Avid è il nonno dei video editor. È stato lì fin dall’inizio e ancora comanda una parte del leone nel mercato del video editing professionale. È lo standard del settore e, anche se un numero crescente di film viene tagliato anche su Adobe Premiere e Final Cut Pro, è molto probabile che se lavorerai in un ambiente professionale, questo è quello che farai giorno dopo giorno.

Media Composer Ultimate è il software di editing video Avid di punta per Windows e Mac, e non è per i deboli di cuore. Sebbene l’interfaccia sia immediatamente riconoscibile a chiunque abbia utilizzato qualsiasi altro tipo di software di editing video, la sua personalizzazione piacerà a tutti quelli che sono in grado di creare l’ambiente di lavoro che si adatta perfettamente a loro.

  • Puoi scaricare Avid Media Composer Ultimate 2018.12 qui

Ogni parte dell’interfaccia è una finestra mobile, che può essere ridimensionata e spostata. Puoi anche trovare nella sezione Strumenti caratteristiche opzionali aggiuntive che puoi portare alla ribalta, nel caso tu ne abbia bisogno.

Le opzioni di personalizzazione sono legionarie. Qui, ci stiamo concentrando maggiormente sui livelli audio.

È possibile agganciare le finestre all’interno di Windows e passare da quelle come si farebbe tra le schede del browser web. Puoi ingrandire il carattere del menu: la personalizzazione è impressionante e non abbiamo ancora iniziato a modificarlo!

Importazione

Prima di iniziare, devi prima impostare le dimensioni del tuo progetto: noterai che puoi creare progetti fino a 16K e persino creare formati con altezza e larghezza personalizzate, il che è ideale se stai cercando di creare banner o promozioni web per esempio per esposizioni.

L’importazione di media può essere eseguita in vari modi. Se lavori con un registratore, puoi collegarlo al tuo computer e registrare e acquisire il filmato. Se la videocamera registra su un disco rigido interno, collegalo e utilizza il browser di origine per importare il filmato. Qualsiasi supporto già memorizzato su una delle tue unità può essere aggiunto a Media Composer allo stesso modo, anche se puoi scegliere di importare il metraggio o semplicemente di collegarlo ad esso – quest’ultimo risparmia spazio ma devi assicurarti che l’unità sia mantenuta connessa per modificare con il supporto scelto (motivo per cui il collegamento non è mai consigliato quando si importano filmati da una videocamera – per questo software o qualsiasi altro pacchetto di editing video). La transcodifica / conversione del filmato importato può richiedere un po ‘di tempo. Media Composer gestisce anche le importazioni EDL così come i file Photoshop a più livelli, tra molti altri formati.

Puoi mettere i tuoi filmati importati in contenitori (ovvero cartelle), aiutandoti ad organizzarti mentre raccogli le risorse necessarie per creare il tuo progetto. Da lì, puoi fare doppio clic su una clip per visualizzarne l’anteprima, impostare i punti di entrata e di uscita e aggiungere la selezione alla Timeline.

Una rapida panoramica dell’interfaccia di modifica principale, simile a qualsiasi altra applicazione di editing video.

La modifica

Come ti aspetteresti, tutti gli strumenti necessari per tagliare i tuoi filmati sono a tua disposizione e l’esperienza è simile ad altri software di editing video. Media Composer ti consente di accedere a 24 tracce video e 64 tracce audio, consentendo di creare sequenze abbastanza complesse.

Media Composer ha una funzione Avid chiama Live Timeline. In parole povere, è possibile riprodurre la sequenza mentre si lavora su altre sezioni dell’interfaccia, come la creazione di contenitori, lo spostamento di finestre in giro, o il solo o silenziamento delle tracce audio; niente di ciò dovrebbe interrompere la riproduzione. Nella nostra esperienza, questo dipende molto dalla potenza della CPU del tuo computer, ma è comunque un’aggiunta benvenuta.

Gran parte della navigazione e dell’editing sembra funzionare meglio tramite la tastiera. Tanto che infatti la tastiera stessa è completamente mappabile e personalizzabile. Puoi comunque modificare prevalentemente con il mouse, ma se ti prendi il tempo per familiarizzare con il layout della tastiera, apprezzerai i benefici a lungo termine.

Se sei nuovo in Avid, potresti trovarti un po ‘sopraffatto. C’è tuttavia una sezione di aiuto molto dettagliata, ma si presume che tu conosca il tuo modo di aggirare un pacchetto di editing video: ancora una volta, questa app non è per i principianti.

Una delle potenti funzionalità di Media Composer è l’editing multicamera, e c’è anche una funzione di auto-sincronizzazione molto utile per sincronizzare tutti i diversi angoli. Questo processo si basa sull’analisi della forma d’onda e un recente aggiornamento ha spostato questa funzionalità da multicamera e in scatti con una sola telecamera, per cineasti che registrano audio e video su dispositivi separati (questo funziona fintanto che il video registra anche l’audio che Media Composer può quindi corrispondere).

Una nuova funzionalità di editing Multicam è la possibilità di aggiungere un’altra angolazione della telecamera dopo che è stato creato l’Ambiente di modifica Multicam. Questo è un grande vantaggio per il processo di modifica in quanto non è necessario avere tutte le clip pronte prima di iniziare a lavorare sulla sequenza.

I filtri, le transizioni e le tracce audio disponibili vengono visualizzati come una lista senza anteprima delle loro funzionalità.

Effetti e transizioni

Ovviamente, nessuna applicazione di editing varrebbe la pena senza includere effetti per migliorare la qualità del tuo audio e video. Media Composer è dotato di una vasta gamma di questi, dal ducking audio, strumenti di punch-in e la possibilità di alterare la frequenza di campionamento, agli effetti video tra cui la correzione del colore, timewarp e la tecnologia di stabilizzazione. Ovviamente hai una buona selezione di transizioni tra cui scegliere, e puoi anche includere titoli per il tuo progetto attraverso un paio di pacchetti software di titolo inclusi con Media Composer.

È possibile modificare l’area di lavoro per facilitare il lavoro di correzione del colore.

A proposito di ciò che è incluso, è importante dare un’occhiata alle opzioni di proprietà. Sebbene sia possibile acquistare il software a titolo definitivo (noto come “licenza perpetua”), Avid sta fortemente spingendo il modello di abbonamento, includendo anche app aggiuntive come Symphony (si pensi ad Avid’s AfterEffects) nel pacchetto di abbonamento di Media Composer Ultimate. Inoltre, la differenza tra Media Composer e la versione Ultimate è che quest’ultimo include la possibilità per gli editor di lavorare in un ambiente collaborativo. Se non ne hai bisogno, potresti stare meglio a rinunciare alla versione Ultimate.

Verdetto finale

Media Composer è un potente kit di componenti, progettato per funzionare in combinazione con componenti aggiuntivi hardware, ma puoi anche modificarlo con un software standalone. Se sei serio sul montaggio, questa è probabilmente la strada da percorrere, anche se non è un’opzione economica. Vorremmo dire che dovresti prenderlo solo se hai intenzione di diventare un editore professionista. Se sei sulla recinzione, il software viene fornito con una prova gratuita di 30 giorni, quindi puoi metterlo alla prova da solo senza alcun rischio o obbligo.

  • Abbiamo anche evidenziato il miglior software di editing video