L’espressione ‘huddle room’ è senza dubbio di origine americana, ma gli uffici open space in tutto il mondo ora hanno spazi di incontro dedicati che sono pensati per il brainstorming o sessioni di focus di gruppo, qualunque sia il loro nome.

Per essere veramente utili, queste sale necessitano di tecnologie moderne accanto a un tavolo e sedie di base, e uno dei pezzi più importanti del kit è una forma di videoconferenza dedicata.

  • Offerte per Amazon Prime Day: guarda tutte le migliori offerte in questo momento!

Polycom Studio di Plantronics è progettato per fornire tale funzionalità in un pacchetto facilmente implementabile che va ben oltre quanto può fornire una videocamera e un microfono collegabili in rete.

Polycom Studio è appena stato lanciato negli Stati Uniti e in Europa e apparirà in altri paesi al di fuori di queste regioni nel prossimo trimestre. Il prezzo negli Stati Uniti è $ 949, e abbiamo trovato la soluzione di vendita al dettaglio per i clienti del Regno Unito a £ 835 (IVA inclusa).

Il prezzo è leggermente inferiore a quello del suo concorrente più vicino, il Logitech Meet-Up ConferenceCam, sebbene questa unità possa effettivamente essere acquistata per circa $ 770 dai fornitori online (al momento della scrittura).

Credito immagine: ammaraggio

(Credito immagine: Mark Pickavance)

Design

È facile confondere Polycom Studio con una soundbar TV, poiché è di dimensioni e forma molto simili a quei dispositivi ed è stata progettata per essere collocata al di sotto o al di sopra di uno schermo TV.

Lo studio ha un preallarme per zoccolo che lo solleva di circa 5 cm sopra il livello della scrivania, posizionando la fotocamera montata centralmente a 10 cm, dandogli una visione relativamente libera della stanza attraverso il suo campo visivo di 120 gradi.

Poiché la base consente l’inclinazione, è possibile posizionare il dispositivo in alto o in basso e ottenere comunque l’inquadratura necessaria per la stanza.

Se la posizione ideale non è sulla scrivania, il piedino può essere facilmente rimosso e sostituito con il supporto a parete fornito per un dispositivo più permanente.

Credito immagine: ammaraggio

(Credito immagine: Mark Pickavance)

All’interno della barra larga 700mm ci sono altoparlanti stereo e un array di microfoni a 6 elementi che può facilmente riprendere una normale voce parlante a 12 piedi.

Ma il componente standout è la fotocamera, costruita attorno a un sensore capace di 2160p che può essere controllato a distanza o gestito automaticamente da Studio per inquadrare chi parla.

La connettività include USB, tramite il quale il dispositivo è controllato da un Mac o PC, un jack audio da 3,5 mm esterno, 802.11ac Wi-Fi e Bluetooth 4.2.

Insieme allo Studio, la confezione contiene tutti i cavi necessari per l’USB e per collegare l’alimentatore in stile laptop e il telecomando.

Credito immagine: ammaraggio

(Credito immagine: Mark Pickavance)

La porta USB predefinita è un design Type-C, ma il cavo lungo 5 metri lo converte in Type-A per quelli che utilizzano la tecnologia precedente.

Esiste anche un’opzione di blocco Kensington, che consente di connettere l’unità a qualcosa di immobile, quindi Polycom Studio non “migra” in modo imprevisto dalla sala riunioni.

Ciò che non si ottiene sfortunatamente è un mezzo per collegarlo direttamente ai fori VESA su un televisore, anche se abbiamo notato che Logitech Meet-Up ConferenceCam non viene fornito con questo accessorio di default.

Credito immagine: Polycom

(Credito immagine: Polycom)

La maggior parte degli utenti deve semplicemente collegare Studio a un computer tramite USB, eseguire la propria app di videoconferenza preferita e sarà utile.

La parte rivoluzionaria di Polycom Studio è che elabora audio e video per presentare la migliore versione possibile di entrambi.

Sebbene si connetta tramite USB a un computer e appaia come dispositivo audio e video quando lo fai, c’è di più in Polycom Studio che essere semplicemente queste cose.

Incorpora una piattaforma informatica progettata per offrire la migliore esperienza audio e video possibile, non diversamente dall’avere un ingegnere AV a portata di mano per controllare la videocamera e ottimizzare il suono per ottenere i migliori risultati.

Pertanto, senza alcun intervento da parte degli utenti, focalizzerà l’array del microfono su chi parla e incornicerà anche il video.

L’impostazione di come funziona è regolabile e puoi persino disabilitare alcuni aspetti se trovi che non funziona nel tuo esatto contesto.

Il feedback viene fornito agli utenti da una luce di stile “Knight Rider” che indica dove Polycom Studio è focalizzato in un dato momento.

Accanto a queste funzionalità ci sono alcuni trucchi di elaborazione audio molto sofisticati che possono rimuovere suoni estranei anche in un edificio relativamente rumoroso per fornire un alto grado di chiarezza per i telespettatori.

