Ogni azienda di sicurezza Internet offre una qualche forma di protezione della privacy – blocco degli annunci, anti-tracker, navigazione sicura – ma Avira porta questo al livello successivo con il proprio prodotto VPN.

Avira Phantom VPN si rivolge molto all’utente domestico. Il sito Web ignora praticamente tutti i dettagli tecnici, nemmeno menziona i protocolli supportati e si concentra invece sui vantaggi principali di una VPN: anonimato, crittografia e accesso a contenuti geobloccati. Ma scavare nella piccola stampa, e una lista delle caratteristiche ragionevole comincia ad apparire.

La rete ha 36 sedi, per esempio. Ok, 12 di loro sono in Nord America e la maggior parte degli altri sono in Europa, ma si continuano a ricevere server in Australia, Brasile, Hong Kong, Giappone, Messico e Singapore.

  • Vuoi provare Avira Phantom VPN? Controlla qui il sito web

Esistono app native per Windows, Mac, iOS e Android, oltre all’estensione di Chrome. Non è male, anche se non c’è un supporto diretto per la configurazione di router, smart TV, console di gioco o qualsiasi altra cosa che potrebbe richiedere configurazioni OpenVPN personalizzate.

Avira Phantom VPN effettua le connessioni utilizzando la crittografia OpenVPN e AES-256 standard del settore. Anche questo è buono, ma c’è un altro ‘ma’: non è possibile modificare OpenVPN in alcun modo (passare tra le connessioni UDP e TCP, ad esempio) e non è possibile passare a un altro protocollo, che a volte può essere utile se si non riesco a collegarmi.

Avira non menziona affatto il supporto P2P sul sito Web, per quanto abbiamo potuto vedere. Un rapido controllo mostra che il torrenting sembra essere disponibile su tutti i server, anche se la società sembra così poco entusiasta al riguardo, Phantom VPN non sarebbe la nostra scelta preferita per i torrent.

Il servizio ha un vantaggio inusuale, senza “but”: è possibile connettersi con tutti i dispositivi desiderati. Si tratta di un notevole miglioramento su altre VPN, che in genere limitano a 5 dispositivi o anche meno (ExpressVPN consente solo 3), anche se quante persone hanno davvero bisogno di connettersi con più di 5 dispositivi contemporaneamente è aperta alla domanda.

  • Abbiamo anche evidenziato la migliore VPN

Piani e prezzi

Qualunque cosa tu pensi delle funzionalità di Phantom VPN, c’è un netto vantaggio nel suo account gratuito. Questo ha per impostazione predefinita un limite di dati di 500 MB / mese paralizzante (oltre a cinque minuti gratuiti aggiuntivi dopo il raggiungimento del limite, prima della disconnessione), ma non richiede la registrazione o un indirizzo email: basta scaricare, installare e connettersi. Registrati con il tuo indirizzo email e riceverai 1 GB. Non sarai ancora in grado di trasmettere in streaming nulla di molto, ma per un uso occasionale a bassa larghezza di banda, forse durante il viaggio, potrebbe essere sufficiente.

L’aggiornamento a un account a pagamento consente di ottenere dati illimitati, protezione da fughe DNS, un kill switch per ridurre la possibilità di perdita di dati in caso di interruzione della connessione VPN e supporto tecnico per mantenere tutto in ordine.

Il servizio costa $ 9,10 (£ 7) al mese fatturati mensilmente, scendendo a $ 5,59 (£ 4,30) se si paga per un anno in anticipo.

Un piano insolito per dispositivi mobili copre il numero di iOS e Android necessari per soli $ 5,19 (£ 3,99) al mese, sempre fatturati mensilmente.

Questi prezzi sono inferiori rispetto ad alcuni dei grandi nomi della concorrenza. Il piano di un mese di NordVPN costa $ 11,95 (£ 9,19), ad esempio, scendendo a $ 6,99 (£ 5,38) fatturati annualmente. Ma ci sono affari molto migliori in giro. L’accesso a Internet privato costa $ 6,95 (£ 5,35) fatturati mensilmente, $ 3,33 (£ 2,56) per un anno e solo $ 2,91 (£ 2,24) per due anni.

