuanTanium, un altro marchio simile al Teflon ma prodotto da una società chiamata Whitford. La documentazione di Whitford valuta QuanTanium come 4 su 5 sia per il prezzo che per le prestazioni, ma sembra essere una soluzione più conveniente rispetto a qualcosa di vero e proprio guidato dalle prestazioni.

Un semplice test antigraffio con un coltello per posate ha iniziato a rimuovere la superficie superiore dell’antiaderente, ma ovviamente non ha influenzato le prestazioni della padella. Kuhn Rikon suggerisce che non dovresti comunque usare attrezzi in metallo con questa padella, ma fornisce comunque un’indicazione generale di quanto sia robusta l’antiaderente. È interessante notare che Whitford afferma che è sicuro usare utensili in metallo con QuanTanium, un’affermazione che non sosterrei.

Rispetto al rivestimento antiaderente di Robert Welch Campden e Tefal Unlimited ON, Easy Pro avrà sicuramente bisogno di un po ‘più di cura. Non c’è motivo per cui il Kuhn Rikon non possa durare almeno 5 anni, ma se sei il tipo di cuoco che fa sbattere le pentole negli armadi e le infila regolarmente nella lavastoviglie, non sorprenderti se l’antiaderente ti arrende prima.

(Credito immagine: futuro)

Padella antiaderente Kuhn Rikon Easy Pro: Performance

Nel complesso, penso che l’Easy Pro sia un’ottima padella. Come accennato in precedenza, sembra molto robusto: non ha lo stesso peso del Robert Welch Campden o del tristrato in rame ProWare, ma non è grande come quelle padelle e gran parte del peso è concentrato nella base spessa . In definitiva, ciò paga i dividendi quando si tratta di cucinare: l’Easy Pro ha avuto bisogno solo di un paio di minuti per raggiungere la temperatura su una fiamma media, il che lo mette proprio lì con il GreenPan Venice Pro come le due pentole più veloci. ho testato. La base del Venice Pro è leggermente più sottile, quindi nel complesso darei un vantaggio al Kuhn Rikon qui. Una volta raggiunta la temperatura ha tenuto benissimo il fuoco, anche ai lati della padella; i lati a volte possono essere troppo sottili per ridurre peso e costi, ma non è il caso di Easy Pro.

Sono rimasto piacevolmente sorpreso da come la padella si è comportata anche a induzione. C’è un po ‘di calo nella velocità con cui la padella si riscalda – le piastre di base a induzione non sembrano mai essere efficaci quanto le padelle rivestite in acciaio inossidabile a questo proposito – ma Easy Pro ha mantenuto bene il calore una volta raggiunta la temperatura. Ciò può essere in parte dovuto al fatto che lo strato magnetico di Easy Pro avvolge l’intera padella, invece di riscaldare semplicemente la base. Di conseguenza, la padella sembra funzionare meglio delle controparti, ma nel complesso penso ancora che una buona padella in acciaio inossidabile con un nucleo di alluminio o rame sia la migliore se stai cucinando a induzione.

Non ho avuto problemi con l’antiaderente: funziona perfettamente senza bisogno di preparazione. Non ti aspetteresti di meno da qualsiasi rivestimento decente in PTFE, la questione è davvero una questione di longevità e quanto durerà questo antiaderente QuanTanium.

Un’ultima cosa da notare: l’antiaderente QuanTanium è sicuro fino a una temperatura di 260 ° C. Non tutti i rivestimenti in PTFE sono così resistenti al calore e, di conseguenza, molti di loro non sono adatti per l’uso in forno o per la cottura a temperature più elevate sul piano di cottura. Bisogna comunque stare attenti all’eventuale antiaderente in quanto il surriscaldamento rovinerà le loro proprietà di non attrito, ma almeno grazie al QuanTanium e al manico in acciaio inox, potrete utilizzare l’Easy Pro in forno a temperature ragionevoli.

(Credito immagine: futuro)

Padella antiaderente Kuhn Rikon Easy Pro: verdetto

Penso che Kuhn Rikon Easy Pro sia una fantastica casseruola antiaderente. Ha molto da offrire: ottima qualità costruttiva, prestazioni fantastiche e alcuni piccoli tocchi puliti come il passante del manico e il manico rivettato.

La questione con le padelle antiaderenti è sempre una questione di prezzo contro longevità. Non importa quanto sia ben costruita la padella se l’antiaderente dura solo pochi anni. La superficie antiaderente QuanTanium su Easy Pro sembra decente, ma non è così robusta come la superficie ILAG utilizzata su Robert Welch Campden o Tefal Unlimited ON. E sebbene faccia un lavoro abbastanza decente sull’induzione, sento ancora che preferirei avere una padella di acciaio inossidabile con un’anima di alluminio se quello fosse il mio mezzo di cottura principale.

Detto questo, se sei qualcuno che si prende cura delle tue pentole e non stai cucinando a induzione, farai fatica a trovare una padella migliore per il prezzo.