I migliori strumenti DevOps

1. Git

2. Docker

3. Puppet Enterprise

4. Raygun

5. Strumento di creazione dei gradi

Continua a leggere per la nostra analisi dettagliata di ogni strumento

Lo sviluppo del software negli ultimi decenni è passato dall’essere percepito come una forma di alchimia a qualcosa che può essere quantificato e gestito.

Oltre alle buone pratiche di gestione dei progetti, coloro che lavorano nel mondo DevOps fanno affidamento su strumenti complessi che consentono a un team di contribuire con il codice a un obiettivo comune.

Ciò consente ai membri del team di abbandonare o unirsi senza prendere conoscenza di ciò che solo detengono e consente a questi progetti di ridimensionare la forza lavoro come e quando necessario.

Ecco alcuni dei migliori strumenti per tenere sotto controllo lo sviluppo del software e gli sviluppatori sono felici.

  • Scopri anche il miglior software di sviluppo di app mobili
  • Desideri che la tua azienda o i tuoi servizi vengano aggiunti a questo acquirente’guida s? Si prega di inviare la richiesta via email a desire.athow@futurenet.com con l’URL della guida all’acquisto nella riga dell’oggetto.

(Credito immagine: Git)

1. Git

Lo standard per gli strumenti DevOps

Supporto della community FastMassive gratuito e open source

Se chiedi alla maggior parte degli sviluppatori di software di nominare uno strumento per gestire il controllo della versione distribuita, allora loro’molto probabilmente dirlo ‘Idiota’.

Ciò che ha contribuito a rendere Git la principale forza nello sviluppo del software che è diventato è che è sia gratuito che open source. Ma ciò che lo mantiene rilevante è lo sviluppo continuo e un eccellente set di funzionalità per la gestione del codice.

Ciò a cui Git eccelle è la gestione di uno scenario di sviluppo software in cui il progetto potrebbe essere richiesto di ramificarsi in più direzioni, consentendo il codice indipendente che può essere unito ed eliminato senza influire sulla base di codice comune.

Il bello di questa soluzione è che puoi ramificare il codice, sviluppare nuove funzionalità e poi capire che devi adattare le basi ereditate, apportare quelle modifiche e unire quelle nel ramo.

Una volta tu’ho completato una funzione su quel ramo, può essere unita al codice comune, per essere utilizzata in tutto il progetto. In alternativa, può essere limitato fino a quando le altre funzionalità correlate non saranno pronte per essere condivise.

Questo approccio incoraggia la sperimentazione di codice usa e getta e consente di apportare modifiche a tutti i livelli senza, si spera, sconvolgere gli altri che lavorano al progetto.

  • Non è costato altro che il tempo di provare Git, trovalo qui

(Credito immagine: Docker)

2. Docker

Riepilogo del codice per viaggiare

PortableFlessibileEfficienteNon tutte le applicazioni traggono vantaggio dai contenitori Alcune prestazioni dell’app vengono perse nella traduzione

Gli strumenti software si basano spesso su una routine di installazione personalizzata da posizionare su un computer che gestisce il posizionamento di file e cartelle e il cablaggio della funzionalità nel sistema operativo.

Questo approccio è soggetto a problemi, poiché i sistemi operativi cambiano nel tempo e ciò che qualsiasi versione potrebbe contenere non lo è’t garantito.

Docker risolve l’enigma dell’installazione comprimendo un’applicazione insieme al suo codice, runtime, strumenti di sistema, librerie di sistema e impostazioni. Le immagini docker vengono eseguite dal Docket Engine open source sul sistema operativo e si collegano al kernel del sistema operativo del computer.

Questo modello consente al codice interno di essere completamente isolato dagli altri contenitori docker in esecuzione sullo stesso hardware, rendendoli sia sicuri che protetti dagli attacchi di malware.

Per molti aspetti, Docker ha somiglianze con le installazioni virtuali offerte da Hypervisors, ma poiché tutti i contenitori Docket possono riutilizzare lo stesso sistema operativo, è intrinsecamente più efficiente.

La tecnologia Docket funziona così bene che i contenitori sono ora supportati su Linux, Windows e nel Cloud. Inoltre, le applicazioni condivise Docker possono essere sviluppate su PC Windows e Apple Mac.

Nel complesso, Docker è diventata una delle tecnologie di riferimento per coloro che necessitano di applicazioni trasportabili.

  • Puoi scoprire di più su Docker qui

(Credito immagine: Puppet)

3. Puppet Enterprise

È ora di tagliare i limiti della gestione della conformità

Massimizza le risorse DevOps, l’uomo e la macchina. Eccellente supporto per la comunità. Protegge la conoscenza dell’infrastruttura dall’abbandono

A un livello Puppet riguarda la gestione dei server. Ma quella descrizione sminuisce quello che è uno strumento molto potente da usare in qualsiasi ambiente controllato da DevOps.