Privacy e registrazione

Avira Phantom VPN è un buon inizio in termini di privacy con il suo account gratuito non richiesto per la registrazione. L’indennità per i dati di 500 MB al mese quasi certamente non sarà sufficiente, ma la possibilità di pagare un piano annuale tramite Bitcoin può anche aiutare a preservare l’anonimato.

Il servizio svolge un lavoro dignitoso di protezione del traffico con le sue scelte di protocollo (OpenVPN e L2TP / IPSec), anche se l’impossibilità di modificarle o modificarle in qualsiasi modo (scegliere nuove porte, ad esempio) potrebbe essere un problema per gli esperti.

Il piano gratuito di Avira non ti dà un kill switch, il che significa che c’è una piccola possibilità che la tua identità venga data via se la connessione VPN diminuisce. Questo non è un problema se si esegue l’aggiornamento, tuttavia, e le edizioni gratuite ea pagamento offrono entrambe una protezione DNS per le perdite. Abbiamo controllato i client desktop e mobili con IPLeak, DNSLeakTest e DoILeak e non abbiamo riscontrato perdite di privacy di alcun tipo.

Un documento di supporto fornisce alcuni dettagli sulla politica di registrazione di Avira, spiegando che il servizio non traccia “il tuo vero indirizzo IP, le località virtuali (indirizzi IP) che usi mentre navighi, i siti web che visiti [e] qualsiasi informazione che possa collegarti a un’azione, come il download di un file. “

Il documento ammette di registrare la quantità di dati che consumi, indipendentemente dal fatto che tu sia un utente gratuito oa pagamento e (facoltativamente) dati diagnostici come dettagli sugli errori delle app. Ma nessuno di questi costituisce alcun rischio significativo per la privacy, e molte VPN commerciali registrano dettagli simili, e spesso anche di più.

  • Ottieni il 37% di Avira Phantom VPN con la nostra offerta esclusiva qui

applicazioni

Installare Avira Phantom VPN su un PC è facile, anche se ha lo stesso problema di tutti gli altri software Avira: si ottiene anche il launcher Avira standard, che lo si voglia o meno.

(Non c’è niente di sbagliato con il launcher: è un modo semplice per visualizzare e gestire tutti i prodotti Avira da un’unica posizione, ma se si utilizza solo Phantom VPN, non è necessario.)

Tuttavia, il programma di avvio può essere ignorato, e in caso contrario il client ha l’aspetto e la sensazione che si aspettano. Lanciarlo dall’icona di una barra delle applicazioni e fare clic su un pulsante per connettersi al server VPN più vicino o scegliere l’opzione preferita da un elenco. Facile.

Il selettore di località è relativamente semplice, senza possibilità di visualizzare i server all’interno di un Paese e nessun sistema Preferiti. I tempi di localizzazione aiutano a scegliere il miglior server per te, e cambiare server è anche molto semplice. Non è necessario chiudere la connessione corrente prima di poterne avviare un’altra, basta scegliere una nuova posizione e Avira si riconnetterà automaticamente per te.

Una finestra di dialogo Impostazioni minima consente di avviare il client all’avvio di Windows, consentendo a un kill switch di bloccare il traffico Internet in caso di interruzione della VPN (in modo anomalo, questa opzione è disattivata per impostazione predefinita) e una capacità limitata di proteggere automaticamente le connessioni alle reti wireless. Queste funzionalità valgono la pena, ma gli esperti potrebbero perdere la mancanza di opzioni e modifiche di basso livello che spesso otterranno altrove.

L’app Android di Avira Phantom VPN ha un gradito vantaggio rispetto al suo cugino Windows: una prova gratuita di 7 giorni, un modo più realistico per testare correttamente il servizio rispetto alla limitata disponibilità di dati del desktop.

Altrimenti, tuttavia, le app mobili funzionano più o meno allo stesso modo, anche se con poche funzioni in meno (senza ping nell’elenco delle posizioni, nessun kill switch), sebbene sia ancora possibile che l’app protegga automaticamente le connessioni su hotspot wireless insicuri.

L’app per Android ha anche sembrato comportarsi male sul nostro sistema di test rifiutandosi occasionalmente di disconnettersi, non importa quante volte abbiamo premuto il pulsante Turn VPN Off. Non vediamo gli altri lamentarsi dello stesso problema, quindi forse è stato un problema temporaneo o qualcosa relativo al nostro sistema di test. Non è ancora una buona notizia, tuttavia abbiamo testato più VPN sullo stesso sistema e questa è stata la prima volta che abbiamo riscontrato un problema.