Credito immagine: Polycom

(Credito immagine: Polycom)

Connettività

Qualsiasi soluzione di videoconferenza è valida solo come i componenti software supportati e Polycom Studio ha un aspetto efficace.

Ad un livello è compatibile con qualsiasi software che supporti audio e video USB standard, se si desidera collegarlo al sistema di sorveglianza dell’edificio al di fuori dell’orario di lavoro, ad esempio.

Supporta anche Microsoft Skype for Business, Microsoft Skype, Microsoft Teams, Zoom, LogMeIn GoToMeeting, BlueJeans Network, Google Hangouts, Amazon Chime, Cisco Webex, VidyoDesktop e Polycom RealPresence Desktop.

Sosteniamo che la maggior parte delle aziende utilizza uno o più di questi e, anche se passano a una soluzione diversa, è altamente improbabile rendere il Polycom Studio ridondante.

Un’altra caratteristica di connettività che ci è piaciuta è che una volta che lo Studio è stato connesso a Internet tramite Wi-Fi, può essere aggiornato e gestito centralmente.

Per una grande azienda con molti di questi dispositivi installati, quella caratteristica potrebbe essere un vantaggio significativo. Coloro che hanno il compito di mantenere aggiornato l’equipaggiamento non avranno bisogno di visitare fisicamente ogni unità, e Polycom ha un servizio di gestione dei dispositivi creato per supportare queste attività di supporto remoto.

Credito immagine: ammaraggio

(Credito immagine: Mark Pickavance)

Prestazione

Abbiamo già visto sistemi di tracciamento di videoconferenze e spesso possono essere fonte di ilarità per chi li utilizza. Senza una potenza di elaborazione sufficiente, il monitoraggio può spesso concentrarsi su persone che hanno appena smesso di parlare o ignorare quelli che lo sono.

Polycom Studio non è perfetto, ma fa un lavoro molto migliore per spostare rapidamente l’attenzione su molte soluzioni che abbiamo testato.

L’unico lato negativo di questa modalità di inquadratura è che se la persona che parla si trova alla massima distanza dalla telecamera, il sistema isola solo una piccola parte dell’immagine 4K complessiva, facendola apparire leggermente più bassa.

Qualsiasi fotocamera con zoom digitale ha questo problema, quindi non è quella che può essere risolta con un software migliore.

Ciò che questo sistema fa molto bene è gestire il suono, quindi anche chi si muove nella stanza può essere ascoltato con eccellente chiarezza. Regola automaticamente anche il volume, quindi quelli più vicini all’unità non sono più rumorosi di quelli nella parte posteriore.

Oltre ai microfoni focalizzati sul fascio, può anche eliminare i rumori estranei, come l’aria condizionata, per una fedeltà ancora maggiore.

Queste caratteristiche di blocco del suono sono pensate per far fronte all’inquinamento sonoro generale, ma per problemi specifici questo dispositivo supporta la “fencing del suono”, un mezzo per dirigere l’array di microfoni ad ignorare una direzione o posizione specifica.

Tutte queste caratteristiche rendono l’esperienza di utilizzo di Studio molto migliore rispetto a una combinazione economica di fotocamera e microfono, anche se il costo è decisamente maggiore per questo prodotto.

Credito immagine: ammaraggio

(Credito immagine: Mark Pickavance)

Verdetto finale

Questo non è un accessorio economico, soprattutto se il numero di sale riunioni della tua attività è più che poche. Adattarli tutti con uno di questi potrebbe essere un esborso importante e probabilmente avrà bisogno di giustificazione.

Sì, è possibile eseguire una forma di videoconferenza per molto meno, ma sarebbe altrettanto flessibile ed efficace di questa soluzione? Quasi certamente no.

I progettisti di questa attrezzatura hanno guardato piuttosto forte esattamente cosa succede quando le persone usano questa tecnologia, in particolare dove falliscono, e affrontano molte di quelle mancanze con un design e un pensiero innovativi.

Mettendo i nostri cappelli da lavoro, se si conversa regolarmente con clienti o fornitori e si desidera una conversazione chiara e professionale con loro, Polycom Studio è la strada da percorrere.

L’unico problema è che non è in grado di correggere il contenuto che viene inviato dall’altra parte della chiamata, che potrebbe essere una soluzione traballante e frastagliata, ma potrebbe convincere coloro con cui stai conversando a fare lo stesso investimento per portare i loro esperienza di videoconferenza fino alle specifiche.

Per le aziende che sono multi-location e utilizzano questa tecnologia per coordinare team remoti, avere un pezzo di equipaggiamento alle due estremità costruito per questo scopo potrebbe facilmente risparmiare sui costi aumentando la produttività in un periodo relativamente breve.

Polycom Studio è uno di quei dispositivi che potrebbero sembrare eccessivamente scontati a prima vista, ma vale il costo quando si approfondisce ciò che fa che lo rende migliore delle alternative.

  • Il miglior software di videoconferenza del 2019