Ciò che Puppet può fare è fornire una prospettiva globale sull’infrastruttura, identificando quale hardware esegue quali servizi e contenitori ed evidenziando quelli potenzialmente vulnerabili.

Ma è anche consapevole della conformità e può assicurarsi che i server siano protetti nei modi in cui devono essere e generare report per confermare che le patch sono state applicate e gli aggiornamenti eseguiti.

E, se gli sviluppatori hanno familiarità con YAML, Puppet fornisce un meccanismo per distribuire applicazioni su più destinazioni native del cloud da un repository controllato dalla sorgente.

Per l’azienda è importante avere una visione corretta dello stato dell’infrastruttura informatica e delle applicazioni mission-critical. La qualità di tali informazioni inciderà direttamente sulle decisioni aziendali chiave mantenendo iniziative di sicurezza o conformità.

Puppet elimina gli interventi manuali e i metodi di gestione delle crisi e li sostituisce con processi automatizzati che garantiscono coerenza e sicurezza.

  • Puoi scoprire di più su Puppet qui

(Credito immagine: Raygun)

4. Raygun

Vaporizza bug ed errata

Implementazione locale e cloud Elaborazione di utenti e interazioni di codice Supporta piattaforme basate su Web, Windows, Mac, Linux, iOS e Android Può essere costoso

La caccia ai bug è la rovina di tutti gli sviluppatori di software perché vengono fatti errori e, alla fine, molti dovranno essere riparati.

Raygun è uno strumento basato su cloud progettato per monitorare le reti e tracciare i bug, quindi fornire un flusso di lavoro per risolvere i problemi che identifica.

esso’è meglio pensarlo come quelle persone che controllano i servizi di emergenza, che dirigono gli equipaggi sul luogo di un incidente o un incendio e forniscono tutte le informazioni necessarie a coloro che partecipano.

Ma ha anche gli strumenti per monitorare un’applicazione, i client che la utilizzano e analizzare l’interazione tra loro per fornire informazioni su ciò che provoca un errore o un fallimento.

Essere in grado di accedere alle informazioni diagnostiche e agli strumenti del flusso di lavoro aiuta DevOps a identificare, riprodurre e risolvere i problemi in modo intelligente ed efficiente.

Questi processi sono particolarmente rilevanti per i team di sviluppo software che distribuiscono regolarmente aggiornamenti importanti e devono sapere che la nuova versione funziona correttamente per il personale del punto vendita o altri scopi mission-critical.

Il prezzo di Raygun si basa sul numero di eventi di errore o sessioni utente elaborati ed è disponibile su base mensile o annuale. Il livello Startup è in grado di gestire 250.000 eventi al mese, Small Business un milione, in cui i principali clienti Business ed Enterprise hanno eventi illimitati.

I clienti aziendali possono anche installare Raygun localmente, anziché utilizzare il Cloud.

  • Puoi togliere la fondina al tuo Raygun qui

(Credito immagine: Gradle)

5. Strumento di creazione dei gradi

Migliore software più veloce

Open-source Accelera il processo di compilazione Supporta lo sviluppo di Kotlin Plugin della community Le velocità delle build possono essere un problema

Gli obiettivi di Gradle sono ambiziosi; per aiutare a costruire qualsiasi codice più veloce, automatizzare la consegna end-to-end e consegnarlo più velocemente a coloro che ne hanno bisogno.

Per raggiungere questi obiettivi elevati, Gradle fornisce un mezzo per dichiarare tutti i compiti necessari per una build complessa e quindi eseguirli.

Coloro che stanno sviluppando per un’unica piattaforma su un solo progetto potrebbero non trovare Gradle utile, ma quelli che lavorano su soluzioni multipiattaforma, multilingue e multicanale lo faranno quasi sicuramente.

Con un solo clic, il codice può essere compilato, testato, impacchettato e quindi spedito senza script artigianali o immissione delle istruzioni da riga di comando.

L’unico inconveniente di avere uno strumento di costruzione così potente è che le spese generali possono rallentare il processo di costruzione e frenare lo sviluppo in corso se’sulla stessa workstation.

Le prestazioni possono essere migliorate se si eseguono reti con prestazioni più elevate nel repository di codice e si utilizza un secondo computer per il processo di compilazione, se necessario.

Sorprendentemente, Gradle è gratuito per gli sviluppatori. Ma, se si desidera migliorare le prestazioni e l’affidabilità, è disponibile un Grado aziendale a pagamento per un costo quotato.

Come con molti progetti open source, Gradle offre un ottimo supporto per la comunità e molti plug-in creati dalla comunità sono disponibili per l’uso con esso.

  • Gli sviluppatori che desiderano semplificare i loro processi di compilazione giornaliera dovrebbero scaricare Gradle qui