Prestazione

Il collegamento alle postazioni Avira Phantom VPN a volte richiedeva più tempo del previsto, anche con i server nelle vicinanze: fino a 15 secondi. Non ci sono stati timeout o errori di connessione, però – alla fine ci siamo sempre collegati.

Le velocità di download dal nostro server britannico più vicino erano sorprendentemente basse, con una media di 27 Mbps su una linea a 75 Mbps.

I paesi vicini all’Europa sono stati molto più veloci, con i Paesi Bassi che ci hanno dato 60-65 Mbps, e anche la Polonia ha ottenuto risultati migliori con una media di 31 Mbps.

La velocità degli Stati Uniti variava da 54 a 58 Mbps per New York e Newark, a 30-35 Mbps ancora accettabili da Los Angeles.

Anche le connessioni a distanza più lunghe hanno funzionato meglio di quanto ci aspettassimo, con il Brasile in media a 32 Mbps e l’Australia a 35-40 Mbps.

  • Salva te stesso un pacchetto con la nostra offerta esclusiva Avira Phantom VPN qui

Netflix

Avira non fa alcuna specifica affermazione circa l’abilità di Phantom VPN di accedere ai contenuti geoblocked, quindi abbiamo provato ad accedere ad alcuni siti Web con restrizioni per vedere cosa sarebbe successo.

BBC iPlayer sta facendo sforzi crescenti per prevenire l’accesso VPN e ci ha bloccato con successo. Potremmo visitare il sito durante la connessione con la sede di Avira nel Regno Unito, ma quando abbiamo provato a trasmettere i contenuti, è stato detto “Questo contenuto non è disponibile nella tua posizione”.

YouTube sembra fare solo il più elementare controllo degli indirizzi IP sui visitatori, ei server statunitensi di VPN Phantom lo hanno aggirato senza difficoltà, permettendoci di visualizzare liberamente i contenuti solo negli Stati Uniti.

Netflix è uno dei siti Web meglio protetti e Phantom VPN non è stato in grado di darci accesso. Qualunque server abbiamo provato, non abbiamo visto nulla di più della solita poppa “sembra che tu stia usando un messaggio di errore di sblocco o proxy”. Questo può cambiare di settimana in settimana, tuttavia, poiché una VPN modifica gli IP e le mosse di Netflix per bloccarli, vale sempre la pena controllarsi per l’ultimo stato.

  • Scopri la nostra esclusiva offerta Avira Phantom VPN per il 37% di sconto

Supporto

Visita il sito di supporto di Avira e potresti sperare in una serie di tutorial utili sull’installazione, l’utilizzo e la risoluzione dei problemi del servizio. Quello che ottieni in realtà è un motore di ricerca che, per impostazione predefinita, restituisce i thread corrispondenti dal forum utente. Ci sono alcune informazioni utili da trovare lì, ma non inizia ad abbinare il contenuto professionale di un provider come ExpressVPN.

Ci sono articoli della knowledge base, ma spesso sono altrettanto basilari. Ad esempio, le domande frequenti su cosa fare in caso di errore “Impossibile connettersi al server” è provare un altro server o reinstallare l’app. Wow, grazie.

Gli utenti gratuiti non ottengono ulteriore aiuto, ma se hai pagato per Phantom VPN Pro, puoi ottenere assistenza via telefono o e-mail. Preferiremmo chat dal vivo per la sua velocità e la possibilità di mantenere una cronologia di ciò che hai discusso, ma il supporto telefonico potrebbe essere di grande aiuto per gli utenti inesperti e, nel complesso, è un vantaggio decisivo per il servizio.

  • La nostra esclusiva offerta Avira Phantom VPN rappresenta un notevole risparmio del 37%

Verdetto finale

La mancanza di funzionalità e il supporto dei dispositivi di Avira Phantom VPN sarà un grosso problema per gli esperti, ma se hai solo bisogno delle basi della VPN o se puoi vivere nei limiti del piano gratuito, allora potrebbe valere la pena dare un’occhiata.

  • Scopri anche le migliori VPN gratuite