Avere un Ultrabook che funge anche da sistema desktop può rappresentare un notevole risparmio sui costi per le aziende ed evita anche la possibilità di lasciare il lavoro senza un file importante.

Ma per completare questo cerchio è necessaria una docking station, in modo che tutti i dispositivi periferici non vengano collegati e ricollegati ripetutamente.

Idealmente, un singolo cavo collega tutto, inclusi dispositivi di input, archiviazione e display.

Sembra abbastanza semplice, ma molti produttori di hardware si sono imbattuti nella fornitura di una docking station che raggiunge tali obiettivi con un singolo cavo.

Oggi esamineremo il Dock Dock USB-C Caldigit, un’opzione conveniente che afferma di offrire esattamente ciò che i proprietari di laptop desiderano ad un prezzo che la maggior parte delle aziende può permettersi.

Viene venduto al dettaglio per £ 169,99 ($ ​​199,25) direttamente da Caldigit, rendendolo più economico rispetto al modello di punta TS3 Plus Caldigit che abbiamo rivisto qualche tempo fa.

(Credito immagine: Mark Pickavance)

Design

Ci piacciono i design “puliti”, e il dock USB-C Pro di Caldigit è esattamente questo.

Costruito in un tubo di alluminio finemente fresato, l’elettronica interna è ben protetta dagli abusi accidentali in un involucro che misura solo 214 mm di larghezza, 80 mm di profondità e 25 mm di spessore.

Utilizzando un singolo connettore USB-C per l’host, consente la connessione di due monitor DisplayPort, quattro dispositivi USB, altoparlanti e cuffie, Gigabit Ethernet e una scheda SD con un lettore integrato.

E, oltre a tutta questa connettività periferica, viene fornito con un alimentatore da 150 W in grado di fornire 85 watt al dispositivo collegato per caricarlo completamente in un tempo relativamente breve.

Ciò lo rende adatto per i design Ultrabook più esigenti, come l’Apple MacBook Pro da 15 pollici.

Le porte frontali includono l’audio, il lettore di schede e uno ciascuno di USB-A e USB-C, con tutte le altre connessioni sul retro, incluso il downlink USB-C dall’host.

Questa disposizione mantiene i cavi puliti, poiché tutte le cose che vorresti fossero collegate permanentemente sono sul retro e quelle che potrebbero essere più ad hoc sono sul davanti.

Ci sono dock disponibili con più porte, ma i numeri offerti da questo lo rendono estremamente pratico dati i limiti imposti dal passaggio di tutto attraverso un singolo cavo USB-C.

(Credito immagine: Caldigit)

In uso

Ci scusiamo in anticipo, ma questa è la parte in cui questa recensione potrebbe diventare in qualche modo tecnica.

La premessa di base di una docking station è che è possibile collegare tutte le periferiche associate a un sistema desktop a un laptop utilizzando un solo cavo.

Sul Dock Dock Caldigit USB-C che include monitor con doppia porta display, tre dispositivi USB USB-A 3.2 Gen 1 (5Gb / s), un singolo dispositivo USB-C 3.2 Gen 2 (10Gb / s), porta Gigabit Ethernet, audio tramite un jack da 3,5 mm e una scheda SD con un lettore di schede.

Anche escludendo le connessioni minori come l’audio, ci sono oltre 25 Gb / s di connessioni potenziali e questo non include potenzialmente due schermi. Dato che USB-C 3.2 Gen 2 ha solo 10 Gb / s da condividere, qualcosa deve dare per rendere pratica questa soluzione.

Una risposta è che questo hardware funzionerà con una connessione Thunderbolt 3, consentendo la larghezza di banda disponibile fino a 40 Gb / s, assegnando 20 Gb / s ai display e gli altri 20 GB / s da condividere tra i dispositivi.

Se consideriamo che la maggior parte degli utenti utilizzerà due porte USB-A per mouse e tastiera, allora è sufficiente una larghezza di banda sufficiente per l’archiviazione esterna ad alte prestazioni su USB-A o USB-C e anche LAN, audio e lettore di schede senza limitarli in modo apprezzabile.

Se non hai Thunderbolt 3, solo USB-C, quali sono le opzioni?

Bene, Caldigit riduce la risoluzione dei due monitor collegati a HD (1080p) da 4K, ma a parte questo dovrebbe funzionare quasi tutti allo stesso modo.

Il dock può anche essere utilizzato con un sistema USB-A con un cavo di conversione, venduto separatamente, anche se con solo 5 Gb / s di larghezza di banda disponibile quella scelta non consentirà il collegamento dei monitor.

(Credito immagine: Caldigit)

Dobbiamo sottolineare che Apple, nella sua infinita saggezza, ha lanciato modelli MacBook da 12 pollici nel 2015, 2016 e 2017 con una sola porta USB-C. E queste macchine possono supportare solo due monitor in modalità speculare. Ciò vale anche per alcuni laptop PC con Thunderbolt 3 che supportano solo un singolo display 4K 60Hz o doppia uscita 4K 30Hz.

Ma in seguito l’hardware Apple e i sistemi Windows con Thunderbolt 3 o USB 3.1 Gen 2 dovrebbero essere in grado di avere due display.

Ciò include Apple iPad Pro. Con questo dispositivo, è in grado di pilotare un singolo monitor 4K esterno, avere tutte le periferiche tipiche del computer completo connesse con un singolo cavo ed essere caricate contemporaneamente.

Gli appassionati delle docking station potrebbero riflettere perché Caldigit non offre la tecnologia DisplayLink con questo dispositivo, per mitigare la riduzione della larghezza di banda su USB-C.

DisplayLink è un mezzo in cui i dati di visualizzazione sono incapsulati in un flusso di dati normale anziché allocato larghezza di banda dedicata e, per evitare, sta consumando tutta la larghezza di banda dei dati compressi.

Secondo noi, Caldigit ha fatto la scelta giusta. Poiché DisplayLink richiede l’installazione di software sul sistema host per comprimere le immagini video e, a meno che il laptop non sia molto potente, ciò avrà un impatto significativo sulle sue prestazioni.

Esistono altri problemi associati a DisplayLink e, sebbene consenta di guidare un display 4K su USB-C, consigliamo vivamente a coloro che desiderano farlo di ottenere un laptop con Thunderbolt 3 e una GPU discreta o collegare direttamente il monitor.

(Credito immagine: Caldigit)

Verdetto finale

Caldigit USB-C Pro Dock è facilmente una delle migliori docking station che abbiamo visto e rende molte delle soluzioni a marchio offerte dai produttori di PC un aspetto amatoriale a confronto.

La costruzione in metallo, la cura dei dettagli e la funzionalità sono tutti offerti a quello che sembra essere un prezzo d’occasione rispetto a quello che chiedono altri marchi.

Ma ciò che rende eccezionale questo dispositivo è che offre sia la connettività USB-C che Thunderbolt 3 in un’unica soluzione, consentendo a tutte le porte di essere completamente utilizzate senza imbattersi nelle limitazioni di larghezza di banda che possono colpire dock collegati USB-C.

Quando un utente esplora questo dispositivo, può presumere che se ha le periferiche da connettere, può esserlo, senza complicati enigmi di connessione.

Per questo motivo e per l’eccellente qualità costruttiva mantenuta da Caldigit, non abbiamo dubbi a raccomandare questa docking station a chiunque desideri creare un’esperienza desktop più completa con il proprio Ultrabook in ufficio.

  • Abbiamo selezionato le migliori docking station per laptop